Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Stipsi atipica"

Sono una donna di 54 anni. Non soffro di una vera e propria stitichezza, ma ogni giorno è per me una fatica liberarmi e ho sempre la sensazione di non essermi svuotata completamente. Non mi sento particolarmente gonfia, ma ho sempre una sorta di fastidio al ventre e a volte anche leggeri dolori. Sono sintomi di cui dovrei preoccuparmi? Che cosa posso fare?

Sintomi quali lo sforzo evacuativo e la sensazione di evacuazione incompleta sono anch’essi indicativi di stipsi, che non è esclusivamente caratterizzata dalla diminuzione del numero delle evacuazioni. In alcuni casi si può trattare di un disturbo della fase espulsiva che può dipendere da alterazioni morfologiche o funzionali del retto e del pavimento pelvico (per esempio, il rettocele, il prolasso rettale, la dissinergia del pavimento pelvico). Si tratta di condizioni relativamente frequenti soprattutto nelle donne e nelle persone che hanno superato i 65 anni, ma nella maggior parte dei casi non devono destare preoccupazione dato che si tratta di condizioni benigne. Innanzitutto è importante indagare meglio questi sintomi con esami mirati allo studio del pavimento pelvico (manometria anorettale, defecografia, studio del tempo di transito intestinale) che possono aiutare a discriminare se la stipsi è funzionale o secondaria ad altra malattia e quindi indirizzare il paziente verso un trattamento medico, chirurgico o riabilitativo. Nella fase diagnostica non ci si può redimere dal sottoporsi a esami di screening per la prevenzione del carcinoma del colon-retto se non sono mai stati eseguiti, dato che sono indicati dopo il compimento dei 50 anni. Per alleviare tali disturbi occorre aumentare l’apporto di fibre nella dieta ( 20-40 gr al giorno) e l’apporto idrico (2 L al giorno). Se non sufficienti, le fibre possono essere introdotte anche tramite integratori alimentari (per esempio, psyllium). È comunemente ritenuto che le fibre aumentino la massa fecale attraverso la loro proprietà di trattenere acqua nell’intestino in modo da migliorare sia la frequenza sia la consistenza delle feci e da ridurre il fastidio e le difficoltà espulsive. Inoltre, hanno un effetto prebiotico determinando una elevata produzione di SCAFA (butirrato) che favoriscono il trofismo e l’integrità della mucosa intestinale. Nei pazienti che non tollerano o non rispondono agli agenti di massa, si sono dimostrati efficaci i lassativi osmotici salini (per esempio, macrogol), essi sono ben tollerati e privi di effetti collaterali. L’obiettivo ottimale è quello di giungere a una terapia mirata della stipsi tramite un’attenta valutazione funzionale del paziente da parte del medico curante.


Ha risposto Mazzocchi Samanta

Samanta mazzocchi

Samanta Mazzocchi

Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 2002 presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha conseguito nel 2008 il diploma di Specializzazione in "Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva". Dal 2013 è dirigente medico presso l’Azienda Ospedaliere di Piacenza all’Ospedale di Castel San Giovanni e, in qualità di Medico Gastroenterologo, si occupa dell’ambulatorio di gastroenterologia e di endoscopia digestiva.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su