Raffreddore nei bambini

Il raffreddore nei bambini sani non è in genere una condizione pericolosa, ma sicuramente fastidiosa. Ecco cosa fare.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 5 minuti
Bambino raffreddore consigli rimedi

È più fastidioso di quello che colpisce gli adulti, dà più sintomi e in genere dura un po’ di più. Spesso si risolve senza particolari trattamenti.

Il raffreddore è il disturbo più comune nei bambini di tutte le età e, salvo che nei neonati, se il piccolo è sano non è una condizione pericolosa.

Considerata la grande varietà di virus che lo possono scatenare, non è però insolito che il bambino si ammali più volte (fino a 9-10) nel corso di una stessa stagione.

L’elevata incidenza è dovuta alla facilità di trasmissione, che avviene sia per via aerea, inalando le goccioline che un soggetto infetto emette con la tosse o lo starnuto, sia per contatto con superfici contaminate.

Il bambino, infatti, tende a portare spesso le mani al viso, trasferendo al naso o agli occhi eventuali virus “raccolti” toccando giochi o altri oggetti sui quali si erano depositati.

Sintomi

I sintomi sono simili a quelli che compaiono nell’adulto, ma hanno alcune caratteristiche particolari.

Per esempio, insorgono in modo improvviso: il piccolo può andare a letto la sera completamente in salute e alzarsi la mattina dopo con il raffreddore.

I sintomi più frequenti sono:

  • naso chiuso o che cola
  • starnuti frequenti
  • lacrimazione
  • affaticamento
  • febbre (non sempre)
  • tosse (non sempre)
  • diarrea e vomito (non sempre)

Agli inizi il bambino, soprattutto se piccolo, può anche essere molto irritabile e lamentare mal di testa e congestione.

La febbre, generalmente, scende nel giro di tre giorni, mentre la tosse, quando compare, può durare per parecchio tempo, anche per 15-20 giorni.

Nei lattanti l'ostruzione nasale può interferire sulla capacità di succhiare, e ciò può creare un momentaneo rallentamento della crescita.

Complicazioni

Le complicazioni più frequenti nei bambini sono le sovrainfezioni batteriche, con comparsa di otiti, sinusiti, congiuntiviti e, più raramente, polmoniti.

Insorgono, sia perché l'infezione virale diminuisce temporaneamente le difese immunitarie, sia perché queste ultime, soprattutto nei più piccoli, non sono ancora del tutto efficienti.

Quando chiamare il pediatra

È opportuno interpellare il pediatra se:

  • il bambino ha meno di 3 mesi di vita e ha febbre
  • il bambino dopo qualche giorno non migliora
  • sono presenti febbre alta, brividi, vomito, tosse o grave affaticamento
  • la respirazione è difficoltosa e non migliora dopo aver pulito il naso
  • il bambino sembra molto sofferente

Prevenzione e terapie

È buona norma lavare spesso le manine dei bambini con acqua e sapone per circa 20 secondi, in modo da essere sicuri di eliminare eventuali virus presenti. Così si rende meno probabile il contagio attraverso oggetti.

È poi opportuno insegnare ai bambini l’importanza di coprirsi il naso e la bocca con le mani quando si starnuta e/o si tossisce, in modo da limitare la diffusione del virus.

In genere il raffreddore fa il suo corso e scompare da solo. Esistono comunque alcuni comportamenti che favoriscono la guarigione.

  • Pulire bene il naso. È importante a qualsiasi età, per prevenire l'accumulo di muco infetto e, quindi, lo sviluppo di complicazioni. Ciò è ancora più necessario nel lattante per aiutare la respirazione: infatti nei primi 6 mesi di vita i bambini non sono in grado di respirare attraverso la bocca.

  • Riposo e idratazione. È bene che il bambino si riposi il più possibile e che beva a sufficienza.

  • Umidificare l’aria. Soprattutto di notte è bene usare un umidificatore nella stanza dove dorme il bambino: l’aria umida aiuta a mantenere naso e polmoni puliti.

  • Tenere lontani i bambini da ambienti in cui si fuma.

Per quanto riguarda i farmaci, se la temperatura non è troppo alta e se il bambino non è soggetto a convulsioni febbrili, non è necessario abbassarla con i farmaci.

Nel caso, per febbre e dolori è possibile usare antidolorifici e antipiretici come paracetamolo o ibuprofene, reperibili anche in formulazioni adatte ai bambini, ma sempre dietro consiglio del pediatra.

Nei bambini al di sotto dei 12 anni, inoltre, non è indicato l’uso di farmaci decongestionanti nasali e di sedativi della tosse, mentre nei bambini al di sopra dei due anni un mucolitico può aiutare a eliminare il muco in eccesso, tenendo presente che tosse e starnuti generalmente aumentano nei primi giorni di trattamento.

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Raffreddore neonato: rimedi per curarlo

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Battaglioli1 Marina Battaglioli
Pediatra e neonatologa

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

Fotogallery

Cinque leggende sul raffreddore: che cosa dice la scienza?

  • Raffreddore coperti caldo

    Vestiti bene altrimenti ti ammali

    È il classico tormentone che ogni madre riserva ai propri figli. Da piccoli, sempre. Ma a volte anche da grandi. Uscire di casa, in autunno e in inverno, senza il cappotto e la maglia di lana non aumenta il rischio di buscarsi un raffreddore. A causare il classico malanno invernale non è altro che un virus. Colpisce di più durante la stagione fredda per la semplice ragione che trascorriamo più ore al chiuso, in casa e al lavoro, e assieme a più persone. Per cui il rischio di contagio aumenta.

  • Raffreddore capelli bagnati

    Se non asciughi bene i capelli ti viene un malanno

    Uscire di casa con la testa bagnata in inverno non è certo una bella sensazione. Ma a parte questo semplice disagio non si corrono altri rischi. Il vero responsabile del raffreddore, a dispetto del nome, non è il freddo, ma un virus. E a meno che non si prenda così tanto freddi da andare in ipotermia, e quindi essere più suscettibili alle infezioni, la temperatura esterna non è così importante.

  • Raffreddore appetito

    Mangia che ti passa

    Il raffreddore toglie l’appetito, su questo non ci sono dubbi. E sforzarsi di mangiare non serve a nulla. Al limite è importante bere liquidi in abbondanza per restare ben idratati. Tuttavia, è bene evitare, in un’ottica di prevenzione, di sottoporsi a diete ipocaloriche in vista della stagione dei malanni invernali: uno studio del 2008 pubblicato sul Journal of Nutrition ha scoperto che mettersi a dieta in questo periodo non fa altro che indebolire le difese naturali dell’organismo. E se si prende un raffreddore ci mette di più per guarire.

  • Raffreddore brodo di pollo

    Bevi il brodo di pollo che guarisci prima

    È il classico rimedio della nonna contro i raffreddori. In questo caso però potrebbe avere ragione: uno studio pubblicato sulla rivista Chest ha infatti dimostrato che una tazza di brodo di pollo aiuta l’organismo a reagire, attraverso il sistema immunitario, contro i virus del raffreddore.

  • Raffreddore superalcolico

    Un bicchierino di whisky lo manda via

    È la classica leggenda metropolitana, che piace a molti uomini. Eppure non è mai stato dimostrato che gli alcolici aiutino a superare il raffreddore. Anzi, in teoria l’alcol è nemico del sistema immunitario, nel senso che chi ne abusa va spesso in contro a un deficit nelle difese naturali dell’organismo. Meglio dunque evitare alcolici e superalcolici.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su