Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Stomaco che fa rumore"

Ho 18 anni e a stomaco vuoto avverto un senso di stranezza nello stomaco e appena respiro di diaframma si sentono dei gorgolii anche a chilometri di distanza. Sono dei rumori strani, come se ci fosse qualcosa che gira nello stomaco e che fa questo strano rumore. Inoltre sono stitica e ho provato di tutto ma continuo a non avere lo stimolo di andare in bagno, con conseguente gonfiore. Da un po' di giorni invece ho forti crampi addominali e devo subito sedermi perché non riesco a stare in piedi, ma si calmano appena vado al bagno.Potreste suggerirmi qualcosa?

In considerazione della giovane età e del sintomo molto aspecifico non è possibile una diagnosi. In generale direi che essendosi presentato nessun sintomo definito in medicina d'allarme sarei tranquillo nella gestione del quadro clinico. La stipsi, il gonfiore addominale, questo borbottio molto rumoroso dello stomaco potrebbero essere tutti correlati a un rallentamento del transito (questo spiegherebbe perché le evacuazioni determinano un miglioramento dei sintomi). Come per le altre persone che hanno scritto in questo sito anche per lei vale il fatto di contestualizzare i disturbi in uno stato di salute generale. È importante valutare il peso corporeo, eventuali terapie o malattie avute in passato o attualmente presenti, la familiarità per patologie pertinenti il disturbo, la qualità delle feci (consistenza, colore, frequenza delle evacuazioni), eventuale correlazione con stress o i cibi ingeriti. Comunque sarei dell'avviso che in prima istanza si possa procedere con urea breath test (per escludere l'infezione da Helicobacter pylori), esami di laboratorio di routine, la sierologia per celiachia, e la funzionalità tiroidea. Per la stipsi che mi sembra di capire sia un problema ma non gravissimo o comunque che in parte si è risolto spontaneamente proporrei delle cure comportamentali: fare movimento, bere almeno 2 litri di acqua al giorno, mangiare ad orari più o meno fissi così da dare un ritmo all'intestino. Se nonostante quello che le ho suggerito il problema persiste, vale la pena confrontarsi con il suo medico di famiglia e poi eventualmente con uno specialista gastroenterologo


Ha risposto Petruzzellis Carlo

Ss petruzzellis 147x130

Carlo Petruzzellis

Gastroenterologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 2005 presso l’Università degli Studi di Messina.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su