Pubblicità
Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 2 minuti
Parainfluenza virus

La carica dei virus non influenzali

Aver fatto l'influenza non ci mette al riparo da molti altri virus che inducono sintomatologie molto simili. Ecco come combatterle.

Quanto hai trovato interessante questo contenuto?
 

Chi crede di essere al riparo perché “ha già fatto l’influenza” deve stare attento: ci sono in giro altre forme di malanni invernali non meno fastidiosi.

Danno sintomi molto simili, ma se uno ha già fatto l’influenza di stagione può pensare di essere ormai al riparo.

Invece non sono gli stessi virus quelli che stanno mettendo a letto molte persone in questo inizio d’anno.

Da un lato c’è chi ha passato o sta passando giorni d’inferno con nausea costante, vomito e, magari, anche disturbi intestinali, e, dall’altro lato, c’è chi è costretto a casa, se non a letto, da mal di gola, abbassamento della voce, talvolta accompagnati da febbre.

Sembra influenza, ma non lo è

I colpevoli sono invece altri virus, come i norovirus, gli adenovirus e i coronavirus, tutti in grado di indurre forme praticamente indistinguibili da un’influenza o un raffreddore, aggredendo il sistema gastrointestinale i primi, e le alte vie respiratorie gli altri.

Sebbene anche queste infezioni siano in grado di stimolare la produzione di anticorpi che, in un certo grado, potrebbero proteggerci anche dalla vera e propria influenza, non cantiamo vittoria troppo presto.

Anche in questi casi gli esperti consigliano riposo e quei farmaci, come gli antinfiammatori non steroidei, che tengono a bada i sintomi.


Quanto hai trovato interessante questo contenuto?
 

Articolo scritto da:
VIDEO

Raffreddore e influenza: perché usare un antinfiammatorio?

Raffreddore influenza antinfiammatori

I sintomi del raffreddore e quelli dell'influenza, sebbene causati da agenti diversi hanno in comune l'infiammazione. Il farmacista ci spiega come mai sono utili gli antinfiammatori in entrambi i casi.

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su