Pubblicità

Reflusso gastroesofageo, quanto conta lo stress

Il legame tra stress e reflussogastroesofageo c'è, ma non è diretto. Le condizioni stressanti sono soltanto un fattore aggravante.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
Reflusso stress cause

In momenti particolarmente difficili i sintomi del ritorno del contenuto gastrico nello stomaco possono aumentare, ma lo stress non può essere considerato una causa diretta del reflusso.

Sempre più spesso si parla di stress in relazione al reflusso gastroesofageo. Ma quanto è importante questo fattore psicofisico nel determinare il ritorno di acido dallo stomaco?

È ormai certo che lo stress aggrava i sintomi del reflusso, ma il legame sembra essere soltanto indiretto. In altre parole lo stress non può essere considerato una causa di reflusso gastroesofageo.

Le cause reali

Il reflusso consiste nella risalita del contenuto acido dello stomaco nell'esofago.

Dato che la parete di quest'ultimo non è provvista di meccanismi di difesa che lo proteggano dai succhi gastrici, il reflusso causa bruciori che sono il sintomo dell'irritazione e dell'infiammazione provocata dall'acidità del materiale che risale nell'esofago.

In genere il passaggio del contenuto gastrico nell'esofago è impedita dallo sfintere esofageo, un anello di tessuto muscolare collocato tra i due organi, che si chiude dopo il passaggio del cibo.

Un difetto nella sua chiusura o la presenza di un'ernia (ernia iatale) possono portare al ritorno nell'esofago di ciò che è passato nello stomaco, ormai mescolato ai succhi gastrici.

Ad aggravare la situazione possono concorrere:

  • stress
  • fumo
  • un'alimentazione scorretta
  • alcune cattive abitudini (come quella di sdraiarsi subito dopo aver mangiato)

Stress comprimario

Sono state formulate diverse ipotesi riguardo ai meccanismi con i quali si instaura il legame tra stress e reflusso gastroesofageo.

Sappiamo che lo stress può indurre un aumento dell'appetito, una tendenza a scegliere cibi non salutari e disturbi del sonno. Inoltre, chi fuma o beve alcolici tende a esagerare nei momenti di particolare tensione. Tutti fattori che influiscono negativamente sulla digestione.

In più, quando ci si trova in una situazione di stress o di pericolo, come difesa l'organismo mette in atto la cosiddetta risposta “fight or flight” (combatti o fuggi). Ciò corrisponde a un reindirizzamento dell'energia verso i muscoli, i polmoni e il cuore.

A discapito della digestione, che rallenta. Lo stomaco si trova in carenza di ossigeno e di enzimi necessari ai processi digestivi e, di conseguenza, l'acidità aumenta.

Tutti i fattori sopra descritti possono causare in modo diretto un aumento delle secrezioni acide nello stomaco, un rilassamento dello sfintere esofageo e, pertanto il reflusso acido. Tuttavia, gli studi che hanno tentato di dimostrare una relazione causa-effetto non hanno fornito alcun risultato significativo.

Piuttosto, è stato dimostrato che lo stress può aumentare la sensibilità dell'esofago a piccole quantità di acido. E si è visto che chi soffre di reflusso e, contemporaneamente, di ansia cronica è più soggetto a un aggravamento dei sintomi durante periodi di stress.

Eliminare lo stress per alleviare i sintomi

Pertanto è chiaro che, in ogni caso, i sintomi del reflusso gastroesofageo possono essere alleviati riducendo lo stress. Metodi di rilassamento come lo yoga, il tai-chi e la meditazione possono essere d'aiuto in questo senso, anche se non rappresentano la terapia definitiva.

Per contrastare l'iperacidità gastrica è comunque necessario far ricorso a farmaci come gli inibitori della pompa protonica (IPP), che inibiscono direttamente la produzione di acido da parte dello stomaco, oggi disponibili anche come farmaci da banco.

Silvia Soligon

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Samanta mazzocchi Samanta Mazzocchi
Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

Ho il reflusso acido e mi hanno detto che devo dimagrire: è vero?

Reflusso acido dimagrire

Il reflusso acido è un disturbo molto diffuso dovuto alla risalita involontaria nell’esofago del contenuto dello stomaco.

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su