Pubblicità

Troppo inquinamento all’origine della dermatite atopica infantile

La malattia è aumentata del 10 per cento negli ultimi 10 anni. La colpa è dei metalli pesanti e dell’acqua ricca di calcare.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 2 minuti

ARTICOLI CORRELATI

dermatite atopica, bambini, pelle, smog

La malattia è aumentata del 10 per cento negli ultimi 10 anni. La colpa è dei metalli pesanti e dell’acqua ricca di calcare.

Più inquinamento significa maggiori problemi alla pelle dei bambini. Soprattutto quelli più piccoli: i metalli pesanti che provengono dalle marmitte catalitiche e la presenza di quantità elevate di calcare nelle acque potabili sono i nuovi fattori di rischio della dermatite atopica.

Non a caso, negli ultimi dieci anni i bambini tra due e cinque anni con questa patologia sono aumentati del 10 per cento.

A lanciare l’allarme è stato Paidoss, l'Osservatorio Nazionale sulla salute dell'infanzia e adolescenza, nel corso dell'International Network on Children's Health, Environment and Safety che si è tenuto di recente in Israele.

Irritazioni, eczemi, eritemi e desquamazioni arrivano a colpire, secondo diversi studi, circa il 63 per cento dei bambini.

Spesso spariscono quando vanno all'asilo, ma...

Nella maggior parte dei casi si risolvono spontaneamente entro il terzo anno di vita, ma uno su cinque continua a soffrire ancora a sette anni. Soprattutto quei bambini che vivono nelle metropoli e nelle aree più industrializzate.

Leggi il dossier Dermatite atopica

CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su