Pubblicità

Otiti ricorrenti: prova con l’acqua di mare

Essenziale evitare i malanni di stagione tenendo pulite le vie aeree con soluzioni saline isotoniche.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
otite, bambini, aerosol

Essenziale evitare i malanni di stagione tenendo pulite le vie aeree con soluzioni saline isotoniche.

Un colpo di freddo, un raffreddore, una tonsillite. Basta poco perché le tube di Eustachio, quei canalini che mettono in comunicazione il retrobocca con l’orecchio, siano ostruite dal muco e si infiammino.

E così si scatena l’otite. Negli adulti è un fenomeno poco frequente, ma nei bambini nei primi anni di vita, vittime abituali di infezioni virali e batteriche di naso e gola, le infiammazioni dell’orecchio sono molto comuni. Con tutto quel che ciò significa in termini di dolore, malessere, pianti, inappetenza e notti agitate.

Per ridurre la probabilità che il disturbo si instauri è innanzitutto necessario prevenire le condizioni che lo favoriscono, ossia raffreddore, influenza, tonsilliti e bronchiti, evitando due disagi in un colpo solo.

Come fare? Oltre a proteggere il bambino da sbalzi di temperatura e, nei limiti del possibile, dalle occasioni di contagio (vicinanza con persone già ammalate, frequentazione di luoghi pubblici affollati nei periodi di massima diffusione dei virus influenzali ecc.) un rimedio efficace viene dall’acqua di mare.

Pubblicità

O meglio, da soluzioni isotoniche sterili caratterizzate da una composizione di sali minerali simili a quelle marine, da utilizzare in gocce per lavaggi nasali quotidiani oppure sotto forma di aerosol per liberare il naso dalle secrezioni, attenuare infiammazioni iniziali e riequilibrare le mucose, rendendole meno suscettibili all’attacco di virus e batteri.

In gocce o con l’aerosol

Sono molto semplici da usare e molto ben tollerate anche dai bambini di pochi mesi. Nel caso dei lavaggi nasali è sufficiente instillarne poche gocce in ciascuna narice e, quindi, eliminarle insieme al muco con un piccolo aspiratore nasale in gomma morbida, oppure facendo soffiare il naso al bambino con una certa decisione.

Nel caso dell’aerosol, basta aggiungere la soluzione nell’ampolla dell’apparecchio e procedere alla somministrazione del vapore con la mascherina come d’abitudine.

Oltre che a scopo preventivo, questi due interventi sono preziosi anche quando l’otite è già presente, per favorirne la guarigione in modo fisiologico e senza il rischio di effetti collaterali.

Bisogna, infatti, ricordare che per le infiammazioni dell’orecchio non esistono molti rimedi efficaci. E questo perché, nella maggior parte dei casi, a determinarle sono la già citata ostruzione delle tube di Eustachio oppure virus, contro i quali non esistono farmaci appropriati specifici.

Nei casi, fortunatamente rari, in cui è presente un’infezione batterica possono essere utili gli antibiotici, ma l’opportunità del loro impiego deve essere sempre stabilita dal medico e comunque limitata alle situazioni di effettiva necessità, se non se ne vogliono trarre più danni che benefici.

Se molto intensi, per alleviare dolore e infiammazione all’orecchio e attenuare l’eventuale febbre associata all’otite si può somministrare un farmaco analgesico o un antinfiammatorio, ma anche in questo caso deve sempre essere il medico a consigliarlo e a indicare tempi e dosaggi del trattamento.

Claudia Carasi

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Battaglioli1 Marina Battaglioli
Pediatra e neonatologa

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

Bambini e vaccinazioni: facciamo il punto

Vaccinazioni nei bambini

Quali sono i rischi? E quello contro il papilloma virus funziona davvero?

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Cinque leggende sul raffreddore: che cosa dice la scienza?

  • Raffreddore coperti caldo

    Vestiti bene altrimenti ti ammali

    È il classico tormentone che ogni madre riserva ai propri figli. Da piccoli, sempre. Ma a volte anche da grandi. Uscire di casa, in autunno e in inverno, senza il cappotto e la maglia di lana non aumenta il rischio di buscarsi un raffreddore. A causare il classico malanno invernale non è altro che un virus. Colpisce di più durante la stagione fredda per la semplice ragione che trascorriamo più ore al chiuso, in casa e al lavoro, e assieme a più persone. Per cui il rischio di contagio aumenta.

  • Raffreddore capelli bagnati

    Se non asciughi bene i capelli ti viene un malanno

    Uscire di casa con la testa bagnata in inverno non è certo una bella sensazione. Ma a parte questo semplice disagio non si corrono altri rischi. Il vero responsabile del raffreddore, a dispetto del nome, non è il freddo, ma un virus. E a meno che non si prenda così tanto freddi da andare in ipotermia, e quindi essere più suscettibili alle infezioni, la temperatura esterna non è così importante.

  • Raffreddore appetito

    Mangia che ti passa

    Il raffreddore toglie l’appetito, su questo non ci sono dubbi. E sforzarsi di mangiare non serve a nulla. Al limite è importante bere liquidi in abbondanza per restare ben idratati. Tuttavia, è bene evitare, in un’ottica di prevenzione, di sottoporsi a diete ipocaloriche in vista della stagione dei malanni invernali: uno studio del 2008 pubblicato sul Journal of Nutrition ha scoperto che mettersi a dieta in questo periodo non fa altro che indebolire le difese naturali dell’organismo. E se si prende un raffreddore ci mette di più per guarire.

  • Raffreddore brodo di pollo

    Bevi il brodo di pollo che guarisci prima

    È il classico rimedio della nonna contro i raffreddori. In questo caso però potrebbe avere ragione: uno studio pubblicato sulla rivista Chest ha infatti dimostrato che una tazza di brodo di pollo aiuta l’organismo a reagire, attraverso il sistema immunitario, contro i virus del raffreddore.

  • Raffreddore superalcolico

    Un bicchierino di whisky lo manda via

    È la classica leggenda metropolitana, che piace a molti uomini. Eppure non è mai stato dimostrato che gli alcolici aiutino a superare il raffreddore. Anzi, in teoria l’alcol è nemico del sistema immunitario, nel senso che chi ne abusa va spesso in contro a un deficit nelle difese naturali dell’organismo. Meglio dunque evitare alcolici e superalcolici.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su