Pubblicità

Pressione del sangue alta? La vitamina C aiuta

L’acido ascorbico potrebbe contribuire a tenere sotto controllo la pressione arteriosa.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 3 minuti
Ipertensione vitamina C integratori

L’acido ascorbico potrebbe contribuire a tenere sotto controllo la pressione arteriosa. Ne sono convinti i ricercatori della University of California.

Chi ha più vitamina C nell’organismo corre meno rischi di soffrire di ipertensione arteriosa. A dirlo è un gruppo di ricercatori della University of California che ha condotto uno studio su 242 donne di età compresa tra 18 e 21 anni.

La vitamina C potrebbe infatti avere una funzione regolatrice della pressione sanguigna.

Nel corso dello studio gli esperti d’Oltreoceano hanno monitorato sia i valori pressori sia i livelli plasmatici di vitamina C e hanno scoperto una interessante associazione: chi ha nell’organismo poca vitamina C presenta valori più elevati sia per quanto riguarda la pressione sia sistolica (massima) sia per quella diastolica (minima).

Le donne con maggiore disponibilità della vitamina hanno registrato un decremento di 4,66 mmHg (millimetri di mercurio) nella pressione sistolica e di 6,04 mmHg in quella diastolica rispetto a quelle che presentavano i valori più bassi di acido ascorbico.

Una differenza confermata anche dopo che gli studiosi hanno corretto i dati per indice di massa corporea, gruppo etnico di appartenenza, livello di educazione scolastica, assunzione alimentare di grassi e di sodio.

Non si conoscono al momento i meccanismo biologici alla base di questa associazione, ma l’importanza di questa ricerca è chiara: prevenire in giovane età l’aumento della pressione arteriosa, anche minimo, significa ridurre, in fase adulta, l’incidenza di eventi vascolari come infarto e ictus.

Farne il pieno ogni giorno

Dove si trova la vitamina C? Soprattutto negli ortaggi e nella frutta: agrumi, kiwi, fragole, ribes nero, verdure a foglia scura (broccoli, crescione, spinaci, cavolo), pomodori e patate.

Per mantenere attive le proprietà dell’acido ascorbico bisogna evitare una cottura prolungata ed è preferibile consumare frutta e verdura fresche, tenendole al riparo da luce e calore, senza però congelarle.

Se l’alimentazione quotidiana non garantisce, a causa dei mille impegni di ogni giorno, un introito di 60-80 mg al giorno (per gli adulti) potrebbe essere il caso di assumere integratori alimentari.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Panciroli Claudio Panciroli
Cardiologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

Ho la pressione alta: oltre al sale devo eliminare anche vino e caffè?

Pressione alta limitare sale alcool caffe

Se hai la pressione alta è bene ridurre il sale e limitare l'alcol e i caffè. Senti il parere del farmacista.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Sette segreti per mantenere il cuore in salute

  • Sovrappeso

    Mangiare sano e combattere il sovrappeso

    Evitare cibi troppo grassi, zuccheri e cereali raffinati, si sa, non può che far bene a tutto l’apparato cardiovascolare. Tra i tanti alimenti particolarmente utili per la salute del cuore bisogna ricordare l’olio d’oliva, la soia, il pesce azzurro, i pomodori e le noci.

  • Sport

    Tanti i benefici dello sport

    L’attività fisica è un vero toccasana per tutto l’organismo, a patto che non manchi la costanza. Per il cuore meglio quella aerobica, calibrando la frequenza e l’intensità in base alla proprie caratteristiche e condizioni fisiche. I vantaggi sono innumerevoli perché lo sport aiuta a combattere i grandi nemici del cuore: ipertensione, sovrappeso e stress.

  • Stress

    Al bando lo stress

    Essere costantemente sotto pressione causa un lavoro extra per il cuore, innesca infatti la produzione di adrenalina, che a sua volta aumenta il ritmo cardiaco e la pressione sanguigna. Attenzione quindi: se lo stress si prolunga a lungo, tanto da diventare cronico, l’azione dell’adrenalina può causare uno stato di sofferenza cardiaca.

  • Fumo

    No smoking

    Il fumo di sigaretta non fa male solo ai polmoni, ma anche al cuore e a tutto il sistema cardiovascolare. I suoi effetti deleteri vanno dall’accelerazione del battito cardiaco all’aumento della pressione, fino al restringimento delle arterie e alla maggiore probabilità che si formino pericolosi coaguli.

  • Colesterolo

    Abbassare il colesterolo, ma solo quello cattivo

    Buono o cattivo? Questo è il problema. Se il primo (l’HDL) è importante per il buon funzionamento dell’organismo, il secondo (l’LDL) è invece uno dei fattori di rischio più importanti per le malattie cardiache. Si può cercare di tenerlo sotto controllo con uno stile di vita sano, ma se i valori sono troppo elevati e non scendono si può ricorrere ad alcuni farmaci, come per esempio le statine.

  • Pressione

    Misurare la pressione

    La pressione sanguigna è la “forza” con cui il sangue viene immesso in circolo dal cuore: se è troppo alta, il cuore si affatica, aumenta di dimensioni ed è più a rischio di aterosclerosi.

  • Disturbi sonno

    Attenzione ai disturbi del sonno

    Dormire poco o male incide sicuramente sulla qualità di vita. Alcuni studi hanno dimostrato che insonnia e apnee notturne sono deleterie anche per il cuore, in quanto aumentano il rischio di scompenso cardiaco e ipertensione.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI VITAMINE E INTEGRATORI
Torna su