RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Scelta della pillola giusta"

Da aprile 2011 a dicembre 2011 ho preso una pillola con levonorgestrel più etinilestradiolo, che ho interrotto per disturbi intestinali che, ho scoperto, non legati alla pillola. Quindi a febbraio 2012 ho iniziato a riprenderla. Però, come avevo già notato prima della sospensione, ho disturbi legati al ciclo e acne come se non prendessi la pillola. La mia ginecologa mi ha consigliato di sostituirla. Posso prendere quella nuova già dal prossimo mese (dopo la sospensione di 7 giorni)? Il fatto che dopo la sospensione abbia preso per un solo blister per poi sostituirla ha effetti negativi?

Il problema di individuare il giusto tipo di pillola trova difficile soluzione nei casi in cui bisogna tenere conto di molti fattori che possono influenzare la scelta. Naturalmente una precedente esperienza con una pillola con/senza avere avuto particolari fenomeni collaterali aiuterà quando si tratterà di rivalutare negli anni successivi se ritornare o meno a una precedente pillola. Quando si tratta di bilanciare o combattere alcuni problemi clinici personali (dismenorrea, ipermenorrea, cefalea durante il mestruo) o problemi estetici (acne, pelle grassa, peluria più abbondante) allora la scelta va affrontata in maniera più dettagliata. Per i problemi che citavo per primi, tutto sommato, ogni pillola ottiene la scomparsa del dolore mestruale e riduce la quantità del mestruo. Per quanto riguarda la cefalea basta sospendere la mestruazione assumendo la pillola con un regime esteso, cioè senza mai interruzioni, per 3-5-10 mesi o quanto si vuole, facendo i 7 giorni di pausa solo ogni tanto. Se invece si vuole combattere l’acne, come nel caso in questione, conviene assumere una pillola che contenga un progestinico antiandrogenico. Questi progestinici, in ordine decrescente di potenza antiandrogenica sono: il ciproterone acetato, il dienogest, il drospirenone, il clormadinone acetato, tutti contenuti in pillole in commercio in Italia. È da una di queste pillole che partirei per dare un consiglio in questo caso. Quando si vuole passare da una pillola a un’altra, e lo si può benissimo fare anche dopo un mese, si deve comunque sempre cominciare dal primo giorno della mestruazione, come se fosse la prima volta in assoluto che la donna assume la pillola.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su