Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Alimentazione anti stipsi"

Salve vorrei sapere se c’è un cura alimentare per la stitichezza

La dieta per chi soffre di stitichezza è molto utile e spesso è l’unica cura che funziona. Tante fibre e tanta acqua prima di tutto. In pratica: bisogna bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno (circa 8 bicchieri colmi) da distribuire nell'arco della giornata, il primo bicchiere consiglio di berlo a digiuno appena svegli. Colazione con latte, orzo e frutta fresca (in questa stagione fragole e kiwi) più 2 fette di pane integrale. Pranzo tanta verdura cruda come antipasto (per esempio carte, sedano, finocchi crudi in insalata o in pinzimonio) poi pasta integrale condita con pomodoro fresco e basilico (1 cucchiaio di olio di oliva extravergine a crudo). Merenda con yogurt e frutta fresca. Cena: minestra di verdure fresche di stagione con cereali e legumi (per esempio orzo, carote, zucchine, piselli, erbe aromatiche a piacere, cipolle novelle, asparagi, carciofi, fagiolini verdi) sempre come antipasto e poi ricotta fresca magra o pollo alla griglia con 1 fetta di pane integrale. Questo è un esempio di menù primaverile, però il segreto, che vale sempre per la stitichezza, è mangiare tanta frutta e tanta verdura con farine integrali, legumi e cereali. Senza dimenticare un po’ di attività fisica tutti i giorni.


Ha risposto Gatti Patrizia Maria

Pgatti

Patrizia Maria Gatti

Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano si è Specializzata in Scienza dell’alimentazione (indirizzo dietetico) presso il medesimo Ateneo nel 1986. Nel 1994 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Biochimica e la Specializzazione in Biochimica Clinica (indirizzo diagnostico) nel 1997

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su