Pubblicità
DA DONNA A DONNA - Ginecologia

Quale contraccezione è meglio a vent’anni?

Contraccezione

Pillola o preservativo? Quando è una ragazza giovane a farmi questa domanda, la mia risposta è sempre la stessa: “sarebbe meglio utilizzarli entrambi”.

La cosiddetta “dual protection” è infatti l’ideale a questa età perché, come dice il nome, permette una duplice protezione da gravidanze non desiderate, ma allo stesso tempo consente di stare alla larga anche da infezioni sessualmente trasmissibili, il cui rischio aumenta in caso di relazioni non stabili o rapporti occasionali.

Sarebbe importante pensare alla contraccezione fin dai primissimi rapporti, ma spesso le più giovani hanno difficoltà ad avvicinarsi a un ginecologo e ad averne fiducia, oppure lasciano la responsabilità al partner, andando però incontro al rischio di un mal utilizzo del preservativo a causa della poca dimestichezza, o di una sua rottura.

La contraccezione ormonale, soprattutto in caso di una relazione stabile, è quindi la soluzione contraccettiva più efficace anche per le più giovani. Esiste oggi una vasta gamma di pillole fra cui scegliere, che non hanno più le controindicazioni di una volta.

Devono quindi essere sfatati i “falsi miti” che si associano ancora oggi al loro utilizzo: le pillole più recenti infatti, grazie a specifici progestinici, non fanno ingrassare, contrastano la ritenzione idrica. E offrono vantaggi extra contraccettivi come la riduzione dell’acne e dei sintomi che spesso accompagnano la fine del ciclo, la cosiddetta sindrome premestruale.

Esiste poi anche la cosiddetta “contraccezione d’emergenza”: non si tratta di un metodo contraccettivo da usare all’occorrenza, ma solo in vere e proprie situazioni di emergenza (come la mancata assunzione della pillola o la rottura del preservativo).

Inoltre, il suo utilizzo deve essere considerato la spia della necessità di scegliere, possibilmente con il supporto del ginecologo, un metodo contraccettivo efficace.

Anna Maria Paoletti

Invia un suggerimento, fai una domanda.

Ispiraci i prossimi articoli segnalandoci un argomento a cui tieni particolarmente.
Oppure poni le tue domande direttamente alla specialista. Ti risponderà in privato.

Torna su