Pubblicità

Micosi delle unghie: come riconoscerle e curarle

Sono infezioni abbastanza frequenti e piuttosto difficili da sconfiggere.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 3 minuti
onicomicosi, funghi delle unghie

I medici le chiamano onicomicosi, sono infezioni abbastanza frequenti e piuttosto difficili da sconfiggere.

Dal punto di vista statistico sono un problema che accomuna tante persone: le micosi delle unghie, dette anche onicomicosi, sono i disturbi più frequenti che possono colpire le dita delle mani e, soprattutto, dei piedi.

Riconoscerle non è difficile: quando insorgono l’unghia tende a cambiare colore con sfumature dal bianco al giallino.

A volte compaiono macchie di colore marrone, verde o nero. Altre volte si presentano con strie bianche o giallastre.

E poi, qualora l’infezione si spinga in profondità, le unghie diventano più spesse del normale e, a volte, si sgretolano sui lati provocando una fastidiosa sensazione di dolore.

Terapie diverse, da caso a caso

Se la diagnosi non è complicata, il difficile arriva dopo. Quando si tenta di mandarle via: le onicomicosi, infatti, non sono affatto semplici da debellare.

Possono essere necessarie terapie diverse, a seconda dei casi. Alcune micosi delle unghie sono trattabili con farmaci antimicotici da assumere per bocca, per i quali è necessaria una ricetta del medico.

In altri casi vanno benissimo le pomate antimicotiche per uso esterno: si acquistano direttamente in farmacia e si applicano sulle parti infette.

Entrambe queste strategie si basano sull’uso di molecole che, agendo sulla parete cellulare del fungo, ne causano la morte. Più o meno è lo stesso meccanismo che gli antibiotici esercitano nei confronti dei batteri.

Nei casi molto gravi il medico potrebbe valutare l’eventuale rimozione dell'unghia tramite intervento chirurgico.

Pubblicità

Provare con l’urea al 40%

Uno dei rimedi oggi più accessibili e facilmente gestibili consiste nell’applicazione di unguenti a base di urea al 40% sulle unghie colpite da micosi.

In farmacia si possono acquistare kit che contengono, oltre all’unguento, cerotti impermeabili monouso e un raschietto di plastica.

In sintesi si procede così: in una prima fase basta immergere la mano o il piede colpiti in acqua calda per almeno 10 minuti. Si asciuga bene e si applica l’unguento facendo attenzione a coprire con un sottile strato tutte le parti infette.

Dopodiché si copre l’unghia con un cerotto apposito, che avvolge tutto il dito e protegge la parte infetta. Il giorno dopo si può rimuovere il cerotto e si ripete l’operazione: in pratica si reimmerge l’unghia in acqua calda per altri dieci minuti, si applica l’unguento, si asciuga e si rimette il cerotto. In molti casi il problema si risolve nel giro di due o tre settimane.

Andrea Carlini

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Garonzi Francesco Garonzi
Dermatologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

CONSULTA IL DOSSIER "ONICOMICOSI"
VIDEO

Micosi delle unghie: la nuova vita di Miriam

Canespro dossier

Onicomicosi, un incubo quando non si riesce a curare. Molte donne hanno scoperto il metodo giusto.

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su