Pubblicità
Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 13 minuti
Pubblicato: 14 Ottobre 2020 Ultimo aggiornamento: 14 Ottobre 2020

Uricemia, quando è necessario fare l'esame?

Spesso valori elevati di acido urico nel sangue non causano sintomi, ma in alcuni soggetti possono per esempio ammalarsi di gotta o avere problemi renali.

Quanto hai trovato interessante questo contenuto?
 

Cos’hanno in comune Carlo Magno, Piero de’ Medici (il papà di Lorenzo), il Re Sole, Papa Giulio II? A parte l’essere passati alla storia, hanno sofferto tutti di gotta, una malattia del metabolismo che causa dolorosi attacchi di artrite infiammatoria, con arrossamento e gonfiore delle articolazioni. Un tempo era considerata “roba da ricchi” perché il suo principale fattore scatenante è un’alimentazione ricca di carni, salumi, formaggi, dolci – cibi che nei secoli passati in pochi potevano permettersi in grandi quantità – insieme alla predisposizione genetica (che pure era favorita dal fatto che i nobili si sposavano tra loro, talvolta addirittura tra parenti, con una inevitabile trasmissione della predisposizione stessa). 

La causa della gotta è in realtà l’accumulo di acido urico nel sangue: quando è in eccesso, provoca la formazione di cristalli che si depositano nelle articolazioni causando l’infiammazione. Oggi che tutti possiamo permetterci di esagerare con i cibi di origine animale – anzi, nulla costa meno del “fast-junk food” fatto di hamburger, merendine e cibi confezionati – insieme con la diffusione di insufficienza renale cronica (spesso silente), sovrappeso, obesità e invecchiamento della popolazione, le patologie legate (o peggiorate) dall’eccesso di acido urico sono numerose. Ed ecco perché spesso il medico, nel prescriverci un check up generale o per definire un quadro diagnostico se abbiamo un disturbo, spesso inserisce tra gli esami del sangue anche l’uricemia, ovvero la misurazione dei livelli di acido urico nel sangue.  

«L’iperuricemia, cioè un’elevata concentrazione di acido urico, si ha quando il valore risulta al di sopra dei 7 mg per decilitro per gli uomini, e di 6,5 mg per decilitro per le donne in età fertile», spiega Andrea D'Alessio, responsabile UO Medicina Interna e Oncologia del Policlinico San Marco di Zingonia (BG) - Gruppo San Donato. L’acido urico è un prodotto finale del metabolismo, cioè della distruzione, delle purine, molecole che vengono prodotte dall’organismo ma che possono essere introdotte anche con l’alimentazione. L’acido urico viene eliminato dall’organismo attraverso i reni. 

«La differenza tra maschi e femmine comincia nella pubertà: in età pediatrica i valori di acido urico sono molto bassi, le donne poi sono più protette dagli estrogeni fino alla menopausa, quando i rischi diventano equivalenti a quelli maschili». L’innalzamento dell’acido urico avviene per lo più in maniera silenziosa: «È sintomatico nei pazienti che poi si ammalano di gotta o hanno una precipitazione dell’acido urico nel rene che causa la formazione di calcoli, per esempio. Ma valori di acido urico alti, cioè sopra 7 o 8 mg/dl, sono abbastanza frequenti e asintomatici nella popolazione: vale per circa il 7-8 per cento degli italiani».

Le cause dell’iperuricemia

Perché l’acido urico si alza? «Succede quando aumenta la produzione di purine: per predisposizione genetica, dovuta per esempio ad alterazioni enzimatiche che inducono l’organismo a una maggiore produzione di purina e di conseguenza di acido urico, oppure a reni meno efficienti nell’eliminazione di quest’ultimo. Più spesso aumentano per condizioni fisiologiche: la più frequente è la disidratazione, perché la riduzione del volume plasmatico porta a un innalzamento dell’acido urico quando il sangue si concentra. Anche l’obesità porta alla iperproduzione di acido urico e lo stesso accade nelle malattie oncologiche, sia nelle fasi iniziali del tumore sia in fase di trattamento con chemioterapia o radioterapia».

Come nel passato, conta anche lo stile di vita: «In primis, una dieta all’insegna di un eccessivo consumo di alcol e di alimenti ricchi di purine, come carni rosse e bianche, frattaglie, aringhe, acciughe, sardine, cozze, selvaggina, salumi, legumi, asparagi, spinaci, cavolfiori, funghi ecc. I soggetti fruttariani, o chi consuma in generale grandi quantità di frutta, deve sapere che il fruttosio favorisce l’iperuricemia, in quanto ne riduce l’eliminazione renale.  Anche alcuni farmaci possono avere un ruolo: per esempio i diuretici tiazidici o i salicilati e alcuni farmaci per l’ipertensione, come gli ACE-inibitori e alcuni sartani. Infine, anche vivere nelle città inquinate contribuisce all’iperuricemia». 

Se gli eccessi alimentari sono stati storicamente associati all’iperuricemia, paradossalmente anche la fame può esserne la causa: «Se la dieta è troppo povera di carboidrati, l’organismo utilizza le proprie proteine, prese dai muscoli, e i grassi residui: questo determina un’acidosi lattica che, spesso, è aggravata da un’alimentazione iperproteica. Se questo regime alimentare si prolunga oltre dieci-quindici giorni, la distruzione delle cellule muscolari causa un aumento dell’acido urico e la sua precipitazione nei reni, con rischi per la salute».  

Le conseguenze dell’iperuricemia

Continua Andrea D'Alessio: «In generale cristalli di urato monosodico che derivano dall’acido urico possono precipitare nelle articolazioni e determinare la gotta o finire nei tubuli renali causando calcoli o la nefropatia da urati. Accade, per esempio, in alcuni tumori del sangue che, alzando l’acido urico, inducono anche insufficienza renale che può portare addirittura alla dialisi». Ma se ci sono malattie con conseguenze gravi, non va sottovalutato nemmeno un valore elevato di acido urico che non dà sintomi: «Che, per altro, è la condizione più comune: riguarda due terzi delle persone con iperuricemia. Ma il rischio patologie è alto: alla lunga può dare complicanze cardiovascolari, ipertensione, peggioramento di coronaropatie o malattia dismetaboliche (ipertensione-iperlipidemia-fegato gasso), fino a indurre insulino resistenza e sviluppo di diabete mellito». 

La gotta spesso viene considerata una malattia del passato, ma gli italiani che si stima ne siano colpiti sono circa l'1% e l’8% fra gli over 65. Più spesso che in passato, ne sono colpite le donne: a volte per l’abuso di diuretici usati in maniera dissennata come dimagranti.

La diagnosi di iperuricemia

Scoprire l’iperuricemia è facile anche in assenza di sintomi: «Basta un banale prelievo del sangue, con prescrizione del medico di famiglia o dell’internista. Lo si fa di routine nelle persone con problemi metabolici, cardiopatici, ipertesi, con nefropatia, obesi o con vita sregolata, ma a volte anche come screening nelle persone sane, così come si controllano periodicamente emocromo, glicemia o creatinina. Lo si dosa inoltre se ci sono altre patologie, per esempio nei pazienti oncologici, per evitare che l’iperuricemia possa interferire con l’efficacia delle terapie».

Per quanto riguarda la cura, l’iperuricemia richiede un approccio olistico. Spiega Andrea D’Alessio: «Se c’è una malattia sintomatica, la terapia mira a ridurre l’acido urico in tempi relativamente veloci con farmaci che ne bloccano la sintesi o ne favoriscono l’eliminazione a livello renale. O, viceversa, si cura la patologia principale con farmaci ad hoc, e si interviene sull’uricemia con la dieta, per esempio. Nei soggetti asintomatici o nei quali i sintomi non si sono ancora manifestati in modo acuto (per esempio il paziente che ha già depositi nelle articolazioni, ma non soffre di attacchi di gotta) è possibile un approccio più soft, non farmacologico, mirato solo a modifiche dello stile di vita: dimagrire, praticare attività fisica, bere molta acqua, riequilibrare la dieta eliminando gli eccessi, riducendo alcolici e bevande zuccherate. Si valutano i farmaci assunti, eventualmente sostituendoli con altri che non favoriscono l’iperuricemia. Chi pratica attività sportiva, spesso sottovaluta l'importanza dell’idratazione prima, durante e dopo e di bere tanta acqua (meglio se iposodica) quanta ne richiede la stagione e l’intensità della pratica svolta: se aumenta la densità plasmatica, aumentano tutti i cataboliti, con peggioramento della funzione renale e della viscosità del sangue che circola più lentamente. Un parametro empirico della disidratazione è il colore delle urine: se sono molto scure, non stiamo bevendo abbastanza. Una volta considerati tutti questi elementi, l’obiettivo delle modifiche sarà portare l’acido urico sotto i 7 mg/dl, meglio ancora sotto i 6».

Se necessario, il medico valuterà ulteriori esami di approfondimento: «Con l’anamnesi si cerca di capire se è una problematica di tipo familiare, quali sono eventuali altre patologie presenti, quali i farmaci assunti, lo stile di vita, l’assunzione di alcol, zucchero e l’abitudine al fumo (in particolare per le donne in menopausa, improvvisamente non più protette dagli estrogeni e con un peggioramento del quadro metabolico e cardiovascolare) e quindi potranno essere prescritte ulteriori indagini».  Per esempio, la raccolta delle urine nelle 24 ore per valutare la quantità di acido urico espulsa.  

Esiste anche la possibilità – più rara e meno preoccupante, in genere - di ipouricemia, cioè di valori sotto la norma di acido urico: le cause più frequenti sono anemia, dieta vegana e sottonutrizione, malattie del fegato (epatiti virali), acidosi lattica (scompenso metabolico che causa accumulo di acidi nei tessuti e nei fluidi corporei), nefropatie, terapie a base di estrogeni, salicilati, cortisone.

Come prevenire l’iperuricemia

In sintesi, ecco alcuni consigli per mantenere valori equilibrati di acido urico:

1. Non eliminare i carboidrati amidacei dalla dieta (pasta, pane, riso, patate ecc.) perché aiutano a eliminarlo.

2. Ridurre i dolci, la frutta zuccherina (fichi, cachi, banane, uva e frutta essiccata), le bevande zuccherate perché il fruttosio favorisce l’accumulo di acido urico.

3. Attenzione a diete ipocaloriche o digiuni prolungati.

4. Evitare superalcolici, birra e alcol in generale.   

5. Bere 2 litri d’acqua al giorno.

6. Mantenere il peso forma o dimagrire, se è in eccesso.

7. Ridurre i grassi di origine animale e assumere cinque porzioni al giorno di vegetali, tra verdura e frutta.


Quanto hai trovato interessante questo contenuto?
 

Articolo scritto da:
Iconinstagramw 6c7b34da78053ba415ffc420808bcd527a9d6f02a55181b3833981e943f89e87
CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su