Pubblicità

Influenza 2013: tre virus in arrivo. Automedicazione sì, ma responsabile

Gli esperti raccomandano prevenzione e uso razionale dei farmaci.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 3 minuti

ARTICOLI CORRELATI

influenza, pregliasco, virus influenzale

Secondo una ricerca Assosalute ancora troppi italiani prendono sotto gamba i malanni stagionali. Gli esperti raccomandano prevenzione e uso razionale dei farmaci.

È un terzetto ben assortito di virus influenzali, quello che sta per colpirci. Si chiamano: AVictoria H3N2, il più aggressivo, ACalifornia H1N1 e BMassachussetts.

A differenza degli anni precedenti, tuttavia, non dovrebbero creare troppi danni: secondo gli esperti il numero di italiani colpiti dall’influenza sarà inferiore a quello dello scorso anno.

Previsioni a parte, come si stanno preparando i cittadini? Se lo è chiesto Assosalute, l’Associazione nazionale farmaci di automedicazione, che ha condotto un’indagine per capire qual è il loro rapporto con l’influenza e ha presentato i risultati in conferenza stampa.

Tre diversi modi di percepire il malanno invernale

Sono tre le categorie emerse: i “razionali”, gli “ansiosi” e i “tranquilli”. Quattro su sette italiani appartengono al gruppo dei razionali: per curare l’influenza si affidano principalmente ai farmaci da banco (54%), ma anche ai vecchi rimedi della nonna (39%) o cercano di riguardarsi di più restando in casa. Per questa categoria, il medico (49%) e il farmacista (31%) sono i referenti principali a cui rivolgere domande o dubbi.

Gli “ansiosi” (17%) sono per lo più donne tra i 35 e i 44 anni che pur di non fermarsi di fronte all’influenza, cercano soluzioni su internet o ricorrono addirittura agli antibiotici (35%) senza consultarsi con il medico.

I tranquilli (40%) sono infine coloro che aspettano, gli attendisti: non fanno praticamente nulla lasciando fare all’influenza il suo decorso. Sono soprattutto uomini.

E tu sai tutto sull’influenza? Verificalo con questo quiz.

Automedicazione, il pilastro dei trattamenti

Secondo Fabrizio Pregliasco, infettivologo dell’Università di Milano intervenuto alla conferenza stampa, «per la stragrande maggioranza dei casi, i farmaci di automedicazione sono il pilastro principale del trattamento delle sindromi influenzali e parainfluenzali».

A patto che sia responsabile: «Occorre utilizzare questi farmaci per attenuare i sintomi, seguire l’andamento della malattia e consultare il medico se le cose non migliorano dopo 4-5 giorni».

Se vuoi saperne di più sui farmaci antinfluenzali leggi questo articolo.

Scopri il portale di Saperesalute.it dedicato ai Malanni invernali.

CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su