La vitamina C tiene a bada i tumori?

Sono sempre di più gli studi che confermano un suo ruolo preventivo (e non solo) nella lotta contro il cancro.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
Tumori vitamina C prevenzione

Sono sempre di più gli studi che confermano un ruolo preventivo (e non solo) di questo nutriente nella lotta contro il cancro. Diverse ipotesi in campo per spiegare il fenomeno.

Se ne parla ormai da anni: la vitamina C e in generale tutte le molecole dotate di attività antiossidante potrebbero avere un ruolo nel tenere sotto controllo i tumori.

Uno studio pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences, per esempio, ha dimostrato che la somministrazione di vitamina C per via endovenosa potrebbe ridurre la crescita di alcune neoplasie molto aggressive.

Risalgono a circa trent’anni fa gli studi con cui il premio Nobel per la chimica Linus Pauling, in collaborazione con Ewan Cameron, evidenziava come la vitamina C per via endovenosa, potesse prolungare in maniera significativa la vita dei pazienti affetti da un tumore in stadio avanzato.

La ricerca sui topi

Lo studio, condotto da un team di ricercatori dei National Institutes of Health, sembra confermare le intuizioni di Pauling e le capacità della vitamina C di bloccare la crescita di tumori molto aggressivi.

Per dimostrarlo hanno impiantato tre forme di tumore (del pancreas, delle ovaie, del cervello) in un gruppo di topi. Dopodiché sono stati sottoposti a iniezioni giornaliere di alte dosi di acido ascorbico (oltre 4 grammi per chilo di peso corporeo).

In quelli trattati con vitamina C è stata osservata una crescita delle cellule cancerose pari alla metà di quella riscontrata nei ratti non sottoposti a terapia.

Alla base dell’azione anticancro della vitamina C, spiegano gli studiosi, c’è infatti la liberazione di perossido di idrogeno – generato appunto da elevate quantità della sostanza – che agisce contro le cellule cancerogene risparmiando quelle sane.

Le virtù segrete degli antiossidanti

Un altro studio, realizzato dalla Johns Hopkins University di Baltimora e pubblicato su Cancer Cell, ha scoperto che la vitamina C e altri antiossidanti sono in grado di contrastare la crescita di alcuni tipi di tumore secondo un meccanismo diverso da quello finora ipotizzato.

Le ipotesi più accreditate, fino a oggi, facevano riferimento alle proprietà degli antiossidanti di contrastare i radicali liberi, molecole instabili prodotte in larga quantità durante la crescita tumorale, e di riparare il materiale genetico colpito da tali molecole.

Secondo gli autori dello studio, invece, al centro di tutto ci sarebbe una proteina: l’HIF-1 (Hypoxia-Induced Factor, fattore di induzione dell’ipossia), indispensabile allo sviluppo dei tumori. Questa proteina si mette in moto favorendo la crescita delle cellule tumorali soltanto in presenza di radicali liberi.

In pratica, alcuni tumori a crescita rapida consumano parecchia energia, arrivando a deprivare di ossigeno il loro ambiente. A questo punto, in presenza di radicali liberi, subentra l’HIF-1 che compensa questa mancanza producendo l'energia necessaria alla crescita tumorale senza il ricorso all’ossigeno.

In presenza di antiossidanti, come la vitamina C, che rimuovono i radicali liberi, HIF-1 non si attiva e così si arresta la crescita del tumore.

VIDEO

Tumori: le regole della prevenzione

Tumori prevenzione screening

Prevenire i tumori è possibile. Agendo sugli stili di vita anzitutto, e poi con campagne di screening mirate.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

A cosa servono le vitamine

  • Fotolia 45581482 s

    Vitamina A

    Fondamentale per la vista, una sua eventuale carenza comporterebbe problemi agli occhi. Ma non solo: è anche un potente antiossidante ed è dotata di proprietà antinfiammatorie. Secondo una ricerca pubblicata su Neuroscience, la vitamina A sembra essere coinvolta anche nei processi cerebrali di apprendimento e memoria, dal momento che agisce su alcune cellule dell’ippocampo deputate a queste funzioni.

  • Fotolia 47832258 s

    Vitamine del gruppo B

    L’unione fa la forza: se prese tutte assieme, le vitamine del gruppo B danno una grossa mano soprattutto agli studenti. Oltre a partecipare alle reazioni a cui vanno incontro i nutrienti per essere trasformati in energia, infatti, sono coinvolte a vari livelli nei processi cognitivi, come l’apprendimento, la memoria e la capacità di concentrazione.

  • Fotolia 46625196 s

    Vitamina B9 (acido folico)

    È la vitamina delle future mamme: se è in arrivo un bebè è importante che la donna assuma un integratore a base di acido folico, per prevenire la spina bifida nel figlio. Oltre a ciò, l’acido folico lavora in stretta collaborazione con la vitamina B12 nella formazione dei globuli rossi e nella funzionalità del ferro.

  • Fotolia 46150097 s

    Vitamina C

    Nota soprattutto per le sue proprietà di rinforzo del sistema immunitario, preziosa quindi durante il periodo dei malanni invernali, la vitamina C esercita anche un’azione positiva sulla sintesi di collagene, quindi è in grado di irrobustire i vasi sanguigni, favorire la guarigione delle ferite e delle fratture ossee e mantenere sani i denti e le gengive.

  • Fotolia 52142184 s

    Vitamina D

    Essenziale per le ossa e i denti, la vitamina D interviene anche nella regolazione del metabolismo del calcio e del fosforo, regolandone l'assorbimento intestinale. È prodotta dalla pelle soltanto se esposta alla luce del sole.

  • Fotolia 52034984 s

    Vitamina E

    È un potentissimo antiossidante, quindi protegge i vari tessuti (compresa la pelle) dai danni provocati dai radicali liberi, responsabili dei processi di invecchiamento cellulare. Svolge un ruolo importante anche nel rinforzare il sistema immunitario.

  • Fotolia 47387129 s

    Vitamina H (biotina)

    Svolge un ruolo importante nel funzionamento del midollo osseo e nella salute della pelle e soprattutto dei capelli. In più contribuisce alla formazione degli acidi grassi e facilita il metabolismo degli aminoacidi e dei carboidrati.

  • Fotolia 28349527 s

    Vitamina K

    Nota anche vitamina antiemorragica, nel senso che la vitamina K è coinvolta nella coagulazione del sangue: è infatti indispensabile per la normale produzione, a livello del fegato, dei fattori della coagulazione.

  • Fotolia 47508934 s

    Vitamina P (niacina)

    Coinvolta nella regolazione del sistema nervoso (sembra svolgere un ruolo nel controllo dell’ansia) e nel metabolismo di carboidrati, grassi e proteine. La sua azione più nota è quella di prevenzione nei confronti della pellagra, una malattia legata alla sua carenza un tempo molto diffusa.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI VITAMINE E INTEGRATORI
Torna su