RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Disturbi alimentari e alterazioni cutanee"

Ho sofferto per qualche anno di disturbi alimentari e continue variazioni di peso e il tono cutaneo ne ha risentito: pelle di cosce e glutei irregolare al tatto, con qualche smagliatura bianca e cellulite, anche se non "grave". Ora seguo una dieta bilanciata, cerco di bere almeno 1,5 l di acqua al giorno, faccio sport 2 volte alla settimana, applico una crema (generica) massaggiando le zone interessate. Sono molto in ansia: crede che la situazione possa migliorare? Anche portare tutti i giorni tacchi alti (8-10 cm) e stare seduta al computer 8 ore al giorno influisce sulla "cattiva" circolazione nelle gambe?

I disturbi alimentari comportano alterazioni sia quantitative sia qualitative dell'alimentazione le quali coinvolgono tutto l'organismo, cute e sottocute comprese. Data la giovane età, una volta raggiunto un equilibrio stabile, la situazione dovrebbe gradualmente migliorare. Le smagliature di colore bianco sono da considerarsi come delle cicatrici, il cui aspetto si può attenuare con creme o trattamenti specifici. Anche per la cellulite vale il discorso di creme e trattamenti mirati (esistono vari tipi di cellulite), ma è importante il regime di vita che, peraltro, mi sembra bene impostato. Per quanto riguarda il PC, è la posizione fissa e prolungata che può creare problemi (un po' come accade nei viaggi aerei intercontinentali), per cui sarebbe opportuno fare ogni tanto delle brevi soste o eseguire piccoli esercizi per interrompere la rigidità della posizione. Assicurarsi sempre che le fibre ingerite non contengano glutine.


Ha risposto Garonzi Francesco

Garonzi

Francesco Garonzi

Dermatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1976,presso l’università degli studi di Milano, consegue l'abilitazione all'esercizio della professione medica nel 1977. Consegue la specializzazione in Dermatologia e Venereologia presso l’Università degli Studi di Milano nel 1979.Da allora esercita la professione come specialista dermatologo.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su