Vitamina D: così protegge le ossa

Favorisce l’assorbimento del calcio attraverso l’intestino e aiuta a fissarlo nei tessuti ossei rinforzando lo scheletro.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
Vitamina D osteoporosi ossa scheletro

Favorisce l’assorbimento del calcio attraverso l’intestino e aiuta a fissarlo nei tessuti ossei rinforzando lo scheletro.

È ormai assodato che la vitamina D ha un ruolo di primo piano nel mantenere in salute le nostre ossa e i denti, anche se la sua attività deve essere coadiuvata da alcuni fattori, non solo nutrizionali.

Anzitutto, visto che una delle sue funzioni è quella di aiutare a fissare il calcio nel tessuto osseo, è evidente che per poter svolgere al meglio il suo lavoro deve anche esserci un giusto apporto di tale minerale. Ma non soltanto.

Dove e come far rifornimento...

Una lieve carenza di vitamina D non è poi così rara anche nei Paesi industrializzati. Vediamo quindi dove trovare questa preziosa sostanza.

Alcuni alimenti, come l’olio di fegato di merluzzo, ne sono particolarmente ricchi; oggi, però, non fanno più parte delle nostre abitudini alimentari. Ma la vitamina D si trova pure nei pesci grassi, nelle uova e nei latticini.

E poi, anche il nostro organismo è in grado di sintetizzarla, almeno in parte, ma soltanto con l’aiuto della luce del sole. Più stiamo all’aria aperta, quindi, maggiore sarà la nostra produzione di vitamina D.

In primavera, per esempio, basta un quarto d’ora di esposizione al sole per produrre all’incirca 1.000 UI (unità internazionali) di vitamina D.

E prendere il sole in estate, poi, ci permette di sintetizzare una maggiore quantità di questo prezioso nutriente, in modo che l’organismo possa immagazzinarlo come scorta per i periodi meno favorevoli.

... e come non “bruciare” le riserve

Assumere le giuste quantità di vitamina D ed esporsi ai raggi solari quanto più è possibile non è sufficiente se non si tiene conto di alcuni fattori che influenzano negativamente la produzione e l'assorbimento di questo prezioso elemento.

Primi tra tutti il fumo e l’alcol. E l’assunzione continua di bibite gassate, che, stimolando la diuresi, inducono l’eliminazione del calcio.

Poi la sedentarietà. L’esercizio fisico è infatti fondamentale per la salute delle ossa, perché il movimento favorisce il continuo ricambio dei tessuti ossei, con apposizione di nuovo calcio.

Preservare la solidità delle ossa fin da piccoli

Il nostro patrimonio osseo deve essere quindi mantenuto con attenzione, ma la salute di tutto il sistema muscoloscheletrico deve essere perseguita fin da piccoli.

Affinché i bambini crescano sani e robusti, allontanando il pericolo dell’osteoporosi, si deve insegnare loro a stare il più possibile all’aria aperta, anziché chiudersi in casa davanti a tv o computer e compagnia bella.

E a dedicare più tempo all’attività fisica che, insieme con una alimentazione equilibrata, ricca di calcio e vitamina D aiuta a sviluppare armonicamente scheletro e muscoli. È questo il miglior modo per mettersi al riparo da ossa fragili e osteoporosi in età adulta.

Ipovitaminosi D: ancora troppo diffusa

Sembra, secondo studi condotti nel nostro Paese, che le donne italiane, specie le più anziane, assumano troppo poca vitamina D, con un significativo aumento del rischio di osteoporosi.

Va ricordato che questa sostanza è essenziale non soltanto per l’assorbimento del calcio attraverso l’intestino e per il suo deposito nelle ossa, ma anche per il mantenimento di un adeguato tono muscolare.

Poiché il consumo di alimenti contenenti tale vitamina è spesso scarso, talvolta può essere opportuna una supplementazione.

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Vitamina d: alimenti dove si trova e a cosa serve

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Pgatti Patrizia Maria Gatti
Specialista in Scienza dell’Alimentazione

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

Menopausa: conoscerla bene per gestirla al meglio

Cosa e menopausa

Scopriamo tutto sulla menopausa con Raffaella Chionna, ginecologa dell'ospedale San Raffaele di Milano.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

A cosa servono le vitamine

  • Fotolia 45581482 s

    Vitamina A

    Fondamentale per la vista, una sua eventuale carenza comporterebbe problemi agli occhi. Ma non solo: è anche un potente antiossidante ed è dotata di proprietà antinfiammatorie. Secondo una ricerca pubblicata su Neuroscience, la vitamina A sembra essere coinvolta anche nei processi cerebrali di apprendimento e memoria, dal momento che agisce su alcune cellule dell’ippocampo deputate a queste funzioni.

  • Fotolia 47832258 s

    Vitamine del gruppo B

    L’unione fa la forza: se prese tutte assieme, le vitamine del gruppo B danno una grossa mano soprattutto agli studenti. Oltre a partecipare alle reazioni a cui vanno incontro i nutrienti per essere trasformati in energia, infatti, sono coinvolte a vari livelli nei processi cognitivi, come l’apprendimento, la memoria e la capacità di concentrazione.

  • Fotolia 46625196 s

    Vitamina B9 (acido folico)

    È la vitamina delle future mamme: se è in arrivo un bebè è importante che la donna assuma un integratore a base di acido folico, per prevenire la spina bifida nel figlio. Oltre a ciò, l’acido folico lavora in stretta collaborazione con la vitamina B12 nella formazione dei globuli rossi e nella funzionalità del ferro.

  • Fotolia 46150097 s

    Vitamina C

    Nota soprattutto per le sue proprietà di rinforzo del sistema immunitario, preziosa quindi durante il periodo dei malanni invernali, la vitamina C esercita anche un’azione positiva sulla sintesi di collagene, quindi è in grado di irrobustire i vasi sanguigni, favorire la guarigione delle ferite e delle fratture ossee e mantenere sani i denti e le gengive.

  • Fotolia 52142184 s

    Vitamina D

    Essenziale per le ossa e i denti, la vitamina D interviene anche nella regolazione del metabolismo del calcio e del fosforo, regolandone l'assorbimento intestinale. È prodotta dalla pelle soltanto se esposta alla luce del sole.

  • Fotolia 52034984 s

    Vitamina E

    È un potentissimo antiossidante, quindi protegge i vari tessuti (compresa la pelle) dai danni provocati dai radicali liberi, responsabili dei processi di invecchiamento cellulare. Svolge un ruolo importante anche nel rinforzare il sistema immunitario.

  • Fotolia 47387129 s

    Vitamina H (biotina)

    Svolge un ruolo importante nel funzionamento del midollo osseo e nella salute della pelle e soprattutto dei capelli. In più contribuisce alla formazione degli acidi grassi e facilita il metabolismo degli aminoacidi e dei carboidrati.

  • Fotolia 28349527 s

    Vitamina K

    Nota anche vitamina antiemorragica, nel senso che la vitamina K è coinvolta nella coagulazione del sangue: è infatti indispensabile per la normale produzione, a livello del fegato, dei fattori della coagulazione.

  • Fotolia 47508934 s

    Vitamina P (niacina)

    Coinvolta nella regolazione del sistema nervoso (sembra svolgere un ruolo nel controllo dell’ansia) e nel metabolismo di carboidrati, grassi e proteine. La sua azione più nota è quella di prevenzione nei confronti della pellagra, una malattia legata alla sua carenza un tempo molto diffusa.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI VITAMINE E INTEGRATORI
Torna su