Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Sindrome da resistenza agli ormoni tiroidei"

Gentile Dottore, ho letto che esiste una forma di sindrome generalizzata da resistenza agli ormoni tiroidei dove i pazienti sono eutirodei con TSH alto ma non fanno terapia. Mi può spiegare cosa significa? Sono casi rari e qual'è l'entità della gravità? Grazie mille per la risposta.

La resistenza agli ormoni tiroidei è una sindrome su base genetica estremamente rara, basti pensare che sono descritti circa 1000 casi in tutto il mondo...dal punto di vista ormonale il quadro è caratterizzato da valori elevati di TSH e FT3 FT4 mentre dal punto di vista clinico i sintomi sono estremamente variegati e complessi in quanto solo alcuni recettori dei tessuti periferici sono mutati ma non altri,il che significa che il paziente può presentare sia sintomi di ipotiroidismo sia sintomi di ipertiroidismo;in genere sono presenti disturbi emozionali, iperattività e tachicardia e contestualmente anche possibili sintomi da ipotiroidismo come aumento ponderale e astenia.e' fondamentale fare una diagnosi precisa in quanto in questa patologia in genere non si prescrive nessuna terapia specifica,al massimo un betabloccante per rallentare il battito cardiaco.le cose si complicano ulteriormente se pensiamo che gli esami ormonali della resistenza agli ormoni tiroidei sono condivisi da una rara forma di ipertiroidismo di origine ipofisaria che richiede una terapia chirurgica.lo specialista endocrinologo ha dunque un compito arduo che è quello di distinguere fra loro due patologie che condividono gli stessi esami di laboratorio ma che hanno una strategia terapeutica completamente diversa.


Ha risposto Guabello Gregorio

Gaubello1

Gregorio Guabello

Endocrinologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 2001, è dal 2006 specialista in Medicina Interna e, dal 2012, in Endocrinologia e Malattie del Metabolismo.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su