Pubblicità

Le bufale sulla contraccezione

Fa ingrassare? Fa venire i brufoli? Quali sono le false credenze sulla pillola e, soprattutto, qual è la verità?

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 6 minuti

Fa ingrassare? Fa venire i brufoli? Quali sono le false credenze sulla pillola e, soprattutto, qual è la verità?

La contraccezione è un argomento difficile, spesso tabù. Per questo motivo, sul suo uso abbondano leggende metropolitane e miti dei più vari.

Scopriamo quali sono veri, e quali invece no.

La pillola favorisce la ritenzione idrica

Alcuni tipi di ormoni presenti nella pillola possono favorire la ritenzione di liquidi. Questo si verifica di solito nei primi mesi e tende a scomparire con il tempo. Tuttavia, alcune pillole di ultima generazione contengono principi attivi che sono associati a una minore ritenzione idrica.

Se notate un eccessivo accumulo di liquidi, rivolgetevi al vostro ginecologo: potrete provare a cambiare pillola e verificare se ne esistono di più adatte alle caratteristiche del vostro corpo.

La pillola fa venire la cellulite

Si tratta di un disturbo che affligge la quasi totalità delle donne e spesso è indice di cattiva alimentazione o problemi alla microcircolazione.

La pillola non è mai causa diretta di questo fenomeno. Se però notate un aumento della cosiddetta “pelle a buccia d’arancia” durante l’assunzione del farmaco, consultate il vostro ginecologo.

Anche in questo caso è possibile che cambiare pillola possa fare una certa differenza: esistono infatti anticoncezionali orali di nuova generazione che hanno dimostrato una minore associazione con questi disturbi.

I fattori di rischio della cellulite sono questi:

  • predisposizione genetica
  • fumo
  • sedentarietà
  • stress
  • scarso riposo
  • abbigliamento costrittivo
  • stipsi
  • anomalie posturali.

La pillola riduce il desiderio sessuale

Gli ormoni presenti nella pillola non sembrano avere alcuna influenza sul desiderio sessuale.

Se cominci a prendere la pillola devi smettere di indossare le lenti a contatto

Non è così. Gli ormoni presenti nella pillola non rappresentano un ostacolo all'utilizzo delle lenti a contatto.

In alcuni casi si può verificare una leggera secchezza delle mucose oculari. Ma questo è facilmente risolvibile grazie alle lacrime artificiali. Continuate quindi a indossare le vostre lenti a contatto senza preoccupazioni.

La pillola regolarizza il ciclo mestruale

Vero. Questo effetto extra-contraccettivo rappresenta uno dei vantaggi di questo farmaco. Utilizzando la pillola saprete con una certa precisione in quale giorno arriveranno le mestruazioni. Senza dubbio un aspetto positivo!

Se prendi la pillola, sarai protetta da virus e malattie sessualmente trasmissibili come l’HIV

Falso. Questa è una bufala molto pericolosa. Il contagio da questo tipo di malattie avviene per contatto diretto con le mucose o le secrezioni del partner infetto. Il solo modo di proteggersi è quello di utilizzare il preservativo.

La pillola riduce il dolore del ciclo

Regolarizzando l’apporto ormonale nell’organismo, la pillola può ridurre l’intensità del flusso mestruale in molte donne.

Stesso discorso vale per le sensazioni dolorose, che nella maggior parte dei casi diminuiscono notevolmente con l’assunzione di questo anticoncezionale.

La pillola riduce i disturbi tipici della sindrome premestruale

Con “sindrome premestruale” si indica un insieme di sensazioni e sintomi che provocano una sorta di disagio psicologico complessivo: nervosismo, irritabilità, eccessiva sensibilità e sbalzi d’umore sono solo alcune delle situazioni che potreste sperimentare se soffrite di questo disturbo.

La causa sono le oscillazioni degli ormoni femminili, che nei giorni prima delle mestruazioni subiscono delle variazioni consistenti.

Dato che la pillola consente il riequilibrio ormonale nell’organismo, la conseguenza è che anche la sindrome premestruale verrà “tenuta a freno”.

La pillola fa venire i brufoli

Falso. Anzi, è vero il contrario. Spesso l’assunzione di questo tipo di contraccettivo viene usato per ridurre l’acne e altri disturbi della cute, come l’irsutismo.

Secondo recenti studi, per esempio, alcune sostanze contenute nei contraccettivi orali di nuova generazione hanno un effetto positivo su forme moderate di acne.

La pillola fa venire le allergie

Falso. La pillola è un farmaco che contiene un principio attivo che, in quanto tale, potrebbe scatenare un’allergia.

Ma il medicinale, di per sé, non può favorire o provocare reazioni allergiche nei confronti di altri elementi. In altre parole, non aspettatevi di diventare allergiche al fieno o ad altre sostanze se cominciate a prendere la pillola!

Valentina Torchia

Fotogallery

Le cinque cose da sapere sui contraccettivi

  • Preservativo fotogallery

    Doppia protezione con il preservativo

    Agisce impedendo l’ingresso degli spermatozoi negli organi riproduttivi femminili ed evitando così l’incontro tra ovulo e spermatozoi. In questo modo il preservativo riduce il rischio di gravidanze, ma al contempo protegge anche dalle malattie a trasmissione sessuale, come AIDS, clamidia, gonorrea, sifilide, epatiti, ecc. Attenzione però, perché la sua efficacia può essere ridotta (o annullata) da una sua scorretta applicazione o dalla sua rottura durante il rapporto.

  • Contraccettivi ormonali

    Tante tipologie di contraccettivi ormonali

    La contraccezione ormonale prevede l’utilizzo di ormoni femminili, in genere estrogeni e progestinici, che possono essere assunti con diverse modalità: per bocca nel caso della pillola, attraverso le pareti della vagina se si utilizza l’anello vaginale, o per via cutanea se si scegli il cerotto. Il meccanismo d’azione però è sempre lo stesso, ovvero il blocco dell’ovulazione.

  • Falsi miti pillola fotogallery

    I falsi miti sulla pillola

    Ritenzione idrica, cellulite, acne: sono questi i maggiori timori che spingono le donne a scegliere metodi contraccettivi diversi dalla pillola. In realtà la loro comparsa non è legata alla sua assunzione, soprattutto nel caso delle pillole di ultima generazione. Per quanto riguarda l’acne, poi, è vero esattamente il contrario. Spesso, infatti, la pillola viene prescritta proprio per contrastare questo disturbo della pelle.

  • Metodi naturali fotogallery

    Scarsa affidabilità per i metodi naturali

    I più diffusi sono il coito interrotto e il metodo Billings. Il primo è un metodo relativamente “semplice” in quanto prevede la ritrazione del pene dalla vagina prima dell’eiaculazione, ma può essere sgradito dalla coppia in quanto interrompe bruscamente il rapporto e può essere fonte di ansia. Il secondo dipende dalla capacità della donna di riconoscere l’ovulazione in base alle caratteristiche del muco cervicale (che variano nell’arco del ciclo mestruale), implica una buona confidenza con il proprio corpo e tanta costanza. In entrambi i casi però l’efficacia contraccettiva è bassa; ecco perché i metodi naturali possono rappresentare un’opzione soprattutto per le coppie stabili e molto affiatate, in cui entrambi i partner siano ben disposti ad accettare con serenità l’eventualità di una gravidanza imprevista.

  • Contraccezione emergenza fotogallery

    Non abusare della contraccezione d’emergenza

    Il fattore tempo è fondamentale quando si vuole ridurre il rischio di una gravidanza indesiderata dopo un rapporto non protetto oppure in seguito al fallimento o al cattivo uso di un metodo anticoncezionale. A questo scopo può essere usata la cosiddetta contraccezione d’emergenza, che è in grado di impedire la fecondazione, interferendo con l’ovulazione. Non provoca quindi un aborto e non è efficace in una donna che ha già ovulato o è già incinta. Il termine “emergenza” sottolinea però che questa forma di contraccezione deve rappresentare solo una misura occasionale e non sostituire un regolare metodo anticoncezionale.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI SESSUALITà E COPPIA
Torna su