Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Quando il secondo bimbo non arriva"

sono una donna di 29 anni con un bimbo di 3. Dallo scorso anno mi hanno diagnosticato un ipertiroidismo che attualmente sto curando con metimazolo. Prima di prenderlo il mio TSH era 0,04 e per circa un anno è rimasto tale. Vorrei avere un altro bimbo, ma anche se ho avuto rapporti, nessuna gravidanza è avvenuta: è un caso o magari ha influito il fatto che mio marito, per il concepimento di mio figlio, prese due integratori per la fertilità, cosa che non ha fatto ora?

Ovviamente il razionale di una eventuale infertilità secondaria può essere molto complesso ed includere problematiche di tipo maschile, altre di tipo femminile e altre ancora non specificamente attribuibili. Tra queste vi può essere anche l’ipertiroidismo, che può influenzare in modo negativo la fertilità. Peraltro, per quanto possibile, il metimazolo va comunque evitato in gravidanza ed eventualmente sostituito con un farmaco più maneggevole. Naturalmente può avere la sua influenza anche il fattore maschile per cui era stata in precedenza fatta una terapia. Difficile è immaginare che nel giro di tre anni si siano sovrapposti gravi fattori interferenti con la fertilità, ma il fatto è, purtroppo, di osservazione comune ed è probabilmente interpretabile in relazione al fatto che il meccanismo della fertilità è talmente delicato che basta un nonnulla per creare problemi. Nella realtà quotidiana sono molte le coppie che non riescono ad avere un secondo figlio pur avendo avuto il primo senza difficoltà alcuna. Purtroppo i problemi della sterilità di una coppia sono come una galassia di cui noi conosciamo a mala pena qualche stella.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su