Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Latte di capra o asina al posto di quello in polvere"

Avrei un'informazione da chiedere riguardante i pasti del bambino. Purtroppo mi sta andando via il latte e per mia sfortuna dovrò iniziare a somministrargli il latte artificiale. Mi hanno suggerito di provare, al posto del latte in polvere, il latte di capra o di asina. Sarei molto interessata ma purtroppo nessuno sa dirmi se bisogna diluirli oppure no.

Il latte materno è l'alimento migliore per il neonato e per il lattante. In sua assenza vanno somministrati i latti formulati studiati appositamente per i neonati: sono formulazioni che si avvicinano alla composizione del latte di donna nei contenuti di calcio, fosforo, sodio, vitamine. Sono addizionate di probiotici, di oligoelementi e acidi grassi insaturi come il latte materno anche se, ovviamente, non saranno mai uguali. La base di partenza per la loro preparazione è il latte vaccino, di cui abbiamo larga disponibilità, che viene modificato profondamente per renderlo adatto al neonato e al lattante. Le formule per neonati hanno il numero 1 e le formule di proseguimento hanno il numero 2 o 3. Il latte di altre specie di mammiferi, vacca, asina, capra, bufala, renna, così come è in natura, non è l'alimento indicato per il lattante. Non sono latti che vengono modificati, ma venduti così come sono, a parte la pastorizzazione: alcuni sono troppo salati, altri hanno un apporto di calcio e fosforo non corretto. Vanno bene per un bambino grande, con una dieta completa, per cui il latte è solo una piccola parte dell'alimentazione. Non sono latti più leggeri, ma solo diversi da quello vaccino: la preferenza per il latte di asina o di capra, rispetto a quello di renna, dipende molto dall'area geografica.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su