Pubblicità

Bambini: aerosol contro tosse e raffreddore

Bastano poche gocce di acqua marina nell'apparecchio.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 5 minuti
tosse, raffreddore, aerosol, acqua di mare

Poche gocce di acqua marina nell’apparecchio possono fare molto, sia nella fase acuta sia come prevenzione nei confronti dei malanni invernali.

Non sempre i bambini le amano, ma le inalazioni con aerosol possono rivelarsi uno straordinario alleato per prevenire e curare infiammazioni e infezioni di naso e gola, così frequenti durante tutto l’anno e all’ordine del giorno nei mesi più freddi e nei cambi di stagione.

In base ai dati epidemiologici e all’esperienza pratica, durante l’infanzia gli episodi di raffreddore e tosse possono arrivare fino a 7-10 nell’arco dei dodici mesi e disporre di un metodo efficace e innocuo per contrastarli è fondamentale per assicurare al bambino il massimo benessere.

I benefici del vapore

L’aerosol rappresenta senz’ombra di dubbio una soluzione ideale. Il calore del vapore, infatti, insieme all’effetto umidificante delle microparticelle di acqua, permette di alleviare la sensazione di secchezza a carico della gola tipicamente associata alla tosse intensa (specie se non produttiva, come spesso è quella che accompagna l’influenza e i colpi di freddo) e di fluidificare l’eventuale muco troppo concentrato e ostico da espellere, facilitandone l’eliminazione.

Pubblicità

È un aspetto da non sottovalutare soprattutto nei bambini più piccoli (0-2 anni), nei quali l’impiego di farmaci mucolitici di qualunque tipo è assolutamente controindicato.

Questa azione favorevole può essere, poi, ulteriormente potenziata aggiungendo nel serbatoio del dispositivo per l’aerosol soluzioni caratterizzate da un’azione lenitiva e riequilibrante più specifica, come quelle isotoniche all’acqua di mare, acquistabili in farmacia.

Grazie ai sali minerali che contengono, in composizione simile a quelle dell’acqua marina, amplificano l’effetto preventivo e terapeutico del vapore, senza creare alcun problema al bambino, neppure in caso di somministrazioni ripetute nell’arco della giornata o protratte per periodi prolungati.

Igiene periodica delle vie aeree

Se il bambino collabora, prevedere trattamenti aerosol regolari una o più volte al giorno nei mesi di massima diffusione dei virus del raffreddore e dell’influenza (ossia da ottobre a marzo) è assolutamente consigliabile.

Con un po’ di pazienza e fantasia non è difficile coinvolgere il piccolo e rendere il momento dell’aerosol gradevole e allegro. Il rumore dello strumento e l’uso della mascherina, spesso percepiti come fastidiosi, possono per esempio essere sfruttati per inventare storie di immersioni subacquee, esperimenti fantascientifici o missioni spaziali, da sviluppare giorno dopo giorno, come le puntate di un cartone animato.

Per tranquillizzare i più piccoli possono bastare un po’ di coccole, la vicinanza dei giocattoli preferiti e una musica rilassante in sottofondo, senza dimenticare di sottolineare la loro bravura e ringraziarli per la disponibilità dimostrata al termine di ogni inalazione andata a buon fine.

Vietato, invece, fare le cose di fretta, incalzando il bambino e pretendendo che se ne stia buono e calmo per i 7-0 minuti necessari (è inutile prolungare oltre questo tempo laerosol) per completare la procedura, mentre lo si sgrida o ci si lamenta in continuazione. È il modo migliore per far odiare l’aerosol a chiunque.

Se il bambino tossisce durante l’inalazione non ci si deve preoccupare: è una reazione del tutto normale che indica che il vapore e la soluzione isotonica all’acqua di mare stanno producendo l’effetto desiderato.

Anche dopo aver terminato la procedura l’intensità della tosse potrà aumentare per un certo tempo, risultando anche più produttiva. Il bambino va incoraggiato a tossire (e a soffiarsi il naso) perché in questo modo riuscirà a eliminare il muco e i microrganismi patogeni che contiene in modo più efficiente.

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Tosse grassa persistente: come curarla

Alice Lucchi

VIDEO

Bambini e vaccinazioni: facciamo il punto

Vaccinazioni nei bambini

Quali sono i rischi? E quello contro il papilloma virus funziona davvero?

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Cinque leggende sul raffreddore: che cosa dice la scienza?

  • Raffreddore coperti caldo

    Vestiti bene altrimenti ti ammali

    È il classico tormentone che ogni madre riserva ai propri figli. Da piccoli, sempre. Ma a volte anche da grandi. Uscire di casa, in autunno e in inverno, senza il cappotto e la maglia di lana non aumenta il rischio di buscarsi un raffreddore. A causare il classico malanno invernale non è altro che un virus. Colpisce di più durante la stagione fredda per la semplice ragione che trascorriamo più ore al chiuso, in casa e al lavoro, e assieme a più persone. Per cui il rischio di contagio aumenta.

  • Raffreddore capelli bagnati

    Se non asciughi bene i capelli ti viene un malanno

    Uscire di casa con la testa bagnata in inverno non è certo una bella sensazione. Ma a parte questo semplice disagio non si corrono altri rischi. Il vero responsabile del raffreddore, a dispetto del nome, non è il freddo, ma un virus. E a meno che non si prenda così tanto freddi da andare in ipotermia, e quindi essere più suscettibili alle infezioni, la temperatura esterna non è così importante.

  • Raffreddore appetito

    Mangia che ti passa

    Il raffreddore toglie l’appetito, su questo non ci sono dubbi. E sforzarsi di mangiare non serve a nulla. Al limite è importante bere liquidi in abbondanza per restare ben idratati. Tuttavia, è bene evitare, in un’ottica di prevenzione, di sottoporsi a diete ipocaloriche in vista della stagione dei malanni invernali: uno studio del 2008 pubblicato sul Journal of Nutrition ha scoperto che mettersi a dieta in questo periodo non fa altro che indebolire le difese naturali dell’organismo. E se si prende un raffreddore ci mette di più per guarire.

  • Raffreddore brodo di pollo

    Bevi il brodo di pollo che guarisci prima

    È il classico rimedio della nonna contro i raffreddori. In questo caso però potrebbe avere ragione: uno studio pubblicato sulla rivista Chest ha infatti dimostrato che una tazza di brodo di pollo aiuta l’organismo a reagire, attraverso il sistema immunitario, contro i virus del raffreddore.

  • Raffreddore superalcolico

    Un bicchierino di whisky lo manda via

    È la classica leggenda metropolitana, che piace a molti uomini. Eppure non è mai stato dimostrato che gli alcolici aiutino a superare il raffreddore. Anzi, in teoria l’alcol è nemico del sistema immunitario, nel senso che chi ne abusa va spesso in contro a un deficit nelle difese naturali dell’organismo. Meglio dunque evitare alcolici e superalcolici.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su