Pubblicità

Prurito e dermatite: mandalo via così

Meglio usare i prodotti giusti ed evitare di tormentare la pelle.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 6 minuti
Prurito pelle dermatite

Può essere di tipo allergico o da contatto. In ogni caso è bene utilizzare i prodotti più adeguati per evitare di tormentare la pelle.

Crisi o non crisi, con la bella stagione, il tempo di viaggi più o meno esotici e gite fuoriporta arriva quasi per tutti, a prescindere dall’età.

L’indubbio entusiasmo della scoperta di luoghi nuovi e il piacere di concedersi ritmi di vita più rilassati in ambienti naturali possono, però, essere accompagnati da fastidi imprevisti, magari non gravi, ma sufficienti a rovinare la serenità del momento.

Uno di questi è la dermatite da contatto che può comparire dopo aver accidentalmente toccato sostanze allergizzanti o irritanti, particolarmente diffuse nel mondo vegetale.

Pubblicità

Le cause e i sintomi caratteristici

La dermatite da contatto può essere di natura allergica (ossia basata su una reazione immunitaria cutanea particolarmente accentuata nei confronti di sostanze di per sé non pericolose per l’organismo) oppure irritativa e legata all’azione lesiva sui tessuti biologici di specifici composti sintetici o naturali.

In entrambi i casi, i sintomi cutanei compaiono poco dopo il contatto con l’agente irritante o l’allergene (oppure nell’arco delle 24-48 ore successive nel secondo caso) e sono pressoché sovrapponibili. I più tipici comprendono arrossamento, bruciore, prurito e gonfiore nell’area cutanea interessata, talvolta accompagnati dalla comparsa di piccole vescicole e dolore.

In contesti naturali, manifestazioni di questo tipo possono svilupparsi dopo aver toccato piante urticanti o averne spezzato i rami o le foglie, lasciando fuoriuscire la linfa, il lattice o le resine caratteristici. È il caso di ortiche, fico, sambuco, cactus, edera, euforbia, giacinto, peonia, ranuncolo, elleboro, clematis, mughetto, stella di natale, soltanto per fare alcuni esempi.

I sintomi della dermatite irritativa, di norma, insorgono a prescindere dalla sensibilità individuale. La tendenza a reazioni allergiche da contatto è, invece, più soggettiva e le sostanze che possono indurle estremamente variabili da persona a persona, quindi meno prevedibili.

In alcuni casi, reazioni di sensibilizzazione più o meno marcata possono derivare anche dalla combinazione della presenza sulla pelle di una sostanza naturale (per esempio, olii essenziali, estratti di agrumi ecc.) o sintetica (farmaci topici, creme antiacne, preparati contro le rughe ecc.) fotosensibilizzante e dell’esposizione al sole: in questi casi, di solito, la dermatite assume la forma di un eritema solare più o meno intenso.

Gli accorgimenti utili

Se non interessa superfici corporee molto estese e non si localizza in aree dove l’epidermide è molto delicata, un episodio occasionale di dermatite da contatto non è un’emergenza medica e non comporta problemi significativi, neppure se a esserne interessati sono bambini o anziani.

Ciò che conta è intervenire subito in modo corretto per placare irritazione, infiammazione e prurito ed evitare di sfregare la pelle, nel tentativo di ottenere sollievo. Il risultato sarebbe, infatti, esattamente l’opposto, ossia un’accentuazione del fastidio e l’ulteriore rischio di facilitare l’insorgenza di ferite e infezioni.

Che a scatenare la dermatite da contatto sia un composto naturale o sintetico, la prima azione fondamentale è allontanare la sostanza incriminata, con un lavaggio sotto acqua corrente, eseguito in modo da evitare di estendere l’area interessata dall’irritazione.

Dopo aver asciugato con delicatezza, per ridurre infiammazione, prurito e bruciore si possono applicare creme a base di corticosteroidi per uno o più giorni, in relazione all’intensità e alla persistenza dei sintomi. Se bruciore e prurito sono molto intensi, impacchi freddi possono aiutare a ridurre il disagio.

Per ottenere un maggior sollievo e favorire il ripristino dell’equilibrio cutaneo è, inoltre, consigliabile applicare creme altamente idratanti, protettive ed emollienti di qualità farmacologica.

L’ideale è puntare su formulazioni contenenti lipidi simili a quelli naturalmente presenti nell’epidermide (ceramidi) e sostanze umettanti ed emollienti (pantenolo, olio di cocco, burro di karité), in grado di favorire la rigenerazione della barriera dermoepidermica, rendendo anche la pelle più resistente agli agenti esterni potenzialmente lesivi.

Questo tipo di creme sono molto utili anche per prevenire ulteriori sensibilizzazioni. Tuttavia, va ricordato che la migliore strategia difensiva dalle dermatiti da contatto, sia allergiche sia irritative, consiste nell’evitare o, quantomeno, nel ridurre il più possibile il contatto con le sostanze irritanti e gli allergeni.

Quindi, quando ci si trova in prati e boschi si dovrebbe evitare di toccare piante di cui non si conoscono le caratteristiche, mentre nella vita di tutti i giorni, in casa o sul luogo di lavoro, si dovrebbero sempre indossare guanti e/o abbigliamento protettivo idoneo durante la manipolazione di composti a rischio (detersivi, liquidi e polveri irritanti o corrosive, lattice, nichel, solventi, colle ecc.).

Claudia Guglielmi

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Garonzi Francesco Garonzi
Dermatologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

CONSULTA IL DOSSIER "DERMATITE ATOPICA"
VIDEO

Ho la pelle molto secca, che posso fare?

Pelle secca cause e rimedi

D'inverno per il freddo, d'estate soprattutto se ci si espone a sole e vento, la pelle diviene facilmente secca. Ecco che fare.secca è

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Pantenolo, vitamina multitasking

  • Fotolia 40613763 s

    Sederini arrossati, no problem

    Se affrontate per tempo, le irritazioni da pannolino, chiamate anche dermatiti, si possono risolvere senza problemi. Il pantenolo è dotato di attività rigenerante e lenitiva dell'epidermide. In pratica, non soltanto previene gli arrossamenti, ma allevia i sintomi quando il sederino è già irritato e favorisce il naturale processo di rigenerazione dell'epidermide.

  • Fotolia 50527591 s

    Scottature solari

    Irritata, arrossata e sensibile: così appare la pelle dopo una giornatadi mare. Alla sera, una crema a base di pantenolo aiuta, da un lato, a raffreddare e a lenire il fastidio provocato dalla piccola ustione e, dall’altro, a prevenire ulteriori danni al tessuto cutaneo. Anche in questo caso, la provitamina idrata e favorisce il naturale processo di rigenerazione della cute.

  • Fotolia 42637730 s

    Anti-smagliature in gravidanza

    Dopo nove mesi con il pancione ci si può scoprire a fare i conti con le smagliature della pelle. Per questo è importante, dai primi mesi e fin dopo il parto, applicare creme a base di pantenolo: migliorano l’elasticità della pelle e aiutano a ridurre la comparsa delle smagliature.

  • Fotolia 51649704 s

    Protezione del seno

    Allattare è un’esperienza meravigliosa. A patto che non lasci brutti ricordi intorno al capezzolo. In caso di arrossamenti e irritazioni, si possono usare creme a base di pantenolo: vanno applicate dopo ogni poppata, avendo cura di detergere accuratamente le mammelle prima della poppata successiva.

  • Fotolia 52541674 s

    Tatuaggi, che passione

    È un uso non ufficiale del pantenolo, ma sui siti di settore e nei blog se ne parla molto. In pratica, dopo aver fatto un tatuaggio, la pelle appare arrossata e irritata. In molti hanno visto che applicando una crema a base di pantenolo il disturbo guarisce più in fretta. Non esistono però prove scientifiche di questo utilizzo. Per cui è sempre bene chiedere un parere al medico o al farmacista prima di applicarlo.

  • Fotolia 48015407 s

    Naso raffreddato, pelle irritata

    Dopo un raffreddore non è raro ritrovarsi con la pelle del naso e del labbro superiore arrossata e screpolata. In questi casi può aiutare l’applicazione di creme contenenti pantenolo che, in virtù delle sue proprietà lenitive e rigenerative della cute, manda via il fastidio in poco tempo.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su