Pubblicità

Come mandare via i funghi dalle unghie

Aspettare o nascondere il problema è controproducente: meglio intervenire subito con i rimedi giusti.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 5 minuti
onicomicosi, micosi delle unghie

Aspettare o nascondere il problema è controproducente: meglio intervenire subito con i rimedi giusti.

Anche se non rappresentano un pericolo per la salute generale, le micosi delle unghie di mani e piedi possono essere molto fastidiose a causa del bruciore e del dolore che le accompagnano.

Se a esserne interessata è una donna, poi, il notevole danno estetico associato alla colorazione anomala e all’alterazione della struttura dell’unghia (che può sgretolarsi, fino a essere persa completamente) può generare un significativo disagio psicologico, soprattutto in chi ha un’intensa vita sociale o un’attività professionale che implica un contatto diretto con altre persone.

Purtroppo, le onicomicosi sono abbastanza ostiche da contrastare e può servire un certo tempo per risolvere completamente la situazione.

Quando se ne sospetta la presenza, quindi, non è il caso di aspettare, sperando che scompaiano da sole, né di mascherare le unghie colpite con smalti colorati o, peggio ancora, tentare i rimedi tramandati dalla cultura popolare, non meno laboriosi di una cura specifica, ma molto meno (o per nulla) efficaci.

Rimedi della nonna poco promettenti

Un approccio “naturale”, che risale alla medicina popolare e che non è mai stato testato, è rappresentato dall’aceto di vino.

Grazie al pH acido e, forse, a qualche altro componente non meglio precisato, l’aceto sembra avere un’azione citostatica, che rallenta la moltiplicazione dei microrganismi responsabili dell’onicomicosi e dei batteri che possono accompagnarla.

Per ottenere un minimo beneficio è necessario immergere le zone colpite in una miscela composta da due parti di acqua e una di aceto per 15-20 minuti al giorno: ogni giorno se la cute lo tollera, a giorni alterni se tende a irritarsi, fino a che non si ottiene la guarigione. Il problema è:per quanto tempo ? Sì, perché può capitare di continuare per mesi, se non anni, senza avere un miglioramento.

Pubblicità

Un altro rimedio proposto in passato prevedeva un’analoga, ma ancora meno promettente, immersione quotidiana nella birra, che non merita neppure di essere tentata.

Un altro rimedio “della nonna”, anch’esso mai dimostrato in studi scientifici, prevede l’applicazione di oli balsamici di eucalipto, menta, canfora, timo, trementina, noce moscata e cedro.

Oltre a non garantire risultati apprezzabili in tempi ragionevoli, queste “strategie” vanno evitate perché rischiano di peggiorare la situazione e di far cronicizzare l’onicomicosi che, con il tempo, sarà sempre più difficile da eliminare in modo definitivo.

Asportare l’unghia infetta con l’urea al 40 per cento

L’unico reale sistema non farmacologico per risolvere il problema è asportare a poco a poco la parti di unghia infetta, lasciando che sia progressivamente sostituita da quella nuova e sana in crescita.

Per farlo, bisogna prima ammorbidire l’unghia e poi raschiarla delicatamente con una spatolina adatta, un po’ per giorno, con pazienza, per alcune settimane.

Dopo ogni operazione, l’unghia trattata va protetta con un cerotto impermeabile (cercando comunque di mantenerla ben aerata).

Per ottimizzare il risultato si dovrebbe, però, comunque applicare un antimicotico topico mentre l’unghia si riforma. La completa sostituzione dell’unghia può richiedere 4-6 mesi nel caso delle mani e fino a un anno nel caso dei piedi.

Per rendere più agevole questa serie di operazioni è stato recentemente sviluppato un kit specifico contenente tutto il materiale necessario per rimuovere l’unghia infetta.

Il nuovo sistema sfrutta le proprietà emollienti di un unguento all’urea al 40% che, applicato ogni giorno sull’unghia e lasciato agire per 24 ore prima del raschiamento, ammorbidisce selettivamente le parti contaminate dal fungo, facilitandone l’asportazione.

In genere, in questo modo è possibile rimuovere tutta la parte malata nell’arco di 2-3 settimane.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Garonzi Francesco Garonzi
Dermatologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

Emma Leoni

CONSULTA IL DOSSIER "ONICOMICOSI"
VIDEO

Micosi delle unghie: la nuova vita di Miriam

Canespro dossier

Onicomicosi, un incubo quando non si riesce a curare. Molte donne hanno scoperto il metodo giusto.

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI CURA DELLE UNGHIE
Torna su