Pubblicità

Raffreddore: ecco i fattori di rischio

Alcuni fattori, come freddo, luoghi affollati e stress, anche se non causano direttamente il raffreddore, possono favorirne la comparsa.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
Raffreddore cause fattori di rischio

La causa del raffreddore è un virus. Ma ci sono alcuni fattori che possono favorirne l’insorgenza.

All’origine di ogni raffreddore, è bene chiarirlo, c’è un virus. Un rinovirus, per la precisione. Il problema è che alcune condizioni possono favorirne la penetrazione nelle cellule dell’apparato respiratorio superiore, e quindi l’infezione.

Il freddo

Il meccanismo con il quale i virus del raffreddore ci infettano spiega anche perché nella stagione fredda ci ammaliamo di più.

Il freddo, infatti, non è l’agente scatenante della malattia, né rende più aggressivo il virus in questione, ma impedisce al nostro organismo di difendersi adeguatamente perché rallenta il movimento delle cellule cigliate e, di conseguenza, del muco, facilitando così la penetrazione dei virus del raffreddore.

Quando l’aria è troppo fredda, le ciglia non riescono a muoversi come dovrebbero e si creano le condizioni ideali per l’instaurarsi dell’infezione virale.

Pubblicità

I luoghi affollati

Durante la stagione fredda si trascorre molto più tempo in ambienti chiusi, magari affollati, dove il virus riesce a trasmettersi con maggiore facilità.

Il raffreddore è infatti una delle malattie più contagiose finora conosciute; e stare in luoghi affollati facilita sicuramente il contagio.

Per questo i bambini che frequentano asili nido e scuole sono maggiormente soggetti al raffreddore.

Lo stress

Così come non è il freddo a causare il raffreddore, non lo è neppure lo stress. Eppure, forse ancora di più delle basse temperature e dell’umidità, rende il nostro organismo maggiormente vulnerabile ai virus del raffreddore.

Una ricerca, effettuata dall'università di Maastricht (Olanda) e pubblicata sul Journal of Psychosomatic Research, ha evidenziato, per esempio, che l'eccessiva tensione in ufficio aumenta fino al 20% la possibilità di ammalarsi di raffreddore, di influenza e di gastroenterite.

Sistema immunitario debole

Esiste una varietà di situazioni e circostanze nelle quali il nostro sistema immunitario non è al massimo delle proprie performance, aumentando così il rischio di contrarre il raffreddore, ma, soprattutto, di incorrere nelle sue complicazioni.

I neonati, per esempio, nelle prime 4 - 6 settimane di vita sono ad alto rischio per i raffreddori o altre infezioni perché il loro sistema immunitario è immaturo dal punto di vista funzionale.

È vero che quando nascono i bambini sono ancora parzialmente protetti dagli anticorpi che hanno ricevuto dalla madre attraverso la placenta, ma ci sono molti germi dai quali non sono protetti.

Anche gli anziani, e le persone indebolite da patologie gravi come l’AIDS, che altera di per sé il sistema immunitario, o pazienti in chemioterapia o in terapia immunosoppressiva, sono a elevato rischio di contratte il raffreddore e sviluppare complicanze.

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Raffreddore cronico: cause e rimedi se non passa

VIDEO

Raffreddore e influenza: perché usare un antinfiammatorio?

Raffreddore influenza antinfiammatori

I sintomi del raffreddore e quelli dell'influenza, sebbene causati da agenti diversi hanno in comune l'infiammazione. Il farmacista ci spiega come mai sono utili gli antinfiammatori in entrambi i casi.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Cinque leggende sul raffreddore: che cosa dice la scienza?

  • Raffreddore coperti caldo

    Vestiti bene altrimenti ti ammali

    È il classico tormentone che ogni madre riserva ai propri figli. Da piccoli, sempre. Ma a volte anche da grandi. Uscire di casa, in autunno e in inverno, senza il cappotto e la maglia di lana non aumenta il rischio di buscarsi un raffreddore. A causare il classico malanno invernale non è altro che un virus. Colpisce di più durante la stagione fredda per la semplice ragione che trascorriamo più ore al chiuso, in casa e al lavoro, e assieme a più persone. Per cui il rischio di contagio aumenta.

  • Raffreddore capelli bagnati

    Se non asciughi bene i capelli ti viene un malanno

    Uscire di casa con la testa bagnata in inverno non è certo una bella sensazione. Ma a parte questo semplice disagio non si corrono altri rischi. Il vero responsabile del raffreddore, a dispetto del nome, non è il freddo, ma un virus. E a meno che non si prenda così tanto freddi da andare in ipotermia, e quindi essere più suscettibili alle infezioni, la temperatura esterna non è così importante.

  • Raffreddore appetito

    Mangia che ti passa

    Il raffreddore toglie l’appetito, su questo non ci sono dubbi. E sforzarsi di mangiare non serve a nulla. Al limite è importante bere liquidi in abbondanza per restare ben idratati. Tuttavia, è bene evitare, in un’ottica di prevenzione, di sottoporsi a diete ipocaloriche in vista della stagione dei malanni invernali: uno studio del 2008 pubblicato sul Journal of Nutrition ha scoperto che mettersi a dieta in questo periodo non fa altro che indebolire le difese naturali dell’organismo. E se si prende un raffreddore ci mette di più per guarire.

  • Raffreddore brodo di pollo

    Bevi il brodo di pollo che guarisci prima

    È il classico rimedio della nonna contro i raffreddori. In questo caso però potrebbe avere ragione: uno studio pubblicato sulla rivista Chest ha infatti dimostrato che una tazza di brodo di pollo aiuta l’organismo a reagire, attraverso il sistema immunitario, contro i virus del raffreddore.

  • Raffreddore superalcolico

    Un bicchierino di whisky lo manda via

    È la classica leggenda metropolitana, che piace a molti uomini. Eppure non è mai stato dimostrato che gli alcolici aiutino a superare il raffreddore. Anzi, in teoria l’alcol è nemico del sistema immunitario, nel senso che chi ne abusa va spesso in contro a un deficit nelle difese naturali dell’organismo. Meglio dunque evitare alcolici e superalcolici.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI MALANNI INVERNALI
Torna su