Pubblicità

Sindrome da rientro? Si previene così

Non hai voglia di tornare al lavoro o riprendere la scuola? È naturale. Ecco come affrontare questo periodo.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 5 minuti
Sindrome da rientro prevenzione rimedi

Non hai voglia di tornare al lavoro o riprendere la scuola? È naturale. Ecco come affrontare questo periodo.

Che cosa c’è di più naturale, dopo le vacanze estive, del non avere voglia di tornare al lavoro, alla città e alla routine? Nulla, ma bisogna vedere fino a che punto lo “stress da rientro” interferisce con le attività quotidiane necessarie.

Il rientro a casa ci rende nervosi e di cattivo umore, impedendoci di trarre piacere dalle molte occasioni di svago e interazione sociale che la vita e il contesto abituali comunque offrono?

E non facciamo che sognare ponti sulla neve e alberi di Natale già a metà settembre? Siamo in preda al più classico “stress da rientro”.

Per non rischiare di vivere male senza motivo per una o più settimane, bisogna reagire. Un po’ costringendosi a pensare positivo e a vedere gli aspetti gradevoli nelle attività di tutti i giorni.

Un po’ puntando su uno stile di vita sano, in grado di mettere l’organismo nelle migliori condizioni per affrontare il cambiamento e ripartire di slancio.

Pubblicità

Movimento ed equilibrio

Che le vacanze siano state impegnative o rigeneranti, divertenti o disastrose, di certo hanno offerto l’occasione per allontanarsi dai ritmi consolidati e avere idee nuove.

Ma non sempre è facile costringerle nelle griglie dell’agenda e incanalarle lungo il percorso tra ufficio e famiglia.

Il primo rischio, quindi, è sentirsi un po’ prigionieri dei propri ritmi e insofferenti nei confronti di quelle che sono sempre state tranquille e rassicuranti abitudini.

Indubbiamente, per ritrovare serenità e armonia serve una valvola di sfogo. L’attività fisica è, senza dubbio, il rimedio migliore.

Distende i nervi, rilassa e, dopo qualche sforzo iniziale, migliora il livello di energia e la forma fisica, permettendo di far perdurare gli eventuali effetti benefici della vacanza o di far perdere quei 2-3 chili accumulati tra cene con gli amici e placidi pomeriggi di riposo sulla spiaggia.

Un po’ di movimento ogni giorno aiuta anche a dormire meglio, a svegliarsi più facilmente al mattino e a sentirsi più positivi e motivati fin dall’inizio della giornata: non è poco.

Naturalmente, non bisogna strafare e scegliere l’attività fisica da praticare in base alle proprie inclinazioni e alle proprie potenzialità cercando magari nuovi stimoli nelle proposte di corsi estrosi e divertenti che tipicamente si moltiplicano all’inizio dell’autunno. Con un po’ di impegno, ma senza stress.

Energia e serenità in tavola

Un altro aspetto fondamentale è la dieta. Un’alimentazione sana, si sa, è la prima fonte di benessere perché assicura a corpo e mente tutte le sostanze energetiche e funzionali indispensabili per sostenere un metabolismo efficiente, mantenersi intellettualmente vitali e reagire al meglio agli stimoli esterni.

Al rientro dalle vacanze e alle soglie dell’autunno, seguire un regime alimentare completo e bilanciato è particolarmente importante, non soltanto per prevenire o contrastare lo stress da rientro, ma anche per predisporre difese immunitarie ineccepibili in vista dei primi virus stagionali.

La dieta mediterranea è, come sempre, la scelta ideale per fare il pieno di energia e micronutrienti essenziali come vitamine antiossidanti e del gruppo B e preziosi sali minerali e, se seguita con regolarità nel contesto di uno stile di vita complessivamente sano, in genere è sufficiente da sola a sopperire a ogni fabbisogno.

Considerato, però, il cambio di stagione e lo sforzo di adattamento aggiuntivo richiesto dalla ripresa del lavoro o dello studio un aiuto in più non guasta e può supportare un più rapido recupero di vitalità e buon umore. Su quale tipo di integrazione puntare?

Se le difficoltà si accompagnano anche a stanchezza fisica, la scelta più vantaggiosa è optare per complessi che contengano tutte le vitamine, gli oligoelementi e i minerali in proporzione bilanciata, comodi da assumere, efficaci e sicuri sotto ogni profilo.

La loro azione favorevole a livello psicofisico è massima perché molti micronutrienti operano in sinergia e soltanto quando sono tutti presenti nelle giuste quantità l’organismo può funzionare al meglio.

Se vuoi saperne di più leggi il dossier Affaticamento mentale.

Rosanna Feroldi

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Pgatti Patrizia Maria Gatti
Specialista in Scienza dell’Alimentazione

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

CONSULTA IL DOSSIER "STANCHEZZA"
VIDEO

Carboidrati e vitamine per essere sempre in forma

Salvatore ciappellano

I nutrienti che ci aiutano ad affrontare il rientro a scuola o al lavoro.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Che cosa succede se potassio e magnesio vanno in riserva

  • Potassio magnesio 4

    Attenti al caldo

    È soprattutto in estate, quando l’afa avanza, che si possono verificare carenze di magnesio e potassio. Ne perdiamo in grandi quantità con il sudore. In questo periodo dell’anno è quindi importante garantire all’organismo adeguate quantità di questi sali minerali, con la dieta e con un’adeguata integrazione.

  • Potassio magnesio

    Stanchezza fisica

    Uno dei primi sintomi della carenza di magnesio e potassio è la stanchezza fisica. Ci si sente spossati senza motivo e non si hanno le forze per godere appieno la bella stagione.

  • Potassio magnesio 2

    Sonnolenza

    Quando i livelli di magnesio e potassio scendono, siamo vittime di colpi di sonno e difficoltà a concentrarci sul lavoro e nello studio. Fondamentale, in questi casi, ricorrere a una corretta integrazione.

  • Potassio magnesio 5

    Crampi muscolari

    Possono insorgere mentre facciamo attività fisica oppure di notte, quando dormiamo. All’origine dei crampi c’è spesso una carenza di magnesio e potassio.

  • Potassio magnesio 3

    Aumenta il rischio ipertensione

    Una delle complicanze a lungo termine più temute della carenza di potassio è l’aumento del rischio di sviluppare ipertensione arteriosa.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI SALUTE E BENESSERE
Torna su