Pubblicità

Piede d’atleta

Il piede d’atleta, o tinea pedis, è una micosi abbastanza diffusa, soprattutto in estate e in chi pratica sport. Alcune misure preventive possono aiutare ad evitare il contagio.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 3 minuti
Piede d'atleta cause sintomi terapie

Che cos’è

Piede d'atleta è un termine popolare ”piede d’atleta” usato per indicare una micosi del piede scientificamente detta tinea pedis o tricofitosi.

È una micosi molto contagiosa ed è prevalentemente causata dai funghi dermatofiti (cioè che prosperano sull'epidermide) del genere Trichophyton e Epidermophyton.

La patologia è abbastanza diffusa, specialmente in estate e il contagio avviene soprattutto nei luoghi umidi come spogliatoi, piscine, saune.

Il piede d'atleta è un’infezione che colpisce maggiormente gli sportivi perché abituali frequentatori di tali luoghi, tuttavia possono essere interessate da questa forma di micosi del piede anche tutte le altre persone, con una maggiore predisposizione dei maschi adulti/anziani.

Se invece il tuo problema è la micosi delle unghie del piede leggi questo articolo.

Cause

La crescita dei funghi è favorita da temperature elevate (25-35°C) e umidità. Fattori di rischio sono quindi: l’ipersudorazione, il mancato rispetto di semplici norme igieniche in luoghi come piscine, stanze d’albergo e palestre e l’utilizzo di indumenti sintetici o calzature chiuse che non permettono la traspirazione del piede.

Sintomi

La patologia non è grave, ma sicuramente sgradevole e, in caso di sovrainfezione batterica, provoca prurito intenso, bruciore e spesso si associa a cattivo odore.

La zona più colpita risulta essere quella tra il 3° e 4° dito del piede dove si osservano arrossamenti (eritemi) e screpolature.

Pubblicità

Complicanze

Come tutte le micosi cutanee il piede d’atleta non va sottovalutato ed è opportuno ricorrere a un trattamento tempestivo per evitare sovrainfezioni batteriche.

Inoltre, se la malattia viene trascurata possono insorgere dolorose vesciche in grado di limitare la deambulazione, oppure screpolature cutanee resistenti a cure superficiali che possono causare sanguinamento.

Prevenzione

La prevenzione è fondamentale. Pertanto è importante tenere i piedi freschi e asciutti, usare scarpe che permettono la traspirazione, calze di cotone o di seta, indossare ciabatte e fare uso di asciugamani personali.

Inoltre si consiglia di lavare la biancheria a temperature elevate (oltre 60°C) o in varechina.

Terapia

La terapia prevede prodotti topici a base di antifungini come il clotrimazolo e bifonazolo (creme, spray cutanei, polveri) e il trattamento dura circa 3 settimane, ma è consigliabile protrarlo per almeno 2 settimane dalla scomparsa dei sintomi per evitare recidive.

In caso di complicanze possono essere prescritti dal medico antimicotici per via orale.

Per saperne di più sui farmaci per curare questa patologie leggi la scheda Antimicotici.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Garonzi Francesco Garonzi
Dermatologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

CONSULTA IL DOSSIER "MICOSI DELLA PELLE"
VIDEO

Come si cura il piede d’atleta?

Curare piede di atleta

Il piede d'atleta è una micosi superficiale che richiede, in genere, solo un trattamento topico a base di creme antifungine, come quelle che contengono bifonazolo.

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI PATOLOGIE A/Z
Torna su