Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Mal di testa, latticini e intolleranza al glutine"

Soffro molto spesso di mal di testa e, in seguito a una visita gastroenterologica, mi è stata consigliata una dieta senza glutine e senza latte (i latticini freschi li digerisco, ma non in latte). Il problema è che sono anche in sovrappeso e le diete senza glutine, a quanto ne so, spesso risultano ipercaloriche. Che fare?

Intolleranza al glutine e mal di testa possono anche non essere correlati tra loro. La dieta senza glutine è consigliata alle persone che, effettivamente, soffrono d’intolleranza al glutine (celiachia) e, prima di prescrivere la restrizione, tale problema va attentamente indagato con esami specifici. Esistono oggi molte e diverse forme d’ipersensibilità intestinale che si possono confondere con la celiachia e che hanno sintomi molto simili (gonfiore e dolore addominale, alvo tendente alla diarrea), ma che sono meno gravi seppure correlate all’alimentazione. Per quanto attiene il mal di testa, effettivamente il latte e i derivati sono tra gli alimenti che lo possono provocare: i latticini freschi di solito non sono coinvolti, mentre i formaggi troppo stagionati, grassi e fermentati possono essere implicati come fattori scatenanti l’attacco acuto. In ogni modo, per entrambi i disturbi (intolleranza e mal di testa), la dieta va pianificata con l’aiuto di un dietologo e solo dopo aver approfondito le condizioni generali e aver preso le “misure” (peso, altezza, metabolismo basale, impedenziometria, analisi di laboratorio).


Ha risposto Gatti Patrizia Maria

Pgatti

Patrizia Maria Gatti

Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano si è Specializzata in Scienza dell’alimentazione (indirizzo dietetico) presso il medesimo Ateneo nel 1986. Nel 1994 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Biochimica e la Specializzazione in Biochimica Clinica (indirizzo diagnostico) nel 1997

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su