Pubblicità
Antidoto influenza raffreddore

Raffreddore, un “antidoto” contro l’influenza?

Dopo un raffreddore è più difficile prendere l’influenza. Questo avviene per il fenomeno che gli esperti chiamano interferenza virale.
Tempo di lettura: 2 minuti
Ultimo aggiornamento: 28 Novembre 2019

Secondo recenti ricerche il raffreddore potrebbe proteggere dall’influenza grazie o un meccanismo di interferenza.

Virus scaccia virus. Secondo gli scienziati la presenza, nell’organismo, del virus che provoca il raffreddore potrebbe limitarne l’accesso ad altri.

È un fenomeno chiamato “interferenza virale” che potrebbe spiegare anche il perché dopo un raffreddore è più difficile prendere l’influenza.

Sembra che l’interferenza abbia contribuito anche a tamponare gli effetti, previsti ma mai realizzati, della micidiale influenza A H1N1 del 2010.

Quando un virus (per esempio un rinovirus, quello che provoca il raffreddore) ci infetta, il sistema immunitario viene attivato e stimola le nostre naturali difese antivirali.

Il fenomeno è noto da tempo, ma ancora non si è riusciti a valutare con accuratezza l’impatto che può avere sulle epidemie influenzali.

Anche perché, secondo gli esperti, è comunque possibile, e non così infrequente, infettarsi contemporaneamente con due virus diversi.

Quanto hai trovato interessante questo contenuto?
 
Articolo scritto da:
CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE