Pubblicità
Embolia polmonare cause sintomi terapie

Embolia polmonare

È l'ostruzione delle arterie polmonari causata da un embolo, cioè un frammento di trombo.
Tempo di lettura: 4 minuti
Ultimo aggiornamento: 6 Giugno 2020

Che cos'è

L'embolia polmonare consiste nell'ostruzione delle arterie polmonari causata da un embolo, cioè un frammento di trombo.

Il trombo, che può avere dimensioni variabili, in genere origina nelle vene profonde degli arti inferiori (trombosi venosa profonda) e da questa sede, attraverso il circolo sanguigno e la spinta del cuore, arriva ai polmoni.

Dal punto di vista della frequenza, l'embolia polmonare è oggi la terza tra le malattie acute cardiovascolari. Nel nostro Paese colpisce una persona su centomila. Circa il 10 per cento di chi ha un'embolia polmonare muore entro trenta giorni dalla diagnosi.

Fattori di rischio

I fattori di rischio dell'embolia polmonare sono molto simili a quelli della trombosi profonda, dal momento che rappresenta una sua complicazione.

  • età avanzata
  • familiarità
  • presenza di diabete
  • assunzione della pillola anticoncezionale
  • gravidanza e puerperio
  • presenza di traumi (in particolare le fratture agli arti inferiori)
  • episodi pregressi di infarto miocardico e scompenso cardiaco
  • episodi tromboembolici pregressi
  • presenza di tumori
  • aver subito interventi chirurgici e/o lunghi periodi di immobilizzazione

Sintomi

Purtroppo l'embolia non è facile da diagnosticare. I suoi sintomi sono in genere aspecifici, nel senso che sono simili a quelli di diverse altre patologie cardiorespiratorie.

Tuttavia, segni più comuni sono:

  • presenza di dolore toracico, localizzato o diffuso
  • insorgenza di dispnea (la sensazione di mancanza di fiato)
  • comparsa di tachicardia
  • collasso cardiocircolatorio
  • presenza di gonfiore e arrossamento ai vasi del collo.

Diagnosi

Per eseguire una diagnosi di embolia polmonare i medici possono prescrivere: - la scintigrafia polmonare - l'angiografia con mezzo di contrasto.

Terapie

Il trattamento dell'embolia polmonare si basa su farmaci anticoagulanti e i trombolitici. Grazie a loro è possibile ottenere risultati eccellenti, e spesso evitano di dover ricorrere all'intervento chirurgico per asportare l'embolo.

Prevenzione

La prevenzione dell'embolia polmonare è identica a quella della trombosi venosa profonda.

Le persone che rientrano nei fattori di rischio sopraelencati dovrebbero pertanto fare attenzione a:

  • scegliere sempre vestiti e scarpe comodi
  • dedicare, almeno una volta al giorno, mezz'ora di tempo a esercizi fisici che coinvolgano gli arti inferiori
  • smettere di fumare
  • seguire una dieta sana ed equilibrata
  • bere almeno 1,5 litri d'acqua al giorno e ridurre al minimo l’assunzione di alcolici
  • evitare di esporre le gambe al sole e, in inverno, non esporle a fonti dirette di calore (termosifoni, caminetti).

Quanto hai trovato interessante questo contenuto?
 
Articolo scritto da:
CONSULTA L’ARCHIVIO DI PATOLOGIE A/Z