Pubblicità

Bronchiolite nel neonato, cause, sintomi e consigli utili

Colpisce soprattutto i bambini più piccoli e può impiegare diverso tempo per risolversi.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 6 minuti
Bronchiolite nel neonato, cause, sintomi e consigli utili

Colpisce soprattutto i bambini più piccoli e può impiegare diverso tempo per risolversi. Ecco come comportarsi nell’attesa della guarigione.

C’è un’infezione, chiamata bronchiolite, che fa preoccupare molte mamme. A esserne colpiti sono soprattutto i bambini più piccoli, fino ai 6 mesi di vita, e il disturbo che scatena è una congestione che può rendere difficoltosa la respirazione.

Fortunatamente si tratta di un problema risolvibile, ma per evitare complicanze è bene sapere come comportarsi.

Le cause

La bronchiolite è un’infezione dei bronchioli, la parte terminale delle vie aeree all’interno dei polmoni.

Nella maggior parte dei casi a scatenarla è il virus respiratorio sinciziale (VRS), un microbo molto diffuso con cui quasi tutti i bambini entrano in contatto entro i primi due anni di vita.

Contrarre l’infezione è molto semplice: come nel caso dell’influenza o del comune raffreddore, è sufficiente respirare goccioline contaminate emesse nell’aria tossendo, starnutendo o parlando, oppure toccare oggetti contaminati (ad esempio dei giocattoli) passando poi incautamente le mani su occhi, bocca o naso.

Nel caso del neonato ammalarsi è più facile a causa dell’immaturità sia del sistema immunitario che dei polmoni.

A rendere più probabile l’infezione sono però anche altri fattori di rischio, come essere nati prematuri, soffrire di patologie cardiache o polmonari, essere immunodepressi o entrare in contatto con altri bambini, che potrebbero essere portatori del virus.

I sintomi

In genere i sintomi della bronchiolite esplodono durante l’inverno. L’infiammazione e il rigonfiamento dei bronchioli causati dall’infezione sono associati all’accumulo di muco e a sintomi simili a quelli del raffreddore: naso chiuso o che cola, tosse e, a volte, febbriciattola.

Nei 2-3 giorni successivi alla loro comparsa questi primi sintomi possono aggravarsi fino alla comparsa di fiato corto e respiro sibilante, e a volte si associano a un’infezione dell’orecchio (l’otite media).

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Battaglioli1 Marina Battaglioli
Pediatra e neonatologa

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

In genere in presenza di questi problemi il medico riconosce la bronchiolite semplicemente auscultando i polmoni del bambino con le stetoscopio; può però capitare che si rendano necessarie altre analisi, come esami del sangue, radiografie al torace e analisi del fluido nasale.

La terapia

Nella maggior parte dei casi non è necessario che il neonato sia ricoverato in ospedale. Mamma e papà possono prendersene cura a casa semplicemente tentando di alleviare i sintomi seguendo i consigli del medico.

L’antibiotico è necessario solo se oltre all’infezione virale responsabile della bronchiolite è presente anche un’infezione batterica.

Nemmeno gli antivirali vengono prescritti molto spesso: i medici, infatti, li riservano solo per i casi più gravi.

In tutti gli altri casi verrà probabilmente prescritta un’idratazione adeguata abbinata all’uso di una soluzione salina per liberare il naso del piccolo dal muco in eccesso. Esistono due tipi di soluzioni saline, a seconda della concentrazione di sali. La tabella seguente ne riporta le caratteristiche.



Concentrazione salina
Funzione
Soluzione isotonica0,9%
Decongestiona e umidifica le mucose e fluidifica le secrezioni nasali e bronchiali
Soluzione ipertonica3%
Permette di richiamare per osmosi l’acqua in eccesso contenuta nelle cellule edematose, aiutando così a rimuovere il muco ispessito


Il medico potrebbe inoltre prescrivere l’uso di broncodilatatori.

Consigli utili

Perché un neonato guarisca dalla bronchiolite può essere necessario un periodo variabile da una settimana a un mese.

Nel frattempo è bene farlo bere molto (sia il latte materno che il latte artificiale sono adatti a questo scopo) e umidificare adeguatamente gli ambienti in cui soggiorna, in modo da favorire la fluidificazione del muco.

Il bambino dovrebbe essere tenuto il più possibile in posizione verticale, magari seduto nel suo ovetto, in modo da facilitargli la respirazione. È inoltre bene evitare di esporre il piccolo al fumo di tabacco e prestare attenzione a eventuali peggioramenti delle difficoltà respiratorie; in caso di grave affanno, apnee o cianosi è meglio portarlo al pronto soccorso.

Infine, finché il bambino è malato è bene fare in modo che non trasmetta la bronchiolite a chi lo circonda prestando attenzione anche alle più banali norme igieniche, come lavarsi le mani dopo essersi presi cura di lui.

Silvia Soligon

CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su