Pubblicità

Smagliature in gravidanza: meglio intervenire presto

Sono l’inestetismo più comune che la gravidanza può lasciare dietro di sé.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
smagliature, pelle, gravidanza, rimedi

Dopo le macchie scure, le smagliature sono l’inestetismo più comune che la gravidanza può lasciare dietro di sé. Il miglior rimedio si chiama prevenzione. Ecco qualche utile consiglio.

Bello il pancione. Ma attenzione: se è vero che in gravidanza gli occhi sono più lucidi, lo sguardo cambia e le future mamme sono e si sentono più belle, la tensione improvvisa che la pelle subisce con il progredire della gestazione può lasciare spiacevoli segni.

Specie in chi ha i tessuti meno elastici, lo stiramento della cute può causare un’iperdistensione delle fibre del derma. Risultato: la comparsa di smagliature, striature rossicce o rosate che, con il tempo, si trasformano in vere e proprie cicatrici di colore chiaro.

Perché si formano

In causa ci sono molti fattori: costituzionali, ormonali e meccanici. I primi sono, forse, quelli più importanti: la maggiore o minore elasticità del derma rende più o meno possibile un adattamento della pelle alla distensione.

La probabilità poi che compaiano smagliature aumenta se, alla scarsa elasticità costituzionale, si associa un rapido aumento delle dimensioni di un’area del corpo, come avviene, appunto, in gravidanza, specie a partire dal quinto mese.

Anche le dimensioni del feto o un aumento eccessivo del peso possono determinare un aumento delle smagliature. Inoltre, in gravidanza si aggiungono le variazioni ormonali, che hanno un effetto negativo diretto su collagene ed elastina.

Una volta formatesi le smagliature rappresentano un’alterazione cutanea definitiva, che può essere attenuata soltanto se si agisce quando sono ancora rosa, ma non eliminata completamente.

È opportuno quindi intervenire con un’adeguata prevenzione fin da subito, quando il test ci dice che stiamo aspettando un bimbo, seguendo una corretta alimentazione e usando prodotti specifici.

Pubblicità

Essenziale il fattore tempo

Chi ha la pelle poco elastica non dovrebbe attendere eventi che possono stressarla e, quindi, rovinarla, ma proteggerla fin da giovane.

Attività fisica regolare e un regime alimentare adeguato sono le prime regole: aiutano a prevenire aumenti di peso improvvisi o esagerati, a fornire tutte le sostanze di cui la pelle ha bisogno e a mantenere la giusta idratazione.

Quando si è in gravidanza, poi, è opportuno fare attenzione ed evitare di prendere più chili di quelli necessari. Bere molta acqua, mangiare alimenti ricchi di acidi grassi polinsaturi omega 3 e omega 6, frutta e verdura ricche di vitamine C ed E.

Centella asiatica e altri rimedi naturali

E poi, usare più volte al giorno creme specifiche per la prevenzione delle smagliature.

Idratare e nutrire la pelle con costanza, affinché sia più resistente quando dovrà affrontare l’aumento di volume, non soltanto può essere utile, ma è anche un piacevole momento di relax.

In gravidanza i punti più critici sono l’addome e il seno: prendiamoci il tempo necessario per massaggiarli, con movimenti circolari, con una crema elasticizzante, nutriente e idratante.

Ve ne sono anche di appositamente formulate per la gravidanza, a base di piante, vitamine e oli ipoallergenici e non contengono conservanti, parabeni o coloranti.

Tra i rimedi verdi più adatti c’è, per esempio la Centella asiatica, in grado di stimolare la produzione di collagene ed elastina, che nelle donne gravide sono carenti per la degradazione indotta dai glucocorticoidi.

Ottimi anche Equiseto, Rosa mosqueta ed Edera, per le loro attività antinfiammatoria, ristrutturante e cicatrizzante.

Susanna Trave

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Garonzi Francesco Garonzi
Dermatologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

Perché in gravidanza è importante l’acido folico?

Vitamina b6 dieta gravidanza

L'acido folico è una vitamina esseziale, il cui fabbisogno aumenta soprattutto in gravidanza per far frone alle esigenze del feto.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

L’alimentazione in gravidanza

  • Alim gravidanza1

    Un po’ di tutto, ma con cautela

    Durante la gravidanza l’alimentazione della futura mamma influenza la crescita e la salute del nascituro. È quindi opportuno seguire una dieta sana, varia e bilanciata, senza però dimenticare alcuni accorgimenti importanti per salvaguardare il benessere di mamma e bambino.

  • Alim gravidanza2

    Non mangiare per due

    Seguire una dieta adeguata fin dall’inizio della gravidanza permette di assicurare a mamma e bambino tutti i nutrienti di cui hanno bisogno. Ciò non significa però né mangiare per due, né ingrassare troppo. Evitare un aumento di peso eccessivo permette infatti di arrivare al parto senza ritrovarsi alle prese con problemi di salute come il diabete gestazionale.

  • Alim gravidanza3

    Zuccheri, caffè e sale: sì, ma con moderazione

    Per evitare picchi di glicemia gli zuccheri vanno ridotti (sia quello bianco sia quello di canna e i dolci in generale). Lo stesso vale per tutte le bevande contenenti caffeina, che può attraversare la placenta e raggiungere il feto, e per il sale, il cui utilizzo va limitato perché può favorire la comparsa di ipertensione, una condizione che in gravidanza è molto pericolosa sia per la mamma sia per il bambino.

  • Alim gravidanza4

    Al bando gli alcolici

    Nessuna dose di alcol in gravidanza può essere considerata sicura poiché un quantitativo anche molto limitato di alcol può causare danni al sistema nervoso del bambino. L’alcol ingerito dalla futura mamma giunge infatti nel sangue del feto, che però non può però metabolizzarlo in quanto privo degli appositi enzimi.

  • Alim gravidanza5

    Attenzione a carne e ortaggi crudi

    La toxoplasmosi è una malattia parassitaria abbastanza comune, che può però diventare pericolosa in caso venga contratta per la prima volta durante i nove mesi di gravidanza; la futura mamma può infatti trasmetterla al bambino con conseguenze potenzialmente gravi. Per evitare di entrare il contatto con il parassita è bene consumare ortaggi e frutta fresca solo dopo un accurato lavaggio, cuocere a lungo la carne ed evitare insaccati e salumi (eccetto il prosciutto cotto e la mortadella).


CONSULTA L’ARCHIVIO DI CURA DELLA PELLE
Torna su