Pubblicità

Prurito “da lavatrice”: perché viene?

Se il “tormento” è intenso e dura da diversi giorni è bene rivolgersi a un medico.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 5 minuti
Vestiti detersivo prurito

Se il “tormento” è intenso e dura da diversi giorni è bene rivolgersi a un medico. Sapendo però che a volte la causa è facile da individuare.

Non avete la pelle secca. Non soffrite di allergie, né alimentari né cutanee. Non siete ansiosi né stressati. Non sudate in modo significativo e, comunque, non più del solito. Non state assumendo farmaci particolari. Non avete alcun motivo per pensare di essere interessati da una micosi o da qualche altra forma di colonizzazione dell’epidermide.

La pelle è perfettamente integra e non ci sono segni sospetti. Eppure. Eppure, ormai da qualche settimana, siete tormentati da un prurito diffuso, non insopportabile, ma decisamente fastidioso.

Cercate di non cedere alla tentazione di sfregare, ma di tanto in tanto capitolate e al sollievo istantaneo seguono infiammazione, arrossamento e ipersensibilizzazione. E ulteriore prurito. Da che cosa può dipendere?

Pubblicità

Tipo di detersivo e modalità di lavaggio

Dal momento che un prurito generalizzato, persistente e privo di causa evidente può talvolta essere l’espressione di una malattia non dermatologica da affrontare in modo specifico, in occasione di manifestazioni di questo tipo è sempre bene consultare il medico ed effettuare qualche accertamento mirato.

Esclusa ogni possibile causa organica (cosa che avviene nella maggior parte dei casi), la ricerca del fattore scatenante deve spostarsi sull’analisi dell’ambiente e delle abitudini di vita.

Un motivo banale e molto frequente di prurito apparentemente ingiustificato viene dal bucato e può dipendere sia dal tipo di detersivo usato, sia da un risciacquo inadeguato.

La prima cosa da verificare, quindi, è se chi si occupa del lavaggio di indumenti e biancheria per la casa (asciugamani, lenzuola ecc.) abbia recentemente cambiato la marca del detergente utilizzato o la procedura di lavaggio, oppure se abbia iniziato ad aggiungere candeggina o altri composti sbiancanti per ottenere risultati migliori sulle fibre chiare o abbia provato nuovi ammorbidenti.

Se così fosse, il prurito potrebbe derivare molto semplicemente da un’intolleranza individuale specifica, magari non particolarmente marcata, a uno o più componenti del nuovo prodotto.

Viceversa, se si è certi che nessun cambiamento è avvenuto a questo livello, si deve verificare l’accuratezza del risciacquo. Ancorché sviluppati e testati per essere il più sicuri possibile, i detersivi per biancheria, come tutti i prodotti che devono garantire una buona azione detergente, sono irritanti per la pelle perché alterano il microfilm idrolipidico superficiale protettivo e possono indurre reazioni infiammatorie o pseudo-allergiche.

La loro persistenza, anche in tracce, tra le fibre degli indumenti o di altri tessuti che entrano in diretto contatto con l’epidermide e/o che vi rimangono per diverse ore (come le lenzuola) è, quindi, una frequente causa di sensibilizzazioni, arrossamenti e prurito.

Le verifiche da effettuare e le soluzioni

Per capire se il problema può dipendere da questa ragione basta controllare con attenzione se sui tessuti appena lavati e asciugati sono presenti aloni biancastri e/o vagamente “polverosi” (anche se si usa un detersivo liquido), magari appena accennati, esaminando bene tra le pieghe e a livello delle cuciture.

Che si trovino o meno segni di questo tipo, è bene controllare anche il cestello della lavatrice subito dopo il ciclo di lavaggio: se c’è ancora qualche bollicina o addensamento di schiuma qua e là, probabilmente, il risciacquo non è stato soddisfacente ed è meglio ripeterlo.

Com’è possibile che da un momento all’altro il solito risciacquo non sia più sufficiente?

L’inconveniente può dipendere da un problema della lavatrice (per esempio, lo scarico parzialmente intasato o un ricambio d’acqua inefficiente a causa di dispositivi usurati) oppure, più semplicemente, da minimi cambiamenti di abitudini di cui neppure ci si accorge, come l’uso di quantità di detersivo un po’ maggiori del solito o l’inserimento di quantità eccessive di bucato nel cestello che non permette un’adeguata penetrazione dell’acqua tra le fibre e una completa rimozione del detergente.

Una volta appurata la causa, il rimedio contro questa forma di prurito è implicito: prevenire il contatto con la sostanza sensibilizzante (i residui di detersivo) migliorando lavaggio e risciacquo.

Rosanna Feroldi

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Garonzi Francesco Garonzi
Dermatologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

CONSULTA IL DOSSIER "DERMATITE ATOPICA"
VIDEO

Ho la pelle molto secca, che posso fare?

Pelle secca cause e rimedi

D'inverno per il freddo, d'estate soprattutto se ci si espone a sole e vento, la pelle diviene facilmente secca. Ecco che fare.secca è

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Pantenolo, vitamina multitasking

  • Fotolia 40613763 s

    Sederini arrossati, no problem

    Se affrontate per tempo, le irritazioni da pannolino, chiamate anche dermatiti, si possono risolvere senza problemi. Il pantenolo è dotato di attività rigenerante e lenitiva dell'epidermide. In pratica, non soltanto previene gli arrossamenti, ma allevia i sintomi quando il sederino è già irritato e favorisce il naturale processo di rigenerazione dell'epidermide.

  • Fotolia 50527591 s

    Scottature solari

    Irritata, arrossata e sensibile: così appare la pelle dopo una giornatadi mare. Alla sera, una crema a base di pantenolo aiuta, da un lato, a raffreddare e a lenire il fastidio provocato dalla piccola ustione e, dall’altro, a prevenire ulteriori danni al tessuto cutaneo. Anche in questo caso, la provitamina idrata e favorisce il naturale processo di rigenerazione della cute.

  • Fotolia 42637730 s

    Anti-smagliature in gravidanza

    Dopo nove mesi con il pancione ci si può scoprire a fare i conti con le smagliature della pelle. Per questo è importante, dai primi mesi e fin dopo il parto, applicare creme a base di pantenolo: migliorano l’elasticità della pelle e aiutano a ridurre la comparsa delle smagliature.

  • Fotolia 51649704 s

    Protezione del seno

    Allattare è un’esperienza meravigliosa. A patto che non lasci brutti ricordi intorno al capezzolo. In caso di arrossamenti e irritazioni, si possono usare creme a base di pantenolo: vanno applicate dopo ogni poppata, avendo cura di detergere accuratamente le mammelle prima della poppata successiva.

  • Fotolia 52541674 s

    Tatuaggi, che passione

    È un uso non ufficiale del pantenolo, ma sui siti di settore e nei blog se ne parla molto. In pratica, dopo aver fatto un tatuaggio, la pelle appare arrossata e irritata. In molti hanno visto che applicando una crema a base di pantenolo il disturbo guarisce più in fretta. Non esistono però prove scientifiche di questo utilizzo. Per cui è sempre bene chiedere un parere al medico o al farmacista prima di applicarlo.

  • Fotolia 48015407 s

    Naso raffreddato, pelle irritata

    Dopo un raffreddore non è raro ritrovarsi con la pelle del naso e del labbro superiore arrossata e screpolata. In questi casi può aiutare l’applicazione di creme contenenti pantenolo che, in virtù delle sue proprietà lenitive e rigenerative della cute, manda via il fastidio in poco tempo.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su