RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Stitichezza in gravidanza"

In gravidanza è pericoloso soffrire di stitichezza per più di tre giorni?

La stitichezza diventa sicuramente da valutare quando supera la settimana. Le sue cause sono legate alla predisposizione personale, cui si sommano la presenza di elevate quantità di progesterone, che rilassa e gonfia la muscolatura delle pareti intestinali, e l’aumento e il riposizionamento del contenuto intestinale. La cosa migliore da fare è prevenirla. I modi più semplici sono: bere molta acqua, perché le feci poco idratate si ispessiscono e bloccano il transito intestinale; fare del movimento, assumere molte fibre, in particolare quelle solubili (es. glucomannano), perché quelle non solubili possono peggiorare la situazione (es. crusca). Inoltre la stipsi persistente può facilitare le cistiti, le vaginiti, il reflusso gastro-esofageo, le emorroidi e le ragadi anali, fenomeni peraltro più frequenti in gravidanza.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su