Influenza? Attenti al cuore

Le patologie cardiovascolari aumentano il rischio legato alle complicanze dell’influenza. Meglio prevenire il contagio con la vaccinazione

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 5 minuti
Influenza cuore infarto cardiologia

Le patologie cardiovascolari aumentano il rischio legato alle complicanze dell’influenza. Fondamentale la prevenzione dei malanni invernali.

Chi è cardiopatico deve fare tutto il possibile per evitare di contrarre virus influenzali. Diversi studi scientifici hanno infatti dimostrato che chi soffre di malattie cardiovascolari può andare incontro a complicanze dell’influenza più rischiose. Più di quanto succeda in altre malattie croniche.

Le patologie del cuore e del circolo sanguigno non rendono più vulnerabili al virus, nel senso che il rischio di ammalarsi di influenza è identico a quello della popolazione generale. Il problema è che l'influenza diventa più difficile da debellare.

Sappiamo anche che una banale influenza può provocare stress che possono interferire con la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca e la funzionalità generale del cuore.

Alcune ricerche hanno anche scoperto che il rischio di avere un infarto o un ictus raddoppia nella settimana che segue un'infezione respiratoria, come per esempio un'influenza.

I ricercatori ritengono che questo possa spiegare anche perché tali eventi cardiovascolari si presentano più frequenti durante i mesi invernali.

Sintomi in presenza di cardiopatie

I sintomi dell’influenza nelle persone cardiopatiche non sono diversi da quelli che insorgono in tutti gli altri:

  • febbre (solitamente alta) a insorgenza improvvisa
  • dolori articolari e muscolari
  • debolezza generalizzata
  • mal di testa
  • tosse secca
  • mal di gola e rinite

Complicazioni particolari

Oltre alle “normali” complicazioni che possono colpire chiunque, dopo un’influenza, coloro che soffrono di malattie cardiovascolari sono più a rischio di complicanze cardiache, come l’infarto.

Sembra infatti che lo stato infiammatorio conseguente all’infezione da virus influenzale possa portare alla rottura di placche aterosclerotiche quiescenti, con successiva formazione di trombi che causano l’infarto.

Quando chiamare il medico

I cardiopatici dovrebbero sempre comunicare al proprio medico l’insorgenza di sintomi influenzali, in modo tale da permettere al curante di prescrivere, se lo ritiene, un antivirale che può contribuire a fare diminuire l'intensità dei sintomo e la durata dell’influenza.

È opportuno chiamare subito il medico anche se compaiono i seguenti problemi:

  • difficoltà a respirare
  • i sintomi non migliorano dopo tre o quattro giorni di influenza
  • i sintomi peggiorano
  • dopo un primo miglioramento insorgono mal di stomaco, vomito, febbre alta, brividi, dolore al torace, o tosse con muco spesso e giallo-verde.

Vaccino antinfluenzale e igiene

Chi soffre di patologie cardiovascolari dovrebbe sottoporsi alla vaccinazione antinfluenzale. Il momento migliore è tra ottobre e novembre. Tuttavia, se non ci si è vaccinati in questi due mesi, è possibile ancora avvantaggiarsi del vaccino in gennaio o addirittura più avanti, dal momento che la stagione dell’influenza può proseguire fino a maggio.

Inoltre occorre lavarsi spesso le mani per eliminare tutti gli eventuali germi presenti, evitando che ci infettino quando ci tocchiamo la bocca, il naso, o gli occhi.

Le terapie consigliate

I cardiopatici e chi soffre di ipertensione devono fare attenzione nell’uso dei farmaci sintomatici contro l’influenza, evitando quelli che contengono decongestionanti: possono aumentare la pressione sanguigna e interferire con le medicine usate per curare le malattie cardiovascolari.

Per abbassare la febbre e alleviare i dolori è possibile utilizzare farmaci antinfiammatori non steroidei oppure paracetamolo.

Ma siccome molti, tra coloro che soffrono di patologie cardiovascolari, fanno uso di acido acetilsalicilico a basso dosaggio per la prevenzione secondaria degli eventi cardiaci, si può consigliare l’uso della stessa molecola a dosi superiori in modo da trattare i sintomi dell’influenza senza interferire con altri farmaci che potrebbero ridurre o annullare i benefici sul cuore.

Per quanto riguarda i farmaci antivirali è bene sapere che esistono molecole specifiche contro l’influenza, gli inibitori delle neuroaminidasi: devono però essere assunti entro le 48 ore dall’insorgenza dei sintomi.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Panciroli Claudio Panciroli
Cardiologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

CONSULTA IL DOSSIER "CUORE"
VIDEO

Influenza, quanti miti e leggende...

Foto prof giua

Intervista a Corrado Giuia, farmacologo e docente all’Università di Trieste, coordinatore del Master in farmacia clinica negli atenei di Milano e Cagliari.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Sette trucchi per scansare l'influenza

  • Influenza aria aperta

    Esci di più all'aria aperta

    La leggenda secondo cui in inverno è meglio stare il più possibile al chiuso è falsa: negli ambienti ristretti, soprattutto se molto riscaldati, è più probabile ritrovarsi a stretto contatto con qualcuno che ha già preso l’influenza, e passarvi il virus. Stare all’aria aperta, soprattutto facendo delle passeggiate, riduce il rischio contagio e fa bene alla salute in generale.

  • Influenza stress

    Tieni alla larga lo stress

    Ritagliarsi momenti per rilassarsi un po' fa bene alla psiche, ma soprattutto rinforza le difese immunitarie. Alcuni studi hanno infatti dimostrato che se l’organismo è stressato, i virus dell’influenza hanno maggiori probabilità di infettare e replicarsi. Quale tecnica adottare? Quella che piace di più, a seconda dei gusti: lo yoga, la ginnastica, leggere un libro, un massaggio, fare una passeggiata. L’importante è tenere alla larga lo stress. E assieme a lui, i virus influenzali.

  • Influenza lavarsi le mani

    Lava le mani appena puoi

    Le mani sono il mezzo preferito dai virus del raffreddore e dell’influenza per diffondersi. Senza che ce ne accorgiamo, stringiamo le mani di qualcuno, apriamo una porta, ci appoggiamo a una sedia. Se qualcuno prima di noi ha toccato la stessa superficie ed è influenzato il gioco è fatto. Lavarsi le mani spesso e con accuratezza evita il diffondersi dei virus e riduce il rischio di ammalarsi.

  • Influenza sonno

    Chi dorme bene non piglia… l’influenza

    Una notte in bianco non è un dramma. Ma se la mancanza di sonno dura per più giorni il nostro sistema immunitario comincia a perdere colpi. In questa stagione è opportuno dormire almeno sette ore per notte, così da dare il tempo all’organismo di rigenerarsi dalle fatiche della giornata ed essere in grado di fronteggiare con successo i germi responsabili dei malanni invernali.

  • Influenza dieta

    Mangia in modo sano

    L’influenza si previene anche a tavola. Frutta e verdura di stagione sono fonti preziose di vitamine antiossidanti e sali minerali essenziali al buon funzionamento delle difese naturali dell’organismo. Legumi e cereali sono invece un ottimo rifornimento di proteine, anch’esse importanti perché alcuni aminoacidi contribuiscono alla sintesi degli anticorpi. In questa stagione è bene non sottovalutare anche la quota di carboidrati, pasta e pane per intenderci. Un po’ di calorie in più aiutano infatti l’organismo a rinforzare le sue difese naturali.

  • Influenza sport

    Fai attività fisica regolare

    È ormai dimostrato in diversi studi: un’attività fisica moderata, ma regolare, abbassa il rischio di buscarsi l’influenza. Una ricerca pubblicata sul British Journal of Sports Medicine, per esempio, ha scoperto che chi è fisicamente attivo almeno cinque giorni alla settimana ha una probabilità di prendere l’influenza e il raffreddore quasi dimezzata rispetto a chi lo è soltanto una volta alla settimana.

  • Influenza virus occhi

    Tieni giù le mani

    Spesso non ci si fa caso, ma tendiamo con una certa frequenza a portare le mani al viso. Siccome le tre principali vie d’accesso dei virus nel nostro organismo sono il naso, gli occhi e la bocca, è altamente sconsigliabile toccare queste parti del corpo senza prima aver lavato accuratamente le mani. Il problema è che a volte lo si fa senza accorgersi. Basta sforzarsi di dedicare un po’ di attenzione ai proprio movimenti involontari per ridurre parecchio il rischio di contagio.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su