Pubblicità

Mal di denti: che fare in attesa del dentista

Il mal di denti può essere lenito con diversi rimedi farmacologici e alcuni accorgimenti pratici da mettere in atto ancor prima di recarsi dal dentista.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 16 minuti
Mal di denti consigli

Il mal di denti può essere lenito con diversi rimedi farmacologici e alcuni accorgimenti pratici da mettere in atto ancor prima di recarsi dal dentista.

Quasi tutti sono d’accordo: il mal di denti è uno dei dolori più forti e insopportabili che si possano provare. Spesso arriva senza nessun preavviso, costringendo chi ne soffre a lunghe notti insonni e giorni tormentati, che possono essere anche più di uno se si ha la sfortuna di veder comparire il mal di denti il venerdì sera di un weekend di ponte, il 15 di agosto o la vigilia di Natale.

Che cosa si può fare nell’attesa che il dentista di fiducia (o un affidabile sostituto) sia disponibile per le cure del caso? Dipende. Perché il mal di denti non è tutto uguale e per ottenere un reale sollievo è indispensabile comprendere la natura del dolore che si sta provando. Ecco qualche utile indicazione per orientarsi e agire in modo appropriato.

Principali tipologie di mal di denti

Anche se quel che si prova è sempre dolore, le tipologie di mal di denti che si possono sperimentare sono diverse, ciascuna caratterizzata da un’origine, un’intensità e una modalità di presentazione differente. Inoltre, devono essere gestite in modo mirato per riuscire ad alleviare il disagio in modo apprezzabile e duraturo.

Un tipo di dolore molto comune anche tra chi ha denti apparentemente sani è la sensibilizzazione dentale, caratterizzata da un’accentuazione della reattività al caldo/freddo, al dolce/salato e a composti acidi e dovuta all’erosione dello smalto o all’alterazione o al ritiro del colletto gengivale.

Nei casi più severi, la sensibilizzazione può trasformarsi in un’irritazione e infiammazione del nervo del dente eroso (nevralgia dentale): una condizione particolarmente dolorosa, anche in assenza di sollecitazioni esterne. Altre cause di nevralgia dentale possono essere il digrignamento cronico (bruxismo) o anomalie anatomiche/posturali di vario tipo.

Un secondo tipo di mal di denti che quasi tutti conoscono fin dall’infanzia è quello conseguente alla presenza di carie o pulpite (infiammazione della polpa del dente): può essere più o meno intenso, di solito è ben localizzato ed è anch’esso scatenato o aggravato da cibi e bevande calde o fredde, dolci o salate e dal tocco o dal contatto tra i denti quando si chiude la bocca.

Altra forma di dolore orale molto comune è la gengivite, causata dall’infiammazione del tessuto gengivale. In questi casi, si prova soprattutto bruciore, accompagnato da leggero gonfiore e sanguinamento a livello delle gengive interessate.

Un mal di denti di tipo infiammatorio veramente difficile da sopportare è quello che compare in caso di infiammazione del dente del giudizio. Riconoscerlo è facile perché il dolore si estende a tutta l’arcata corrispondente, irradiandosi all’orecchio, e può essere accompagnato da gonfiore delle ghiandole del collo.

A volte, può far male anche un dente già devitalizzato. Questa evenienza va posta all’attenzione del dentista il più presto possibile perché, in genere, il disturbo dipende dalla presenza di un ascesso alla base della radice del dente, quindi da un’infezione batterica. Il dolore caratteristico è molto intenso, viene scatenato o aggravato dal caldo (non dal freddo) e dal tocco o dal contatto tra i denti quando si chiude la bocca.

Quando lo smalto si rovina

Spazzolare male i denti, con troppo vigore o con spazzolini eccessivamente “duri” o setole usurate, usare dentifrici con un’elevata azione abrasiva (come sono la maggioranza dei prodotti sbiancanti), consumare spesso bevande o cibi molto acidi (comprese bibite gassate), soffrire di reflusso gastroesofageo o digrignare involontariamente i denti durante la notte sono tutte frequenti cause di danni allo smalto dei denti.

Se una o più di queste circostanze persistono per un periodo di tempo abbastanza lungo, dell’ordine di alcuni mesi o anni, lo smalto si assottiglia progressivamente e la dentina sottostante viene esposta, causando ipersensibilità a stimoli di vario tipo, di norma innocui per il dente integro.

Quando accade, non soltanto bere una bevanda ghiacciata, ma anche mangiare un gelato, una caramella, una pesca o una coppetta di fragole con il limone può diventare una vera sofferenza, superata soltanto dalla tortura di cercare di lavare i denti subito dopo.

La ripetuta sollecitazione di uno o più denti usurati (o danneggiati da un trauma accidentale) da parte di alimenti e bevande può irritare notevolmente i nervi coinvolti, determinando un’infiammazione persistente, ossia una nevralgia. In questo caso, il dolore molto intenso e abbastanza difficile da attenuare è presente a prescindere dall’applicazione di ulteriori stimoli esterni e può estendersi, causando un significativo mal di testa (simile a un’emicrania).

L’erosione dello smalto, unita alla difficoltà di lavare i denti in modo accurato a causa del dolore dato dall’ipersensibilità e al conseguente accumulo di placca batterica, aumenta notevolmente anche il rischio di sviluppare carie. Un processo, quest’ultimo, che porta alla totale e irreversibile distruzione localizzata di smalto e dentina, fino a danneggiare le parti più profonde del dente se non si interviene per tempo con cure odontoiatriche adeguate.

Anche quando si sviluppa una carie, indipendentemente che sia preceduta o meno da erosione generalizzata dello smalto, il dente diventa inizialmente ipersensibile al freddo, al caldo e alle sostanze acide e zuccherine. In una seconda fase, compare anche il dolore, generalmente pulsante, che diventa significativo quando la carie raggiunge la camera interna del dente, dove si trova la polpa dentaria, ricca di vasi sanguigni e terminazioni nervose.

Di norma, a essere interessati da ipersensibilità dentinale sono soprattutto gli incisivi e i canini, mentre la carie colpisce prevalentemente i denti impegnati nella masticazione, ossia i molari e i premolari.

Pubblicità

Infiammazioni e infezioni in agguato

Una volta che la carie ha aperto il varco nei tessuti interni del dente, la polpa può infiammarsi, dando luogo a una pulpite, e infettarsi, peggiorando notevolmente sia lo stato del dente e della gengiva sia il dolore associato.

Se a questo punto, nonostante la considerevole sofferenza già patita, non ci si è ancora rivolti al dentista di fiducia, si può andare incontro a complicanze severe e rischiose, non soltanto per il dente (ormai sostanzialmente perso), ma anche per la salute generale.

La fuoriuscita di pus ricco di batteri patogeni, infatti, causa l’infiammazione e l’infezione anche dei tessuti che circondano e sostengono il dente malato, causando risposte acute (ascessi apicali) o croniche (granulomi apicali). I batteri possono, inoltre, annidarsi all’interno del dente, formando una tasca parodontale in cui si accumula il pus, tipica degli ascessi parodontali laterali.

Nella pulpite a provocare un dolore forte e improvviso, non sempre ben localizzabile, sono la compressione delle fibre nervose e l’aumento dell’irrorazione sanguigna associata all’infiammazione.

Il dolore tipico dell'ascesso è invece più localizzato e “cupo”; aumenta durante la masticazione e la percussione del dente e può disturbare il sonno, fino a impedire di dormire se non si assume un farmaco analgesico abbastanza potente; spesso è associato a gonfiore della gengiva e, a volte, a qualche linea di febbre e ingrossamento doloroso dei linfonodi del collo.

Nel caso dell’ascesso parodontale laterale può anche capitare di avvertire un cattivo sapore in bocca e dalla tasca parodontale può fuoriuscire pus contenente batteri.

Responsabili anche le gengive

Un mal di denti “fisiologico” e del tutto innocuo per la salute della bocca anche se, come ogni altro mal di denti, ben poco piacevole è quello collegato all’eruzione dei denti. A soffrirne sono, inevitabilmente, tutti i bambini: nei primi anni di vita, quando spuntano i denti da latte; più avanti, al momento di passare alla dentatura definitiva.

In entrambi i casi, in realtà, si tratta più di un fastidio che di dolore vero e proprio, che diventa tale soltanto quando a “uscire” sono i quattro famigerati denti del giudizio, nella tarda adolescenza o nel corso della prima età adulta. Per ogni dente del giudizio che nasce bisogna mettere in conto diversi giorni di indolenzimento crescente, difficoltà di masticazione e, nei casi meno fortunati, una o più notti travagliate.

Altra fonte di dolore di origine gengivale è rappresentata dall’infiammazione più o meno marcata a carico dei tessuti che le compongono. In questo caso, si ha a che fare con una gengivite che, oltre al dolore, comporta arrossamento, facilità al sanguinamento (spontaneo o mentre si mangia o ci si lava i denti) e, talvolta, lieve gonfiore.

Il persistere o il ripetersi di gengiviti, anche modeste, può causare il graduale ritiro del colletto gengivale che trattiene il dente, esponendolo a un maggior rischio di deteriorarsi e di cadere.

Qualunque sia la causa scatenante della gengivite, dolore, arrossamento e gonfiore sono sempre dovuti alla liberazione di prostaglandine, molecole coinvolte nell’insorgenza e nel mantenimento della risposta infiammatoria.

La placca e altri nemici dei denti

Carie e gengiviti sono causate principalmente dalla placca batterica, una patina costituita da batteri (soprattutto del gruppo degli streptococchi), saliva e piccolissimi residui di cibo, più abbondante nelle zone difficili da raggiungere con lo spazzolino e, quindi, generalmente caratterizzate da una minore pulizia.

I batteri all’origine della carie sono sempre presenti anche nella bocca sana, ma finché li si rimuove periodicamente dal colletto dentale, dalle superfici di denti, gengive e lingua e dagli spazi tra dente e dente (aiutandosi con il filo interdentale e/o lo scovolino) non costituiscono un problema. I guai iniziano quando l’igiene orale diventa poco accurata e gli streptococchi e gli altri batteri patogeni trovano nella placca un terreno fertile per proliferare, corrodere e infettare i tessuti dei denti.

Se non viene rimossa regolarmente, la placca può, inoltre, calcificare e formare il tartaro, che irrita la gengiva, causando gengiviti, oltre a essere ben poco gradevole sul piano estetico.

D’altro canto, se si vuole avere gengive sane, non si deve neppure esagerare con lo spazzolamento, che può irritarle per eccessiva sollecitazione o causare veri e propri traumi meccanici. Altri fattori di rischio per la salute delle gengive sono rappresentati da carenze vitaminiche, squilibri ormonali, fumo di sigaretta e abuso di alcolici, tutti accuratamente da evitare.

A promuovere la carie, a ogni età, sono invece principalmente l’alimentazione ricca di zuccheri (presenti in dolci, pane, pasta, patate ecc.), che favorisce la crescita dei batteri della placca, e la presenza di sostanze acide dannose per il dente.

A riguardo, va ricordato che dopo ogni pasto o spuntino e dopo aver bevuto bibite gassate, se non si lavano subito i denti, il pH del cavo orale si abbassa (diventando più acido), permettendo alla placca batterica di proliferare indisturbata e di portare in poco tempo a decalcificazione dello smalto e conseguente comparsa della tipica macchia opaca e scura della carie.

Va, inoltre, ricordato che ogni individuo può essere più o meno predisposto allo sviluppo di carie e gengiviti e che traumi, rotture profonde o difetti di allineamento dei denti, portare protesi imperfette o apparecchi ortodontici può aumentare il rischio di disturbi e dolore dentale più o meno significativi.

Cosa fare in attesa del dentista

Avere cura dei denti è fondamentale: lavarli bene dopo ogni pasto, spazzolando con movimento rotatorio per almeno 2 minuti, e con particolare cura la sera prima di dormire, aiuta a contrastare l’attacco dello smalto da parte degli acidi e la fermentazione batterica, che sono alla base della maggior parte dei mal di denti.

Una volta che la carie è comparsa, in attesa dell'intervento del dentista, l’unica possibilità è cercare di attenuare il dolore. In generale, meglio evitare bevande troppo fredde o bollenti, che aumentano l'irritazione, e non masticare alimenti duri. Se nella cavità scavata dalla carie sono presenti residui di cibo, è necessario rimuoverlo delicatamente con spazzolino e dentifricio, evitando di usare lo stuzzicadenti.

Se è presente dolore a livello del dente cariato o delle gengive, un sollievo immediato può essere ottenuto con risciacqui a base di collutorio (che si scrive correttamente con una sola “t” e non “colluttorio” come capita spesso di sentire) o, eventualmente, succhiando chiodi di garofano, ricchi di un olio essenziale con effetto anestetizzante.

In caso di gengivite e quando il dolore è causato dalla fuoriuscita del dente del giudizio, può essere utile risciacquare la bocca con un infuso freddo, ottenuto lasciando in immersione per alcuni minuti 5 grammi di fiori o foglie di malva in 100 ml di acqua bollente.

Risciacqui a base di bevande alcoliche, invece, hanno un effetto anestetico temporaneo e sono da evitare se ad avere la carie o dolore orale è un bambino. Contro i fastidi dei denti da latte che “spuntano” è utile applicare una garzina imbevuta con acqua fresca e premere leggermente sulla gengiva, mentre se a sbucare è il dente del giudizio offre sollievo l’applicazione esterna di ghiaccio, sulla guancia, davanti all’orecchio.

Il rimedio più efficace contro il mal di denti resta, tuttavia, quello farmacologico, ricordando che il farmaco adatto caso per caso deve essere individuato con l’aiuto del dentista (se l’origine del dolore non è immediatamente chiara) o del farmacista.

Più precisamente, contro il dolore di carie e gengivite è indicato il trattamento con farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS); in caso di nevralgie, è più appropriato un analgesico puro; se è presente un’infezione della polpa dentaria (pulpite) o un ascesso bisogna assumere antibiotici (sempre e soltanto su prescrizione medica) per combattere i batteri che li hanno causati.

Per evitare fastidi a stomaco è bene usare questi farmaci soltanto quando sono realmente necessari e non assumere più antidolorifici o antinfiammatori contemporaneamente, salvo diversa indicazione medica. Se il dolore è molto forte, il medico potrà eventualmente consigliare di associare diversi farmaci, le cui attività si sommano senza aumentare gli effetti collaterali a livello gastrico.

Anche quando, grazie a questi rimedi, il mal di denti si riduce notevolmente, è importante rivolgersi al più presto al dentista di fiducia per un controllo. Bisogna, infatti ricordare che farmaci antinfiammatori e analgesici possono agire sui sintomi (dolore e infiammazione), ma non sulla causa che li ha generati, che nella maggior parte dei casi può essere eliminata soltanto da cure odontoiatriche mirate.

Silvia Soligon

VIDEO

I segreti della carie

Carie dentale

Perché si bucano i denti? Quale ruolo ha l'alimentazione? Ecco i consigli dell'esperto.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Mal di testa: le cause che non ti aspetti

  • Fotolia 55819234 s

    Dopo uno sforzo fisico eccessivo

    Si chiamano anche cefalee da sforzo e colpiscono soltanto le persone predisposte. In alcuni casi è sufficiente una corsetta al parco per scatenare il dolore. Altre volte insorge quando ci si sottopone a una fatica a cui non si è abituati. È tipico il caso di chi fa una vita sedentaria e deve fare uno sforzo inusuale, come per esempio un trasloco: sollevare scatoloni, portarli su e giù dalle scale può innescare questo tipo di cefalea. Meglio non sottovalutarlo e chiedere il parere del proprio medico di fiducia.

  • Fotolia 8402904 s

    Russamento, digrignamento e apnee notturne

    Se il mal di testa arriva al mattino è molto probabile che la causa sia da cercare nel nostro comportamento notturno. I problemi più comunemente associati a questo tipo di cefalea sono l’abitudine a russare, le apnee notturne, cioè l’assenza temporanea di respiro durante il sonno, e il digrignamento dei denti. In tutti questi casi è preferibile consultare un medico.

  • Fotolia 51123329 s

    Se l’amore fa male alla testa

    È sicuramente tra le cause più piacevoli del mal di testa. Può colpire sia gli uomini sia le donne e il dolore, in entrambi i casi, è proporzionale al piacere provato. Insorge nel bel mezzo dell’attività sessuale e culmina con l’orgasmo, per poi sparire subito dopo. È probabile che questo tipo di cefalea sia legata all’aumento della pressione arteriosa che inevitabilmente insorge quando si fa l’amore. In ogni caso è opportuno approfondire il problema con il medico di fiducia.

  • Fotolia 35123075 s

    Quando l’acqua va in riserva

    Anche la disidratazione, fenomeno che in genere succede in estate, può causare un attacco di mal di testa. In alcune persone basta una perdita di liquidi pari all’1 per cento del peso corporeo per scatenare la cefalea. Un buon motivo per bere tanta acqua ogni giorno.

  • Fotolia 48997326 s

    Influenza e febbre

    Un episodio di influenza porta sempre con se un rialzo febbrile, a volte lieve, altre volte più importante. Il mal di testa insorge, sembra, proprio a causa dell’aumento della temperatura corporea. Alcune persone ne soffrono di più, altre di meno. In ogni caso, i farmaci antinfiammatori non steroidei, come per esempio l’acido acetilsalicilico, usati comunemente per curare l’influenza, hanno anche un effetto antidolorifico, quindi spengono il dolore.

  • Fotolia 39563534 s

    Poco sonno, troppo sonno

    Il rapporto tra il sonno e il mal di testa è ambivalente: da un lato chi non dorme molte ore rischia di trovarsi, il giorno dopo, un bel cerchio alla testa. Ma lo stesso dolore può insorgere se, al contrario, si va a letto alle nove e ci si alza a mezzogiorno. Dormire troppo o troppo poco hanno un effetto nefasto sulla nostra testa. Meglio tenerlo sempre presente.

  • Fotolia 55729876 s

    Raffreddore e sinusite

    Il naso chiuso, per un raffreddore o un allergia, può dare mal di testa. Ma è soprattutto la sinusite, quando cioè si infiammano i seni paranasali che abbiamo negli zigomi e sulla fronte, la causa più comune di cefalea. Se per curare il comune raffreddore virale basta andare in farmacia, per la sinusite e un’allergia è preferibile rivolgersi al proprio medico.

  • Fotolia 48802916 s

    Se alzi troppo il gomito

    Dopo una forte bevuta non è raro soffrire di mal di testa. Il principale responsabile è l’etanolo: viene smaltito nel fegato, ma se la quantità introdotta è superiore a quella che il metabolismo epatico riesce a eliminare, può insorgere nausea e mal di testa. Oltre a un antidolorifico, è opportuno bere molta acqua per aiutare l’organismo a liberarsi dell’etanolo.

  • Fotolia 51304458 s

    Difetti della vista che danno alla testa

    Non vederci bene, da vicino o da lontano, può comportare fastidiosi mal di testa. È soprattutto alla sera, dopo una giornata passata a studiare o lavorare, che insorge di solito questo tipo di cefalea. Per questo è utile, quando si ha il sospetto di un difetto visivo, farsi visitare da un oculista.

  • Fotolia 53441576 s

    Quando cala lo stress

    Chiamato anche mal di testa da weekend, è tipico di chi lavora moltissimo da lunedì a venerdì e al sabato mattina, non appena la tensione cala, si deve arrendere alla cefalea. Non esiste ancora una spiegazione esauriente di questo fenomeno, sembra però che la colpa sia del calo improvviso dello stress, che non permette all’organismo di adattarsi alle nuove, e in teoria più piacevoli, condizioni. In questi casi, oltre a rivolgersi al proprio medico, potrebbe essere utile evitare di sobbarcarsi di lavoro il venerdì, così da cominciare ad allentare le tensioni in vista del weekend.

  • Fotolia 31793079 s

    Troppo tempo davanti al computer

    Anche la normativa italiana sulla sicurezza sul posto di lavoro dice che ogni due davanti a uno schermo bisogna fare una pausa di 15 minuti. Tra i vari problemi a cui si può andare incontro se si sta troppo davanti al pc c’è anche il mal di testa. Quando ci si accorge del problema occorre rivedere alcune cose, come per esempio l’altezza dello schermo, della sedia e della scrivania, la posizione di mouse e tastiera.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su