Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Lansoprazolo, effetti avversi"

Tre settimane fa ho cominciato a presentare bruciore allo stomaco, principalmente lontano dai pasti, frequente eruttazione e flatulenza, difficoltà di deglutizione e inappetenza. Mi hanno prescritto lansoprazolo 15 mg per 8 settimane. Il dolore allo stomaco si è calmato, ma mi si sono presentati brividi su tutto il corpo in vari momenti della giornata, difficoltà a prendere sonno, stati d'ansia, problemi muscolari alle gambe e una settimana fa un forte episodio di tachicardia. Inoltre si sono accentuati l'eruttazione e la flatulenza. Secondo lei possono essere collegati al farmaco?

Gli effetti collaterali più frequenti associati al trattamento con lansoprazolo comprendono effetti avversi gastrointestinali (diarrea, vomito, nausea), neurologici (cefalea, vertigini, astenia e disturbi del sonno), cardiovascolari (tachicardia, ipotensione) e dermatologici (rash cutaneo, prurito). A maggior ragione se la comparsa di questi disturbi è iniziata dopo l’assunzione del farmaco, è indicato sostituirlo con una molecola simile della stessa classe di farmaco (es. omeprazolo) o meglio di una diversa classe (anti H2: es. ranitidina) secondo il consiglio dello specialista.


Ha risposto Mazzocchi Samanta

Samanta mazzocchi

Samanta Mazzocchi

Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 2002 presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha conseguito nel 2008 il diploma di Specializzazione in "Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva". Dal 2013 è dirigente medico presso l’Azienda Ospedaliere di Piacenza all’Ospedale di Castel San Giovanni e, in qualità di Medico Gastroenterologo, si occupa dell’ambulatorio di gastroenterologia e di endoscopia digestiva.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su