Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Se l'ortosifon non è efficace su gonfiore alle caviglie"

È da quasi un mese che mio padre assume 1 cps al mattino al risveglio e 1 cps a metà pomeriggio di Ginkgo, come da lei indicato, e i risultati sono buoni. Lo stato confusionale pare essersi ridotto drasticamente e lui sembra essere più vivace e attento. Ho letto che tra le sue molteplici proprietà il Ginkgo ha attività inibente l'aggregazione delle piastrine: può quindi essere utile anche per ridurre i rischi di ischemie cerebrali? Per quanto riguarda il problema del gonfiore a piedi e caviglie purtroppo non ha avuto grandi benefici dall’ortosifon. Potrebbe essergli utile un integratore a base di vitis vinifera? Ci potrebbero essere delle interazioni col Ginkgo, Levodopa, Benserazide o Nimodipina?

Sono contento che il Ginkgo abbia fatto bene a suo padre, per cui le consiglio di continuare la cura anche indefinitamente. In effetti il Ginkgo aiuta anche a prevenire l'ictus cerebrale perché è un antiaggregante piastrinico e perché migliora la funzione vascolare. Se l'ortosifon non ha avuto successo le consiglio di interromperlo e di dare al suo posto farmaco diuretico che non causi dispersione di potassio. Chieda consiglio al suo medico.


Ha risposto Sannia Antonello

Sannia1

Antonello Sannia

Endocrinologo, docente di Fitoterapia

È docente al corso di perfezionamento in fitoterapia presso le Università di Siena e di Pavia, è membro della SIFIT (Società Italiana di Fitoterapia) e svolge la sua attività libero professionale in alcuni Centri Medici Specialistici in Piemonte.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su