Quercus

La quercia, detta anche farnia, è un albero maestoso la cui corteccia è stata impiegata fin dall’antichità per la cura della diarrea, delle emorroidi e delle ferite.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 2 minuti
Quercus proprietà

Che cos’è

La Quercia (Quercus robur), detta anche Farnia, è un albero maestoso, che può sfiorare addirittura i 50 metri di altezza ed è caratterizzato da crescita lenta e proverbiale longevità.

Grazie alla presenza di tannini nella corteccia veniva impiegata nell’antichità per la cura della diarrea, delle emorroidi e delle ferite.

Le attività

L’attività principale della quercia è quella astringente. Esplica anche azione cicatrizzante, antinfiammatoria (in particolare sulle mucose), leggermente antisettica, seboregolatrice, antiulcera e antisecretiva.

Perché si usa

L’estratto di quercia viene utilizzato in molti ambiti nei quali è utile l'attività astringente, antinfiammatoria e cicatrizzante, quali per esempio diarrea, gengiviti e infiammazioni del cavo orale, acidità gastrica ed anche anche piaghe e lesioni cutanee, fistole e ragadi anali, emorroidi e varici.

È utilizzata anche contro la forfora.

Come si usa

Si utilizza l’estratto di corteccia giovane all’1% per uso interno al 10% per uso esterno. Si può impiegare anche la tintura madre preparata dalla corteccia fresca in soluzione alcolica (a 65°) o acquosa (per uso esterno, alla concentrazione del 10%). Un’altra modalità d’uso è in decotti e tisane, in caso di infezioni gastrointestinali e diarrea.

Effetti indesiderati

La tossicità è molto bassa. Gli effetti indesiderati possono essere legati all’uso protratto e/o a dosaggi elevati e consistono per lo più in nausea, vomito e infiammazione gastrointestinale per effetto dei tannini.

Precauzioni

L’impiego deve avvenire sotto controllo medico. Non ci sono particolari avvertenze al di fuori di un utilizzo con le modalità consigliate.

Interazioni

Le interazioni possono instaurarsi nei confronti di alcaloidi e sali di metalli pesanti (in passato l’estratto di quercia era impiegato proprio come antidoto per questa tipologia di avvelenamento).

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Sannia1 Antonello Sannia
Endocrinologo, docente di Fitoterapia

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

Acidità di stomaco dopo aver mangiato: che fare?

Acidita di stomaco dopo mangiato

Può essere occasionale e spesso è legata a un pasto ricco di grassi. Ecco i consigli del farmacista

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Sette trucchi per digerire meglio

  • Digerire pranzo stress

    Mangia con calma

    La fretta è il peggior nemico della digestione. Meglio prendersi il tempo necessario per mangiare e masticare con calma, boccone dopo boccone. Meglio evitare quindi il panino ingurgitato in fretta e furia al bancone del bar perché è il modo migliore per sentirlo andare su e giù per tutta la giornata. Se possibile, nella pausa pranzo, vanno evitate anche le fonti di stress. Quindi niente discussioni di lavoro, almeno a tavola.

  • Digestione pantaloni

    Evita le cinture che “strizzano” la vita

    Almeno un merito la tanto vituperata moda dei pantaloni “a vita bassa” ce l’ha: lascia libero lo stomaco da inutili costrizioni, facendo appoggiare le cinture o fasce sui fianchi. Chi invece preferisce vestirsi in modo più classico deve orientarsi verso tagli più morbidi e tessuti meno rigidi. E le donne che indossano gonne o shorts e collant dovrebbero evitare di posizionare gli elastici proprio all’altezza dell’ombelico.

  • Digerire fritto

    Stai lontano dai cibi grassi

    Fritti e condimenti a base di burro sono tra gli alimenti più difficili e lunghi da digerire. Lo stomaco deve lavorare un bel po’ prima di riuscire a smaltirli. Chi soffre di problemi digestivi deve quindi evitare, a pranzo e a cena, di mettere troppi grassi nel piatto.

  • Pennicchella digestione

    No alla pennichella

    Dopo un pranzo abbondante, a volte anche dopo un pasto leggero, viene l’abbiocco. Non è nulla di grave: il sangue scorre copioso verso lo stomaco, per favorire la digestione, e diminuisce l’afflusso al cervello. Stanchezza, spossatezza, palpebre abbassate sono un fenomeno naturale. Meglio evitare però la classica pennichella se si fa fatica a digerire perché la posizione orizzontale e il sonno non facilitano il lavoro dello stomaco.

  • Acqua digestione

    L’acqua frizzante non serve

    C’è chi pensa che l’acqua gassata aiuti a digerire. Sarebbe bello, ma in realtà è soltanto un’impressione. L'anidride carbonica non ha alcuna proprietà digestiva: le bollicine si limitano a dilatare lo stomaco, favorendo l'espulsione del gas. Ma questo non certo è sinonimo di digestione.

  • Digestione freddo

    Niente sbalzi di temperatura dopo mangiato

    Anche il classico colpo d’aria allo stomaco, così come il tuffarsi in acqua, subito dopo un pasto è un deterrente alla digestione. Il freddo è un ostacolo al lavoro dello stomaco e se per alcune fortunate persone non cambia nulla, per quelli che soffrono di difficoltà digestive può rappresentare un problema.

  • Antiacido

    Un antiacido all’occorrenza

    Se dopo il pasto insorgono bruciori e dolori allo stomaco è molto probabile che ci sia un problema di iperacidità gastrica. Niente di grave, se succede di tanto in tanto. Nella gran parte dei casi può bastare un antiacido, di quelli che si comprano in farmacia senza ricetta medica. Si tratta di sostanze che reagiscono con l'acido cloridrico, neutralizzandolo. Si presentano sotto forma di compresse o granulati, come per esempio i preparati a base di carbonato di calcio e di magnesio. Neutralizzano rapidamente l'iperacidità e sono rimedi efficaci per facilitare la digestione.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI PIANTE OFFICINALI
Torna su