Pubblicità

Emorroidi in gravidanza

Anche se non è un disturbo grave, è opportuno combatterlo subito.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 5 minuti
Emorroidi gravidanza rimedi

È uno dei disturbi più frequenti che insorgono in gravidanza, specie negli ultimi mesi. E, sebbene non grave, meglio combatterlo subito, per non trascinarselo fino al parto.

Si dice che la donna diventa più bella quando aspetta un bambino. E non è solo perché la felicità rende i lineamenti più affascinanti.

Durante la gravidanza si va incontro ad alcuni cambiamenti ormonali e circolatori che rendono la pelle più uniforme e luminosa e i capelli più soffici e lucidi.

Ma la gestazione non porta soltanto note positive. La donna incinta può sperimentare alcuni disturbi, come stipsi ed emorroidi, anche se non ne ha mai sofferto.

Ormoni e pancione

Gli ormoni prodotti in gravidanza, progesterone in testa, hanno azioni positive, ma possono anche causare qualche fastidioso disturbo alla futura mamma.

La loro azione di rallentamento della peristalsi intestinale che rende l’intestino meno efficiente facilita la comparsa di stitichezza.

L’associazione di questa con l’attività dilatante degli ormoni sulle pareti venose e l'aumento della pressione sulle vene rettali ed anali dovuto all’incremento di volume dell’utero, spiega poi la frequente comparsa di emorroidi.

Fastidiose presenze da contrastare

Le emorroidi non sono un disturbo grave, ma è bene combatterle fin da subito, sia per alleviare i fastidiosissimi sintomi, sia per evitare che creino complicazioni durante il travaglio e il parto.

Se non attendiamo che peggiorino, semplici regole comportamentali possono ridurre l'infiammazione e restituire elasticità alle pareti venose.

E possono anche essere utili come misure preventive.

Tante fibre e abbondante acqua

Legumi, cereali integrali, verdura e frutta in quantità favoriranno la motilità intestinale. E un’abbondante assunzione di liquidi (1,5-2 litri di acqua al giorno) renderà le feci più morbide.

In questo modo scongiuriamo la stitichezza e gli sforzi nella defecazione, che facilitano la comparsa e il sanguinamento delle emorroidi.

Particolarmente utili risultano poi tutti gli alimenti che contengono sostanze in grado di rinforzare le pareti dei vasi e ridurre l'infiammazione, come i mirtilli e i frutti di bosco.

Anche le tisane (come quelle di malva, altea, equiseto e spirea) possono essere di aiuto. Ma attenzione, meglio informarsi: non tutte le erbe sono indicate in gravidanza.

Leggi anche l'approfondimento Emorroidi: ecco gli alimenti da evitare.

Abbandonare la poltrona

Muoversi è un obbligo. Con buon senso. Niente sforzi violenti, ma un regolare esercizio fisico fa bene, durante tutta la gravidanza.

Stimola la motilità intestinale, favorisce la circolazione e, quindi, il ritorno del sangue venoso al cuore. E aiuta a mantenere sotto controllo il peso, faccenda di non poco conto!

Le attività a corpo libero sono un vero toccasana per il sistema cardiocircolatorio e per mantenere i muscoli in tono. Nuoto, pilates o cyclette, per esempio, vanno benissimo, così come lunghe passeggiate all’aria aperta.

Acqua e sapone

Purché temperatura dell’acqua e pH del detergente siano adeguati, più lavaggi al giorno con acqua tiepida e saponi acidi possono dare sollievo, specie se le emorroidi hanno già fatto la loro comparsa.

E, in ogni caso, è consigliabile effettuare un bidet ogni volta che si va in bagno, per accelerare la guarigione e scongiurare il rischio di infezione.

Asciugarsi tamponando, senza strofinare, così come utilizzare salviettine umidificate emollienti al posto della carta igienica eviteranno di irritare la zona.

Altolà al freddo: i lavaggi con acqua gelida sono invece assolutamente controindicati poiché inducono contrazione della muscolatura anale che potrebbe causare lo strozzamento dei noduli emorroidali.

Chiedi al medico

E, se nonostante tutto non si riesce a risolvere il problema emorroidi, prima di ricorrere a pomate o supposte, meglio rivolgersi al proprio ginecologo per valutare con lui tutte le possibili opzioni.

Nicoletta Limido

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Arisi1 Emilio Arisi
Ginecologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

Perché in gravidanza è importante l’acido folico?

Vitamina b6 dieta gravidanza

L'acido folico è una vitamina esseziale, il cui fabbisogno aumenta soprattutto in gravidanza per far frone alle esigenze del feto.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

L’alimentazione in gravidanza

  • Alim gravidanza1

    Un po’ di tutto, ma con cautela

    Durante la gravidanza l’alimentazione della futura mamma influenza la crescita e la salute del nascituro. È quindi opportuno seguire una dieta sana, varia e bilanciata, senza però dimenticare alcuni accorgimenti importanti per salvaguardare il benessere di mamma e bambino.

  • Alim gravidanza2

    Non mangiare per due

    Seguire una dieta adeguata fin dall’inizio della gravidanza permette di assicurare a mamma e bambino tutti i nutrienti di cui hanno bisogno. Ciò non significa però né mangiare per due, né ingrassare troppo. Evitare un aumento di peso eccessivo permette infatti di arrivare al parto senza ritrovarsi alle prese con problemi di salute come il diabete gestazionale.

  • Alim gravidanza3

    Zuccheri, caffè e sale: sì, ma con moderazione

    Per evitare picchi di glicemia gli zuccheri vanno ridotti (sia quello bianco sia quello di canna e i dolci in generale). Lo stesso vale per tutte le bevande contenenti caffeina, che può attraversare la placenta e raggiungere il feto, e per il sale, il cui utilizzo va limitato perché può favorire la comparsa di ipertensione, una condizione che in gravidanza è molto pericolosa sia per la mamma sia per il bambino.

  • Alim gravidanza4

    Al bando gli alcolici

    Nessuna dose di alcol in gravidanza può essere considerata sicura poiché un quantitativo anche molto limitato di alcol può causare danni al sistema nervoso del bambino. L’alcol ingerito dalla futura mamma giunge infatti nel sangue del feto, che però non può però metabolizzarlo in quanto privo degli appositi enzimi.

  • Alim gravidanza5

    Attenzione a carne e ortaggi crudi

    La toxoplasmosi è una malattia parassitaria abbastanza comune, che può però diventare pericolosa in caso venga contratta per la prima volta durante i nove mesi di gravidanza; la futura mamma può infatti trasmetterla al bambino con conseguenze potenzialmente gravi. Per evitare di entrare il contatto con il parassita è bene consumare ortaggi e frutta fresca solo dopo un accurato lavaggio, cuocere a lungo la carne ed evitare insaccati e salumi (eccetto il prosciutto cotto e la mortadella).


CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su