Pubblicità

Filtri solari

I filtri solari sono prodotti che aiutano a proteggere la pelle dalle radiazioni UVA e UVB emesse dal sole o dalle lampade abbronzanti.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 3 minuti
Filtri solari abbronzatura

I filtri solari sono prodotti che aiutano a proteggere la pelle dalle radiazioni UVA e UVB emesse dal sole o dalle lampade abbronzanti.

Ne esistono di due tipi: filtri fisici e filtri chimici. I primi (chiamati schermi), sono formati da particelle molto piccole di metalli che riflettono l'energia dannosa come uno specchio e proteg-gono sia dagli UVA sia dagli UVB.

I filtri chimici agiscono invece assorbendo l'energia dei raggi e offrono una buona protezione nei confronti degli UVB, ma non verso gli UVA.

Ogni prodotto è caratterizzato da un fattore di protezione solare (FPS), che indica per quanto tempo è possibile esporsi al sole con quel filtro senza rischiare scottature o eritemi. I filtri con valori di FPS tra 2 e 7 forniscono bassa protezione, tra 8 e 11 media e al di sopra di 12 alta. Non esistono filtri a protezione totale.

Infine, i filtri water resistant. Mantengono il loro FPS anche dopo 40 minuti di contatto con l'acqua, mentre i waterproof continuano ad agire anche dopo 80 minuti.

Quando e perché usarli

Quando ci si espone al sole è bene utilizzare filtri per prevenire i danni provocati dalle radiazio-ni ultraviolette.

I danni principali sono: un prematuro invecchiamento della pelle e l’aumento del rischio di me-lanoma. Entrambi, probabilmente, sono dovuti all’azione degli UVA perché penetrano mag-giormente in profondità. Gli UVB invece, meno penetranti, stimolano la produzione di melanina (e quindi l’abbronzatura), ma possono anche provocare irritazioni ed eritemi.

Inoltre gli ultravioletti possono danneggiare il sistema immunitario e gli occhi.

Come usarli

È bene usare creme e filtri solari con un FPS adeguato al proprio fototipo (più elevato per le pelli e gli occhi chiari), proteggendo con maggiore attenzione mani, collo e viso, che sono sempre esposti al sole.

Nelle prime esposizioni bisogna utilizzare un FPS alto, ma anche quando si è già abbronzati è necessario continuare a proteggersi, ricordandosi di ripetere frequentemente l’applicazione dei filtri, specie dopo essersi bagnati.

Anche se si usa un filtro solare è meglio evitare di esporsi nelle ore in cui l'intensità degli ultra-violetti è maggiore (intorno a mezzogiorno). È consigliabile stare il più possibile all'ombra, pro-teggersi con indumenti leggeri e occhiali scuri.

Non si devono usare profumi e deodoranti che potrebbero rendere la pelle più sensibile, e si deve bere molta acqua per evitare la disidratazione.

Complicazioni

Alcuni filtri chimici assorbendo i raggi ultravioletti si trasformano in sostanze che possono irri-tare o causare reazioni allergiche.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Garonzi Francesco Garonzi
Dermatologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

Come faccio a far passare in fretta l’eritema solare?

Rimedi eritema solare

L'eritema solare è una reazione infiammatoria della pelle provocata dall'eccessiva esposizione i raggi solari. Ecco come attenuarne i sintomi.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Pantenolo, vitamina multitasking

  • Fotolia 40613763 s

    Sederini arrossati, no problem

    Se affrontate per tempo, le irritazioni da pannolino, chiamate anche dermatiti, si possono risolvere senza problemi. Il pantenolo è dotato di attività rigenerante e lenitiva dell'epidermide. In pratica, non soltanto previene gli arrossamenti, ma allevia i sintomi quando il sederino è già irritato e favorisce il naturale processo di rigenerazione dell'epidermide.

  • Fotolia 50527591 s

    Scottature solari

    Irritata, arrossata e sensibile: così appare la pelle dopo una giornatadi mare. Alla sera, una crema a base di pantenolo aiuta, da un lato, a raffreddare e a lenire il fastidio provocato dalla piccola ustione e, dall’altro, a prevenire ulteriori danni al tessuto cutaneo. Anche in questo caso, la provitamina idrata e favorisce il naturale processo di rigenerazione della cute.

  • Fotolia 42637730 s

    Anti-smagliature in gravidanza

    Dopo nove mesi con il pancione ci si può scoprire a fare i conti con le smagliature della pelle. Per questo è importante, dai primi mesi e fin dopo il parto, applicare creme a base di pantenolo: migliorano l’elasticità della pelle e aiutano a ridurre la comparsa delle smagliature.

  • Fotolia 51649704 s

    Protezione del seno

    Allattare è un’esperienza meravigliosa. A patto che non lasci brutti ricordi intorno al capezzolo. In caso di arrossamenti e irritazioni, si possono usare creme a base di pantenolo: vanno applicate dopo ogni poppata, avendo cura di detergere accuratamente le mammelle prima della poppata successiva.

  • Fotolia 52541674 s

    Tatuaggi, che passione

    È un uso non ufficiale del pantenolo, ma sui siti di settore e nei blog se ne parla molto. In pratica, dopo aver fatto un tatuaggio, la pelle appare arrossata e irritata. In molti hanno visto che applicando una crema a base di pantenolo il disturbo guarisce più in fretta. Non esistono però prove scientifiche di questo utilizzo. Per cui è sempre bene chiedere un parere al medico o al farmacista prima di applicarlo.

  • Fotolia 48015407 s

    Naso raffreddato, pelle irritata

    Dopo un raffreddore non è raro ritrovarsi con la pelle del naso e del labbro superiore arrossata e screpolata. In questi casi può aiutare l’applicazione di creme contenenti pantenolo che, in virtù delle sue proprietà lenitive e rigenerative della cute, manda via il fastidio in poco tempo.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI CURA DELLA PELLE
Torna su