Pubblicità

Diabete gestazionale

È una patologia tipica della gravidanza e colpisce circa il 12 per cento delle donne in dolce attesa.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 5 minuti
Diabete gestazionale

Che cos’è

Si parla di diabete gestazionale quando, in una donna non diabetica in gravidanza il glucosio nel sangue (glicemia) aumenta oltre i livelli di guardia.

È quindi una patologia tipica del periodo di gravidanza, e colpisce circa il 12 per cento delle donne incinte.

Nella maggior parte dei casi scompare con il termine della gravidanza, anche se la metà circa delle donne che ne hanno sofferto sviluppano un diabete tipo 2 dopo 5-10 anni dopo il parto.

È diagnosticato tra la ventiquattresima e la trentaquattresima settimana gestazionale, periodo nel quale viene effettuato lo screening diagnostico.

Cause

Negli ultimi anni c’è stata una crescita notevole di questa patologia in tutto il mondo, probabilmente a causa dell’aumento nella frequenza di obesità e della riduzione dell’attività fisica, entrambi fattori di rischio per la patologia.

Durante la gravidanza la placenta secerne diversi ormoni, alcuni dei quali provocano un aumento degli zuccheri nel sangue.

In genere l'organismo reagisce aumentando la produzione di insulina, principale ormone deputato all’utilizzazione degli zuccheri da parte dei tessuti e alla riduzione dei loro livelli nel sangue.

Se il pancreas della madre non riesce a far fronte all’iperglicemia producendo quantitativi di insulina sufficienti, compare il diabete.

Fattori di rischio I fattori che possono predisporre all’insorgenza di diabete gestazionale sono:

  • obesità
  • familiarità per malattia diabetica
  • diabete gestazionale in una precedente gravidanza
  • aver partorito un neonato di peso superiore a 4,5 kg
  • età uguale o superiore a 35 anni

Sintomi più comuni

Spesso il diabete gestazionale non si manifesta con sintomi evidenti. Si deve però fare attenzione ad alcuni possibili segnali:

  • aumento della sete
  • aumento della quantità di urina prodotta
  • perdita di peso nonostante aumento della fame
  • infezioni frequenti (per esempio cistiti, candidosi eccetera)
  • disturbi alla vista.

Complicazioni

Se non è tenuto sotto controllo, il diabete gestazionale può indurre complicazioni sia nella donna sia nel nascituro.

Nella mamma aumenta il rischio di ipertensione gravidica e può indurre alterazioni a carico del fegato. Inoltre, aumenta la probabilità di restare diabetica anche dopo la gravidanza.

Per quanto riguarda il feto, si potrà avere una crescita accelerata con eccessivo aumento del peso (arrivando a termine spesso oltre i 4 chili di peso) che potrebbe rendere necessario il parto cesareo.

I bimbi possono nascere con ittero neonatale e, dopo la nascita, possono avere importanti riduzioni della glicemia, anche pericolose.

Inoltre, possono avere insufficienza respiratoria dovuta a ritardi nella maturazione polmonare.

Più raramente, si può avere un ritardo della crescita fetale.

Diagnosi

Se sono presenti fattori di rischio, il test diagnostico verrà eseguito tra la 16a e la 18a settimana di gravidanza oppure tra la 24a e la 28a settimana.

Il test consiste nell’eseguire una curva da carico orale di glucosio. Ovvero si fanno assumere alla gravida 75 g di glucosio e si misura la glicemia nel sangue prima dell’assunzione, dopo un’ora e dopo due ore.

Si parla di diabete gestazionale quando in una qualsiasi delle misurazioni il valore è superiore ai valori di riferimento.

Terapie

Un diabete gestazionale precocemente diagnosticato e adeguatamente curato non è un problema per il nascituro, l’importante è riconoscerlo e trattarlo in modo efficace, in primo luogo modificando alimentazione e stile di vita.

Anzitutto (in accordo con il diabetologo) si dovranno limitare al minimo gli zuccheri semplici e frazionare pane, pasta, legumi durante la giornata, mantenendo il giusto apporto di calorie.

Il peso deve essere tenuto sotto stretto controllo e si dovrà fare regolarmente una attività fisica moderata che aiuta a tenere costanti i livelli di glucosio nel sangue.

Si dovranno controllare tutti i giorni i livelli di glicemia: se questa risulterà elevata nonostante la dieta potrà essere prescritta una terapia insulinica.

L’insulina contribuisce a raggiungere i livelli di glucosio consigliati e non è in alcun modo dannosa per il feto.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Arisi1 Emilio Arisi
Ginecologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

Perché in gravidanza è importante l’acido folico?

Vitamina b6 dieta gravidanza

L'acido folico è una vitamina esseziale, il cui fabbisogno aumenta soprattutto in gravidanza per far frone alle esigenze del feto.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Diabete: le mosse giuste da fare

  • Automonitoraggio

    Automonitoraggio della glicemia

    Mantenere quanto più possibile vicini alla norma i valori della glicemia, senza però abbassarla troppo, è l’obiettivo di ogni diabetico. Per raggiungere questo scopo è essenziale l’automonitoraggio domiciliare, che consente di controllarne più volte al giorno i livelli e valutare di conseguenza l’efficacia (o inefficacia) della terapia e della dieta.

  • Alimentazione

    Un’alimentazione corretta è la migliore medicina

    Una dieta mirata deve essere parte integrante della strategia terapeutica contro il diabete: la glicemia si tiene infatti sotto controllo non solo con i farmaci, ma anche con un’alimentazione ricca soprattutto di frutta, verdura, cereali integrali e legumi. Inoltre, sembrerebbe utile invertire l’ordine dei piatti: ingerire prima le proteine, e poi i carboidrati, aiuta a evitare i picchi glicemici post-prandiali.

  • Attivita%cc%80 fisica

    Stop alla sedentarietà

    Combattere la pigrizia è facile: non serve allenarsi duramente, ma è sufficiente fare una passeggiata invece di prendere l’auto o salire le scale invece di prendere l’ascensore. Queste buone abitudini devono entrare a far parte della routine quotidiana, in questo modo si potrà godere dei benefici che l’attività fisica ha sul controllo della glicemia.

  • Oculista

    Dall’oculista una volta all’anno

    Il mancato controllo della glicemia può danneggiare i piccoli vasi sanguigni di diversi organi: nel caso dell’occhio, per esempio, è possibile che i capillari della retina si deteriorino, causando problemi alla vista. Ecco perché è fondamentale sottoporsi almeno una volta all’anno a un’accurata visita oculistica che comprenda anche l’esame del fondo oculare.

  • Esami sangue

    Esami del sangue e delle urine per la salute dei reni

    Anche i vasi sanguigni dei reni possono essere danneggiati dal diabete: per monitorare la funzionalità renale è necessario valutare periodicamente, con semplici analisi di laboratorio, alcuni parametri che danno un’idea della salute del rene, come i livelli di creatinina nel sangue o eventuali tracce di albumina nelle urine.

  • Piedi

    Attenzione ai piedi

    È necessario dedicare particolare attenzione alla cura dei piedi: la ridotta sensibilità agli arti inferiori e una cattiva circolazione periferica possono facilitare la comparsa di ulcerazioni e lesioni cutanee molto difficili da curare. È necessario controllare quotidianamente lo stato di salute dei piedi, utilizzare sempre calzature comode e traspiranti, rivolgersi a un podologo in caso di calli o duroni e lavarsi con acqua tiepida e un detergente delicato, avendo cura di asciugarsi molto bene.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI PATOLOGIE A/Z
Torna su