Pubblicità
Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 3 minuti

Raffreddore e influenza, quante leggende metropolitane

Sono tanti falsi miti sui malanni invernali che resistono al passare degli anni.

Sono tanti falsi miti sui malanni invernali che resistono al passare degli anni. Facciamo un po’ di chiarezza.

Raffreddore e influenza sono causati dallo stesso virus

No. L’influenza è causata da uno o due ceppi virali, che cambiano ogni anno. «Il raffreddore invece» spiega il farmacologo Corrado Giua «è scatenato da rinovirus, quindi germi diversi, che hanno la capacità di mutare di continuo: è come se intelligentemente dessero vita a diversi “cuginetti” simili ma non uguali. Sono loro a ingannare di continuo gli anticorpi del nostro organismo». Per questo è possibile prendere il raffreddore anche più volte all’anno e non soltanto durante l’inverno.

Pubblicità

Se prendi freddo buschi di sicuro l’influenza

«No, il nesso non è così matematico» risponde Giua «ma sicuramente rappresenta un fattore predisponente insieme ad altre condizioni di diversa natura, come lo stress dovuto a super lavoro, problemi familiari, poco sonno». Tutte condizioni che abbassano le nostre difese immunitarie.

Se hai l’influenza devi prendere gli antibiotici

«Per la gran parte dei pazienti» puntualizza il farmacologo «gli antibiotici comportano più rischi che vantaggi: abbassano le naturali difese dell’organismo ritardando la fisiologica risposta immunitaria e incrementano quel fenomeno chiamato resistenza batterica, che determina una minore efficacia del farmaco in caso di effettiva necessità futura». Sono veramente poche le situazioni in cui ha senso, durante un’influenza, prendere antibiotici. «Sono sovrainfezioni batteriche importanti o quando si è in presenza di patologie croniche respiratorie, oppure si tratta di bambini e anziani. Tutte situazioni che vanno gestite dal medico curante».

Se hai la febbre alta devi stare molto coperto

«No, è bene stare a riposo, ma non è consigliato coprirsi troppo o stare in ambienti oltremodo riscaldati» afferma Corrado Giua. «Anzi è importante arieggiare la stanza ed evitare sia l’umido sia il secco eccessivo». Possono al contrario dare sollievo gli impacchi freddi sulla fronte per far calare la febbre. «La febbre è una risposta del nostro organismo all’infezione e pertanto ha un ruolo positivo, va solo monitorata e gestita senza farle superare certi limiti».

A cura della redazione

TAG
VIDEO

Raffreddore e influenza: perché usare un antinfiammatorio?

Raffreddore influenza antinfiammatori

I sintomi del raffreddore e quelli dell'influenza, sebbene causati da agenti diversi hanno in comune l'infiammazione. Il farmacista ci spiega come mai sono utili gli antinfiammatori in entrambi i casi.

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI MALANNI INVERNALI
Torna su