Pubblicità

Calcolosi biliare

La calcolosi biliare può essere asintomatica, oppure dare origine a coliche. A seconda della gravità dei sintomi, le cure saranno differenti.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti

ARTICOLI CORRELATI

Calcolosi biliare calcoli cistiffelea

Che cos’è

È il disturbo conseguente alla presenza di calcoli nella cistifellea (colelitiasi) o nel dotto cistico o nel coledoco (coledocolitiasi).

La cistifellea, chiamata anche colecisti, è la struttura che immagazzina la bile prodotta dal fegato, mentre il coledoco è il condotto che la trasporta dalla cistifellea al duodeno.

Le concrezioni dure che prendono il nome di calcoli sono di dimensioni variabili da pochi millimetri a qualche centimetro e sono in grande maggioranza formate da colesteriolo.

Ma possono formarsi anche calcoli di sali di calcio e di bilirubina (calcoli pigmentati) o di sali biliari, proteine, acidi grassi e fosfolipidi.

Cause

La formazione dei calcoli è in genere provocata dalla presenza nella bile di livelli di colesterolo sufficientemente elevati da farne precipitare una parte sotto forma di cristalli di colesterolo.

Fattori ereditari, malattie del metabolismo, obesità e una dieta ipercalorica ne favoriscono la formazione, che è più frequente nelle donne, specie durante la gravidanza.

Sintomi più comuni

La presenza di calcoli biliari nella cistifellea è per lo più asintomatica o dà sintomi piuttosto generici, come difficoltà digestive, specie nei confronti dei cibi grassi, nausea, meteorismo, stitichezza e cefalea.

Se i calcoli passano nel dotto cistico possono causare un’ostruzione (parziale o totale, temporanea o meno) che provoca, al contrario, forti coliche addominali.

Il dolore della colica biliare – che interessa il quadrante superiore destro dell'addome e può durare diverse ore – è costante e aumenta progressivamente, per poi iniziare a diminuire.

La presenza di ittero, brividi, febbre può indicare che l’ostruzione è a livello del coledoco.

Complicazioni

Se l’ostruzione non si risolve abbastanza rapidamente si determina uno stato infiammatorio e possono sovrapporsi infezioni batteriche, creando i presuppostri perché si possano sviluppare colecistite acuta, pancreatite acuta, perforazione della colecisti, angiocolite e carcinoma della colecisti.

Le cure

Se la calcolosi non dà sintomi ci si può limitare a semplici misure dietetiche, evitando soprattutto cibi grassi, fritti e alcol, e assumendo più pasti leggeri.

Se la calcolosi dà origine a coliche e i calcoli sono di colesterolo, si può ricorrere a una terapia farmacologica a base di acidi biliari o altre sostanze in grado di scioglierli.

Questa terapia va protratta per diversi mesi e dopo la sua sospensione non è esclusa la formazione di nuovi calcoli, che anzi è abbastanza frequente.

La terapia risolutiva consiste nell’asportazione chirurgica della cistifellea (colecistectomia), un’operazione che attualmente viene in genere eseguita per via laparoscopica, che richiede solo una piccola incisione nella paretre addominale.

L’asportazione della cistifellea non provoca particolari problemi e non richiede successive restrizioni dietetiche.

La frantumazione dei calcoli con ultrasuoni (litotrissia) è sostanzialmente caduta in disuso sia per l’alta incidenza di ricadute sia perché la colecistectomia per via laparosopica si dimostra meno disagevole per il paziente.

Quando consultare il medico

In presenza di dolori al quadrante superiore destro dell'addome, specie se si hanno anche brividi, febbre o ittero.

Quando è asintomatica la malattia viene solitamentre diagnosticata per caso, in seguito a esami (come l’ecografia) eseguiti per altre ragioni.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Samanta mazzocchi Samanta Mazzocchi
Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

Le malattie del fegato

Fegato malattie emergenti

Fegato: ecco le malattie più frequenti, quelle emergenti e da che cosa sono causate.

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI PATOLOGIE A/Z
Torna su