RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Microcondilomatosi con focolaio CIN1"

Avrei bisogno di un chiarimento sul referto dell'esame istologico per quanto riguarda il Papilloma virus. Sono in cura dallo scorso anno. Il referto è "microcondilomatosi con focolaio CIN1". potrebbe spiegarmi meglio sia il referto che i trattamenti?

La diagnosi di microcondilomatosi viene fatta quando ci sono piccole protuberanze carnose prive di significato patologico, ma presumibilmente legate alla presenza di HPV. La presenza della infezione da HPV non implica obbligatoriamente la comparsa di una neoplasia intraepiteliale cervicale (CIN), la quale comunque, a sua volta, nella maggior parte dei casi non evolverà verso il carcinoma del collo dell’utero. Quando invece una CIN compare, può presentarsi con diversi gradi di gravità, che vanno da 1, lieve, a 2, moderata, a 3, grave. Tutto ciò viene verificato solitamente con un Pap-test e successivamente indagato con una colposcopia, durante la quale possono anche eseguirsi delle biopsie. Nel caso di una CIN 1 le alterazioni delle cellule possono regredire spontaneamente, in particolare nella donna giovane, per cui in questi casi possono essere sufficienti dei regolari controlli a distanza di sei mesi per verificarne l’evoluzione fino alla possibile scomparsa. Quando invece una CIN 1 persiste, può essere preferibile un trattamento che la rimuova. I tipi di trattamento più comunemente utilizzati sono la elettrochirurgia con ansa diatermica (cosiddetta LEEP) e la conizzazione con il laser, quasi sempre eseguibili ambulatorialmente.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Attenzione: Il servizio "Chiedi all'esperto" sarà sospeso dal 1 Agosto 2017 fino al 31 Agosto 2017.
I quesiti inviati durante questo periodo potranno essere inoltrati ai nostri consulenti dopo la pausa estiva.

Torna su