Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Polmonite da morbillo"

A seguito di un ricovero per una polmonite complicata da morbillo, che con le normali lastre non fu notata, all'ospedale approfondorino con un Tac al torace e il risultato fu: multiple aree di alterata densità con aspetto a vetro smerigliato ed ispessimento dell' interstizio centrolobulare, in relazione a interessamento flogistico delle vie aeree. Coestistono aree di riempimento alveolare confluenti. Due spirometrie globali (lugio e ottobre) hanno evidenziato una riduazione del 50%. Ieri per altri motivi ho eseguito una rx al torace dove si nota un modesto rinforzo della trama interstiziale. La domanda che vorrei porle in attesa del controllo: è una situazione reversibile visto la polmonite pregressa?

Il morbillo è una malattia esantematica molto contagiosa causata dall'infezione di un virus ed è attualmente responsabile in più di 100.000 morti ogni anno nel mondo; prima della introduzione e della diffusione della vaccinazione le morti arrivavano ad essere annualmente circa 2 milioni. Il virus si trasmette per via respiratoria attraverso le goccioline salivari e le secrezioni emesse dalle persone infette; clinicamente si presenta con febbre, tosse e congiuntivite, poi seguite dal caratteristico esantema. Le complicanze del morbillo possono coinvolgere molti organi; la polmonite costituisce quella più frequente (fino al 6% dei casi). La polmonite può essere di origine virale oppure legata a una sovrainfezione batterica; nel tal caso il riconoscimento tempestivo può essere molto importante per iniziare un trattamento antibiotico e favorire una guarigione completa. Nel suo caso, c’è la possibilità che le alterazioni che mi riferisce, come la riduzione della diffusione alla spirometria del 50%, possano essere legate agli esiti cicatriziali dovuti al processo flogistico polmonare. Non mi è chiaro se il ricovero per polmonite è recente o meno; se non lo fosse e le alterazioni spirometriche continuano a mantenersi anche a distanza di molto tempo è possibile che questo aspetto non sia reversibile; viceversa se il processo di guarigione è ancora in corso potrebbe rientrare ai controlli successivi.


Ha risposto Papazian Barbara

Papazian 1

Barbara Papazian

Pneumologa

Svolge attività ambulatoriale come Specialista Pneumologa presso l’Ambulatorio dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti di Milano.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su