Pubblicità
Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 6 minuti
smagliature, pelle, gravidanza

Smagliature

Cicatrici lineari, più o meno sottili, lunghe anche diversi centimetri.

Che cosa sono

Le smagliature della pelle, che i medici chiamano “strie atrofiche” o “strie distensae”, sono alterazioni della superficie della cute. Si presentano come cicatrici lineari, più o meno sottili, lunghe anche diversi centimetri.

Possono comparire in entrambi i sessi e a qualsiasi età, ma nelle donne sono due volte più frequenti che nei maschi e si sviluppano soprattutto tra i 15 e i 30 anni, in particolare durante la pubertà e la gravidanza.

Nella donna compaiono più spesso su glutei, coscia, fianchi, addome e seno, mentre nell'uomo sono colpite soprattutto le regioni lombo-sacrale, dell'addome, del torace e i glutei.

Come si presentano

Appena si formano sono di colore rosso-violaceo e in rilievo, ma con il tempo assumono un aspetto scavato, con pelle sottile e rugosa e il colore diventa bianco-perlaceo.

Questa trasformazione avviene tipicamente in tre fasi:

  • iniziale (fase infiammatoria). Compare, in genere, soltanto prurito e bruciore.
  • intermedia (fase rigenerativa). In questa fase si manifestano le cosiddette “strie rubre”, ovvero linee rosso-violacee più o meno spesse.
  • terminale. È un periodo che varia da alcuni mesi fino a un paio di anni durante il quale le strie si trasformano diventando bianco-perlacee (strie albae) e il tessuto rimane simile a una cicatrice.

Le cause

Le smagliature sono la conseguenza di una alterazione delle fibre di elastina e di collagene causata principalmente da una brusca distensione della pelle, alla quale quest’ultima non ha il tempo di adattarsi.

Si ha anche un’alterazione dei fibroblasti, le cellule deputate a mantenere l'integrità strutturale del derma secernendo elastina e collagene, e lesioni dei capillari, con conseguente ridotto apporto nutritivo ai tessuti colpiti.

Questo “trauma” da stiramento non agisce da solo, ma in sinergia con meccanismi ormonali e fattori costituzionali, che rendono anche ragione della maggior frequenza dell’inestetismo nel sesso femminile.

La comparsa di smagliature è spesso legata allo sviluppo puberale e alla gravidanza, ed è nota un'azione negativa degli estrogeni sulla sintesi del collagene.

Infine viene chiamato in causa anche l'aumento di ormoni glucocorticoidi che, inibendo l'attività dei fibroblasti, produce un danno a livello delle fibre di collagene e di elastina.

La prevenzione

Purtroppo ancora oggi non esiste alcun metodo per eliminare del tutto le smagliature: la prevenzione è quindi l’unica arma davvero efficace, e dovrebbe cominciare il più precocemente possibile.

Anzitutto occorre mantenere un’adeguata idratazione di tutti i tessuti attraverso un’alimentazione equilibrata, ricca di frutta e verdura, che sono fonti di oligoelementi, vitamina A, C ed E.

Evitare il fumo e lo stress e svolgere un po’ di attività fisica mantengono la pelle sana ed elastica; inoltre il movimento aiuta anche a evitare alterazioni di peso consistenti in poco tempo.

È poi sempre utile usare creme specifiche che mantengano la pelle idratata, morbida ed elastica, specie quando il rischio di smagliature è più alto (gravidanza, accrescimento, aumento di peso, aumento di massa muscolare).

Esistono creme che contengono tutti i principi necessari alla pelle per far fronte alla distensione, come quelle a base di centella asiatica, che stimola la produzione di collagene e fibre elastiche, e sostanze nutritive e idratanti, come vitamina B5, glicerina e olii.

Le cure

Quando le smagliature si sono già formate non esiste alcun metodo per eliminarle del tutto: specialmente se sono marcate e ormai bianche è possibile soltanto migliorare un poco il loro aspetto.

Diverso è il risultato se si interviene precocemente, quando appaiono ancora di colore rossastro: in questo caso si possono ottenere risultati soddisfacenti e, soprattutto, limitarne l’evoluzione.

Sono consigliati, per esempio, preparati a base di antocianosidi (contenuti nel mirtillo nero ad esempio) o altre sostanze che stimolano la microcircolazione e la formazione di tessuto elastico, da assumere per via orale.

Anche l'applicazione giornaliera di creme specifiche, a base di fitoderivati quali centella, edera ed equiseto, nonché collagene, può contribuire a idratare e nutrire la pelle rendendo così le smagliature meno visibili.

A cura della redazione

Se cerchi una risposta ad un problema specifico consulta il nostro esperto

Garonzi
Francesco Garonzi
Dermatologo

TAG
VIDEO

Perché in gravidanza è importante l’acido folico?

Vitamina b6 dieta gravidanza

L'acido folico è una vitamina esseziale, il cui fabbisogno aumenta soprattutto in gravidanza per far frone alle esigenze del feto.

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI CURA DELLA PELLE
Torna su