Pubblicità

Influenza: come evitare gli strascichi

Può lasciare una sensazione di debolezza anche per una decina di giorni. Ecco come fare.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 3 minuti
influenza, straschichi, debolezza, influenza che non passa

A differenza delle sindromi parainfluenzali dell'autunno scorso, l'influenza vera e propria può lasciare una sensazione di debolezza anche per una decina di giorni.

Dopo giorni di febbre, dolori muscolari e difficoltà respiratorie l'influenza può lasciare strascichi che rendono difficile riprendere la vita di tutti i giorni.

Anche una volta che i sintomi sono pressoché scomparsi il virus può rimanere nell'organismo per qualche settimana lasciandolo indebolito e spossato.

Per rimettersi del tutto in forma non bisogna continuare a comportarsi come se si fosse malati, ma adottare opportuni accorgimenti sia per quanto riguarda l'alimentazione, sia a livello di attività fisica.

Il ritorno dell'appetito

Una volta scacciata l'inappetenza tipica dell'influenza, la dieta deve tornare a essere ricca, ma non troppo pesante.

Meglio preferire carni leggere come il pollame e il pesce, zuppe calde, cerali e naturalmente, frutta e verdura in tutte le forme, frullati inclusi.

Pubblicità

Uno dei frutti migliori in questo periodo è il kiwi, che contiene sia vitamina C, sia acido folico, indispensabile per la buona funzionalità dei globuli rossi.

Anche la carne e le arachidi aiutano a rimettersi in forma, perché sono ricchi di zinco, che aiuta il sistema immunitario a combattere le infezioni e facilita l'eliminazione delle tossine attraverso il sudore.

Per combattere gli strascichi dei problemi respiratori ci si può, invece, affidare all'aglio, dotato di proprietà antivirali e capace di facilitare l'eliminazione del muco.

Respirare i vapori di un suo infuso ha un effetto decongestionante, mentre cibi speziati e curry aiutano sia a fluidificare il muco, sia a eliminare definitivamente il virus.

La digestione può essere facilitata dai batteri presenti nello yogurt. Meglio, però, non esagerare con i latticini, che possono aumentare la produzione di catarro, promossa anche dai cibi troppo ricchi di zuccheri, come torte e biscotti.

Anche l'acqua aiuta a fluidificare il muco e bere per idratarsi al meglio continua a essere importante anche dopo la scomparsa dei sintomi. Al posto dell'acqua si può scegliere anche il tè verde, che contiene potenti antiossidanti che aiutano potenziare il sistema immunitario.

Ritorno all'aria aperta

Barricarsi in casa non facilita la rimessa in forma. Durante la convalescenza è importante ricominciare a prendere un po’ di aria fresca e soprattutto di raggi solari, che alimentano le energie e il buonumore.

Si può iniziare con brevi passeggiate senza esagerare, continuando a garantirsi un buon sonno, cercando di dormire almeno un'ora in più rispetto al solito.

In questo modo nel giro di una o due settimane dopo la fine dell'influenza si dovrebbe essere in grado di riprendere l'attività fisica abituale senza problemi. Resta, comunque, fondamentale evitare lo stress, che rischia di mettere a dura prova le difese immunitarie.

Fausto Zappoli

VIDEO

Influenza, quanti miti e leggende...

Foto prof giua

Intervista a Corrado Giuia, farmacologo e docente all’Università di Trieste, coordinatore del Master in farmacia clinica negli atenei di Milano e Cagliari.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Influenza, i vantaggi della corteccia del salice

  • Fotolia 49584851 s

    Antinfiammatori, molecole dalle mille virtù

    Sono molti i disturbi che accompagnano i malanni invernali, ma possiamo tenerli a bada tutti affidandoci a un antinfiammatorio non steroideo (Fans), come per esempio l’acido acetilsalicilico scoperto, già nell’antichità, nella corteccia del salice da cui prende il nome. Grazie all’inibizione della ciclossigenasi riduce la produzione di prostaglandine coinvolte nella comparsa di febbre, infiammazione e dolore.

  • Fotolia 20197114 s

    Quando la febbre ci abbatte

    Il rialzo della temperatura corporea è una reazione che il nostro organismo mette in atto per difendersi dalle aggressioni di virus e batteri. Ma quando sale troppo, però, causa molti disagi. La riduzione di prostaglandine mediata dai Fans, come per esempio l’acido acetilsalicilico, agisce sui centri ipotalamici della termoregolazione abbassando in breve tempo la febbre.

  • Fotolia 20193853 s

    Quei dolori diffusi misti a malessere

    È esperienza comune che durante l’influenza ci si senta “tutti rotti”. L’attivazione dei nostri sistemi di difesa dalle infezioni causa infatti il rilascio di sostanze che inducono infiammazione anche nei tessuti muscoloscheletrici. Ecco perché i Fans, con la loro attività antinfiammatoria, alleviano efficacemente anche i dolori muscolari.

  • Fotolia 55751882 s

    Non lasciamoci prendere per il naso

    A seguito di un’infezione delle vie respiratorie si ha un aumento dei mediatori dell’infiammazione nelle mucose, che si traduce in una congestione nasale e nella produzione di muco. La spiccata azione antinfiammatoria dei Fans è utile anche in questo caso: aiuta a ridurre la congestione e a evitare che l’infiammazione si estenda ai seni paranasali e alla gola.

  • Fotolia 38391794 xs

    Se a far male è la gola

    Può essere stato l’abbondante muco che cola di continuo nella gola oppure uno sbalzo di temperatura che ha favorito un’infezione, o ancora un’irritazione dovuta ad agenti esterni. Fatto sta che quando la gola brucia, si fa fatica a deglutire e anche a parlare si vorrebbe che il dolore passasse in un soffio. Anche in questo caso l’acido acetilsalicilico è in grado di ridurre infiammazione e dolore alla gola.

  • Fotolia 52131918 s

    Quell’odioso cerchio alla testa

    A volte è proprio la febbre a causare cefalea, altre volte compare per l’infiammazione dei seni paranasali, ma può insorgere anche per stanchezza, stress, e per mille altre cause. In ogni caso, l’acido acetilsalicilico oltre ad abbassare la febbre e ridurre l’infiammazione ha anche un effetto antidolorifico, che risulta assai utile per spegnere in fretta il mal di testa.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su