Pubblicità
Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti

Puntini rossi sul collo? Niente paura: è la sudamina

Possono spaventare i genitori, che subito pensano a qualche malattia esantematica. Non è il caso di allarmarsi, è un fenomeno molto frequente.

Quanto hai trovato interessante questo contenuto?
 

Possono spaventare i genitori, che subito pensano a qualche malattia esantematica. Non è il caso di allarmarsi, è un fenomeno molto frequente.

Pelle arrossata, spesso ricoperta di minuscoli puntini rossi in rilievo: è un fenomeno assai frequente che colpisce i piccoli durante la stagione calda, specie se hanno la pelle molto chiara.

Le zone più colpite sono collo, torace, inguine e ascelle. Questo sfogo dell’epidermide viene chiamato sudamina (o miliaria) ed è più diffuso tra i bambini da 0 a 3 anni.

I pori della pelle nell’infanzia sono più piccoli rispetto a quelli degli adulti e questo provoca reazioni maggiori.

Spiega la professoressa Susanna Esposito, direttore dell’Unità di Pediatria ad Alta Intensità del Policlinico Università di Milano: «Non è nulla di grave, ma è bene tenere il bambino asciutto e pulito per evitare di peggiorare l’irritazione. Ed è sufficiente usare creme delicate neutre due volte al giorno. Il problema si risolve in breve. Ha un effetto positivo esporre il bambino alla luce del sole, quella che si può prendere andando a fare una passeggiata ai giardini nelle ore meno calde. Il neonato viene sempre lasciato più coperto degli adulti, anche perché il suo organismo fatica a regolare la temperatura. All’arrivo del caldo, però, questo può comportare il ristagno di sudore».

Inoltre bisogna ridurre il calore corporeo del piccolo, assicurandosi che resti in un ambiente fresco e ventilato, anche con l’uso moderato del condizionatore, in casa come in auto.

Rinfrescare il bimbo con un bagnetto, anche più volte al giorno, immergendolo in acqua appena tiepida.

Se il bimbo suda tamponatelo con un asciugamano e cambiategli il pannolino più spesso. La sudamina può provocare prurito.

È meglio tagliargli spesso le unghie, per non irritare ulteriormente la pelle quando il bambino tende a grattarsi.

Un asciugamano di cotone aiuterà ad assorbire il sudore in eccesso. Tamponare nelle aree interessate dall’irritazione asciugamani freschi e imbevuti d’acqua.

Per prevenire o limitare l’insorgenza della sudamina, è molto importante che il bambino indossi abiti leggeri che non impediscano la traspirazione.

Vanno evitati i capi di abbigliamento in tessuto sintetico, che non fanno respirare la pelle e favoriscono le irritazioni.

Magliette e abiti devono essere in fibre naturali, cotone o lino. Non lasciare i bimbi a lungo con i costumini bagnati o umidi addosso, sono un’altra possibile causa di irritazioni cutanee.

I capi devono essere ampi, morbidi e comodi, per permettere al bambino di muoversi in libertà.

Per le uscite serali in estate il consiglio è vestire i piccolini “a cipolla”: un body di cotone leggero e smanicato, una tutina a mezze maniche e un golfino, oppure una magliettina a maniche lunghe se fa più fresco. E tenere a portata di mano una copertina per quando l’aria rinfresca.

Se cerchi una risposta ad un problema specifico consulta il nostro esperto

Battaglioli1
Marina Battaglioli
Pediatra e neonatologa


Quanto hai trovato interessante questo contenuto?
 

Articolo scritto da:
CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su