Pubblicità

Raffreddore, che succede se viene agli anziani?

Il raffreddore negli anziani può dare alcune preoccupazioni in più che negli adulti. E, soprattutto, evolve facilmente in complicanze.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 5 minuti
Raffreddore anziani consigli

Nella terza età il raffreddore può dare sintomi più gravi e durare più a lungo rispetto a quanto accade nell’individuo giovane.

Il raffreddore è una delle malattie più comuni in tutte le fasce d'età. I bambini sono i più colpiti, mentre con il passare del tempo gli individui si costruiscono una certa immunità contro una gran varietà di virus responsabili di questa patologia (ne esistono oltre 200 tipi diversi).

Gli anziani, pertanto, dovrebbero essere i soggetti maggiormente protetti e, infatti, di solito non soffrono di più di due o tre episodi di raffreddore all’anno.

Quando si infettano, però, la malattia può durare più a lungo poiché il sistema immunitario è meno efficiente rispetto a quello di un adulto giovane, e perciò sono anche più soggetti a complicazioni.

Anche se i virus che possono causare il raffreddore sono moltissimi, i rinovirus e i coronavirus sono quelli più rilevanti negli anziani.

Le infezioni da rinovirus sono molto comuni e sono più frequenti all’inizio della primavera e nel tardo autunno, mentre la maggior parte dei picchi di attività dei coronavirus si presentano in inverno e all’inizio della primavera.

Il serbatoio principale dei rinovirus è costituito dai bambini in età scolare, che si trasmettono l'infezione tra loro a scuola portando poi i virus a casa.

Pubblicità

Sintomi

I sintomi del raffreddore nell’anziano sono essenzialmente gli stessi di quelli che compaiono nell’adulto, anche se possono perdurare più a lungo, data la fragilità del sistema immunitario.

Spesso il riflesso della tosse nella terza età è ridotto. Ciò provoca un maggiore ristagno di secrezioni.

Complicazioni

È questa la nota dolente. È stato calcolato che nell’anziano una percentuale rilevante di raffreddori evolve in complicanze.

Per lo più si tratta di infezioni batteriche che si sovrappongono a quella virale e possono interessare soprattutto le vie aeree inferiori.

Le principali sono la bronchite e la polmonite batterica, che nell’anziano hanno una pericolosità maggiore rispetto a quanto avviene nei soggetti più giovani.

Quando un raffreddore si complica con una polmonite, il sistema respiratorio e cardiocircolatorio possono essere messi duramente alla prova.

La mancanza di un'adeguata ossigenazione del sangue da parte di polmoni ammalati può far "affannare" il cuore scatenando aritmie e sofferenza coronarica.

Malattie croniche e fumo aumentano la probabilità di sviluppare complicazioni respiratorie alle basse vie aeree e i soggetti affetti da asma, bronchite cronica o da patologia cronica ostruttiva broncopolmonare sono particolarmente vulnerabili: i raffreddori possono causare un peggioramento acuto di queste condizioni.

Prevenzione e cura

Gli accorgimenti per evitare il contagio sono gli stessi che dovrebbero adottare tutti: lavarsi spesso le mani, evitare luoghi affollati, non respirare aria fredda.

Inoltre, le persone anziane non dovrebbero avere contatti stretti con i bambini durante la stagione del raffreddore, in modo da rendere meno probabile il contagio.

Quanto alla cura, l'unica terapia efficace per il raffreddore è il trattamento dei sintomi. Soltanto se insorgono complicazioni delle basse vie respiratorie, dovute a sovrapposizione batterica, è necessario l’avvio di una terapia antibiotica mirata.

Esistono anche comportamenti che possono favorire la guarigione. Eccoli:

  • Pulire bene il naso. È importante per prevenire l'accumulo di muco infetto e quindi le complicazioni. Soprattutto negli anziani, visto che il riflesso della tosse è ridotto e, quindi, è più difficile per loro eliminare il muco che arriva in gola.
  • Riposo. È bene che l’anziano riposi il più possibile e nelle condizioni ottimali di temperatura e di umidità. Soprattutto di notte è bene usare un umidificatore nella stanza poiché l’aria umida aiuta a mantenere naso e polmoni puliti. Proteggere l’ambiente in cui riposa dalle correnti d’aria fredda.
  • Alimentazione e idratazione. Particolare attenzione merita l’alimentazione: è consigliabile consumare piccoli pasti frequenti, leggeri e digeribili.

E poi, cautela con i farmaci. Molti anziani assumono diverse medicine per curare patologie croniche. È quindi necessaria una certa cautela anche nell’assunzione di medicinali di automedicazione. È bene chiedere consiglio al medico o al farmacista, facendo presenti le eventuali terapie in atto.

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Raffreddore cronico: cause e rimedi se non passa

VIDEO

Raffreddore: che cosa devo fare se non passa dopo 5 giorni?

Raffreddore cosa fare dopo cinque giorni

Il raffreddore in genere si risolve da solo. Nel caso in cui dopo 5 giorni i sintomi non si siano attenuati è però opportuno rivolgersi al medico, come consiglia il farmacista.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Cinque leggende sul raffreddore: che cosa dice la scienza?

  • Raffreddore coperti caldo

    Vestiti bene altrimenti ti ammali

    È il classico tormentone che ogni madre riserva ai propri figli. Da piccoli, sempre. Ma a volte anche da grandi. Uscire di casa, in autunno e in inverno, senza il cappotto e la maglia di lana non aumenta il rischio di buscarsi un raffreddore. A causare il classico malanno invernale non è altro che un virus. Colpisce di più durante la stagione fredda per la semplice ragione che trascorriamo più ore al chiuso, in casa e al lavoro, e assieme a più persone. Per cui il rischio di contagio aumenta.

  • Raffreddore capelli bagnati

    Se non asciughi bene i capelli ti viene un malanno

    Uscire di casa con la testa bagnata in inverno non è certo una bella sensazione. Ma a parte questo semplice disagio non si corrono altri rischi. Il vero responsabile del raffreddore, a dispetto del nome, non è il freddo, ma un virus. E a meno che non si prenda così tanto freddi da andare in ipotermia, e quindi essere più suscettibili alle infezioni, la temperatura esterna non è così importante.

  • Raffreddore appetito

    Mangia che ti passa

    Il raffreddore toglie l’appetito, su questo non ci sono dubbi. E sforzarsi di mangiare non serve a nulla. Al limite è importante bere liquidi in abbondanza per restare ben idratati. Tuttavia, è bene evitare, in un’ottica di prevenzione, di sottoporsi a diete ipocaloriche in vista della stagione dei malanni invernali: uno studio del 2008 pubblicato sul Journal of Nutrition ha scoperto che mettersi a dieta in questo periodo non fa altro che indebolire le difese naturali dell’organismo. E se si prende un raffreddore ci mette di più per guarire.

  • Raffreddore brodo di pollo

    Bevi il brodo di pollo che guarisci prima

    È il classico rimedio della nonna contro i raffreddori. In questo caso però potrebbe avere ragione: uno studio pubblicato sulla rivista Chest ha infatti dimostrato che una tazza di brodo di pollo aiuta l’organismo a reagire, attraverso il sistema immunitario, contro i virus del raffreddore.

  • Raffreddore superalcolico

    Un bicchierino di whisky lo manda via

    È la classica leggenda metropolitana, che piace a molti uomini. Eppure non è mai stato dimostrato che gli alcolici aiutino a superare il raffreddore. Anzi, in teoria l’alcol è nemico del sistema immunitario, nel senso che chi ne abusa va spesso in contro a un deficit nelle difese naturali dell’organismo. Meglio dunque evitare alcolici e superalcolici.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI MALANNI INVERNALI
Torna su